All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

1

Hans Olding: No Place Like Home

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Il chitarrista svedese Hans Olding si sta avvicinando alla soglia dei quarant'anni (è nato a fine febbraio del 1975) e dimostra di aver raggiunto una maturità ben evidente. In questo album le sette composizioni eseguite sono tutte scritte da lui e mostrano quanto sappia coordinare le linee melodiche con le armonie raffinate e moderne del jazz del nuovo secolo. I brani sono affrontati in quartetto con l'aggiunta in un paio di brani di vibrafono e di clarinetto.

L'esecuzione è elegante e solida, ben strutturata. Per certi versi ricorda i maestri dello strumento della seconda metà del secolo scorso, da Attila Zoller a Kenny Burrell, da George Benson a Jimmy Raney. Senza dimenticare musicisti più recenti come Pat Metheny e Kurt Rosenwikel. Ma Hans Olding ha la capacità di esprimere una sua voce originale, con proprie peculiarità e con uno svolgimento narrativo che si fa sempre interessante, anche riascoltandolo più e più volte. Adesso il passo successivo potrebbe essere quello di abbandonare alcune certezze ormai acquisite, per tuffarsi a testa in giù nelle acque più pericolose. Diamo tempo al tempo.

Track Listing: 01. Between Olympics; 02. Afro Tune; 03. A New Deal; 04. Cope With Me; 05. Olding Swing; 06. Unfiltered; 07. I Wash the City Off My Skin (No Place Like Home).

Personnel: Hans Olding (chitarra); Linus Lindblom (sax tenore); Par-Ola Landin (basso); Chris Montgomery (batteria); Mattias Stahl (vibrafono); Fredrik Ljungkvist (clarinetto).

Title: No Place Like Home | Year Released: 2013 | Record Label: Point of Departure, WMPG-FM

Tags

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related Articles

Read Mask of the Muse
Mask of the Muse
By Geno Thackara
Read And I Love Her
And I Love Her
By Mike Jurkovic
Read Autonomus I - XXX
Autonomus I - XXX
By Anthony Shaw
Read Ready Or Not
Ready Or Not
By Doug Collette