All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

1

New York Art Quartet: New York Art Quartet

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
New York Art Quartet è il primo dei due dischi che questa formazione registrò prima di sparire dalla scene nella seconda metà degli anni Sessanta (il secondo è Mohawk, registrato per la Fontana).

Il quartetto, nato dopo la fine dell’esperienza dei New York Contemporary Five, univa alcuni dei più giovani free-jazzisti della prima metà degli anni Sessanta ed esordì con questo notevolissimo lavoro, per certi versi ancora oggi ricco di tratti attuali e originali. Tra questi c’è la capacità di tenersi a debita distanza dalla furia del free che stava montando in quegli anni, ma anche dall’altro disco Esp dello stesso periodo in cui si ritrovano Rudd e Tchicai come fron-line fiatistica (New York Eye and Ear Control ESP 1016).

In New York Art Quartet si ascolta un free più riflessivo rispetto a quello sperimentato all’epoca anche se non sono rari i rimandi a Ornette Coleman ("No. 6") o ad Ayler (la fanfara dell’articolata "Rosmosis").

Assolutamente eloquenti in questo senso sono i primi tre pezzi del disco.

Tra questi c'è anche il celebre "Black Dada Nihilismus" che divenne a suo tempo il manifesto di un’epoca, con la giovane voce di Amiri Baraka a interpretare l’alfiere della rivincita e della nuova filosofia afroamericana.

I temi esposti da un unisono frastagliato, lasciano ampio spazio a tutti gli strumentisti e la vocalità del trombone di Rudd, l’inflessione decadente di Tchicai, i tempi sempre molto liberi, la cupezza di Worrell e l’abbandono ritmico di Graves, autentico regista di questa session, creano un quadro crepuscolare e prospettico ma allo stesso tempo peculiare su quello che era il fenomeno della New Thing nel 1964.

Il gruppo si riunì in diverse occasioni tra la fine degli anni Novanta e i primi anni di questo decennio con Reggie Workman al posto di Worrell. Tra l’altro il quartetto ebbe anche l’occasione di aprire un concerto dei Sonic Youth a New York. Al festival di Willisau, nel 2002, anche Tchicai è stato sostituito da un improbabile John Zorn.

Track Listing: 01. Short - 8:22; 02. Black Dada Nihilisus - 3:37; 03. Sweet - 8:24; 04. Rosmosis - 4:56; 05. Untitled- 9:53; 06. No. 6 - 8:07.

Personnel: Roswell Rudd (trombone); John Tchicai (sax alto); Lewis Worrell (contrabbasso); Milford Graves (percussioni); Leroi Jones (voce).

Title: New York Art Quartet | Year Released: 2009 | Record Label: ESP Disk

About Roswell Rudd
Articles | Calendar | Discography | Photos | More...

Tags

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related

Read The Real Blue
The Real Blue
By Jack Bowers
Read City Abstract
City Abstract
By Dan Bilawsky
Read Spectrum
Spectrum
By Mike Jurkovic
Read Munich 2016
Munich 2016
By Karl Ackermann