All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

0

Stefano Maurizi: Nostalgie de l'avenir

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Stefano Maurizi: Nostalgie de l'avenir
Dedicato alla città di Parigi, nella quale vivono e operano i musicisti del quartetto (due italiani e due francesi), questo CD a firma del pianista Stefano Maurizi ha numerose interessanti peculiarità che ne fanno un'opera di spiccato interesse.

In primo luogo, pur essendo la formazione piuttosto classica - specie nel contesto della nazionalità dei suoi membri - non siamo di fronte a un lavoro di musette o di tango, anzi, i brani più interessanti degli otto in scaletta hanno caratteri quasi nordici, nella loro sospensione e avvincente astrattezza.

In secondo luogo, le composizioni - a firma di tutti i musicisti - hanno complessità e originalità, oltre a includere due brani completamente improvvisati - ispirati da Arvo Pärt - e un omaggio a Leo Ferré - la traccia d'apertura, che è già un "manifesto" della poetica del gruppo e che è al contempo originale e bellissima.

Infine, gli impasti delle quattro voci sono eccellentemente bilanciati e conferiscono al suono del quartetto un colore e una singolarità considerevoli. Ciò grazie anche al valore dei singoli, tutti caratterizzati da spiccate qualità personali: eclettico ed espressivo il pianismo del leader, che mai si rifugia in stilemi classici; originalissimo David Venitucci, che talvolta emula il ruolo di strumenti assai diversi (ad esempio del violino) e talaltra prende assoli lirici che poco hanno a che fare con il ruolo classico della fisarmonica; padrone del contrabbasso nelle sua diverse forme espressive l'ottimo Mauro Gargano, che spicca a più riprese anche in assolo; presente con la batteria coloristicamente, in contrappunto con gli altri strumenti, Antoine Banville.

Ne viene fuori un gran bel disco, disteso e narrativo, ma aperto e dalle sonorità al tempo stesso eleganti e avvincenti, che ha i suoi picchi nelle due tracce improvvisate - ove il contrappunto delle voci ha il massimo rilievo - oltre che in "Avec le temps" di Ferrè, toccante soprattutto nell'introduzione e nella coda (a dimostrazione che il valore è indipendente dall'originale) e nella drammaturgica "Processione".

Ottimo lavoro e musicisti degni di futura e allertata attenzione.

Track Listing

1. Avec le temps (Leo Ferrè) - 3:33; 2. Alina Impromtu (Maurizi-Venitucci-Gargano-Banville) - 4:54; 3. Urban Jungle (Maurizi) - 7:11; 4. Le sémaphore (Venitucci) - 5:57; 5. Vicoli segreti (Maurizi) - 3:06; 6. Processione (Gargano) - 9:27; 7. Monoica (Banville) - 5:34; 8. Shadows of Alina (Maurizi-Venitucci-Gargano-Banville) - 4:59.

Personnel

Stefano Maurizi (pianoforte), David Venitucci (fisarmonica), Mauro Gargano (contrabbasso), Antoine Banville (batteria).

Album information

Title: Nostalgie de l'avenir | Year Released: 2013 | Record Label: The Culture Project

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Read ReFocus
ReFocus
Tim Garland
Read Quiet Places
Quiet Places
Andreas Vollenweider
Read Duplexity
Duplexity
John Blum and Jackson Krall
Read Now
Now
Lafayette Gilchrist
Read 25 Years
25 Years
Edward Simon
Read Splatter
Splatter
Roscoe Mitchell

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.