All About Jazz

Home » Articoli » Book Review

0

Noah Howard: Music In My Soul

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Noah Howard

Music in My Soul

Buddy Knife

148 pagg. - 18 euro

Tra le tante figure "minori" del free jazz [e l'aggettivo "minore" non vada inteso come giudizio, ma solo come constatazione oggettiva di popolarità e influenza], quella di Noah Howard, scomparso nel 2010 a nemmeno settant'anni, è ricca di interessanti spunti.

Specialista del sax contralto, debuttante nel 1965 per la ESP con un paio di dischi a proprio nome, "americano a Parigi" con molti colleghi nell'irripetibile biennio 1969/71 e stretto collaboratore di Frank Wright, si è trasferito agli inizi degli anni Ottanta a Bruxelles, gestendo uno studio e continuando una intensa attività di musicista e di esploratore sonoro.

Molto amato dagli appassionati di rarità e gemme nascoste free [cose come il notevole Black Ark in compagnia dell'irrequieto Arthur Doyle], poco prima della sua scomparsa Howard ha affidato ricordi e impressioni alle pagine di un'autobiografia, ora pubblicata da quella piccola e coraggiosa casa editrice tedesca che risponde al nome di Buddy Knife, già impegnata a pubblicare testi di Henry Grimes o William Parker.

Importante in questa operazione editoriale è stato anche il supporto della moglie di Howard, Lieve Fransen, che nella commovente postfazione ricorda i dolorosi giorni dell'improvvisa morte del musicista e che ha fortemente voluto che l'autobiografia venisse pubblicata.

Lo stile è semplice e diretto, non privo di qualche ripetitività, ma dotato di una naturale scorrevolezza che porta il lettore dall'infanzia a New Orleans alle prime esperienze nella West Coast, nel ribollente Lower East Side degli anni Sessanta e a Parigi, in Africa e in giro per il mondo. Sfilano così incontri e occasioni, aneddoti e riflessioni, Sun Ra e Archie Shepp, Han Bennink e Albert Ayler [musicista che insieme a Coltrane ebbe una grandissima influenza per Howard], un una vita accompagnata da una energia sempre dolcissima e contagiosa.

Forse gli studiosi più esigenti potrebbero rimanere un po' delusi dal poco spazio dedicato a riflessioni davvero puntuali sulla musica stessa di Howard e dei suoi colleghi - affidate principalmente a un breve capitolo conclusivo - e non manca l'aneddotica confortante e un po' autoreferenziale tipica di qualsiasi autobiografia ["Il tal musicista mi disse che adorava quello che facevo" e così via], ma il racconto è sempre piacevole e fornisce una testimonianza onesta e diretta di stagioni del jazz spesso banalizzate e sottovalutate.

Post a comment

Tags

More

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.