All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

0

Daniele Di Bonaventura: Nadir

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Daniele Di Bonaventura: Nadir
Un disco come questo era nell'aria da tempo, da quando Daniele Di Bonaventura ha iniziato a far trapelare senza più ritrosie la sua altra pelle, accanto a quella del bandoneonista, ovvero quella di pianista (che poi, cronologicamente parlando, arriva pure prima). E appare quindi indovinato che Nadir - complice Paolo Fresu - sia venuto fuori come doppio CD, con le succitate due anime che si accaparrano un dischetto a testa.

Diciamo subito che il Di Bonaventura che più amiamo rimane il primo, capace di abbandoni e ritegni a cui uno strumento dell'indicibile pathos (ri)evocativo del "piccolo organo" argentino (in realtà tedesco, di nascita) dà voce nella maniera più consona, sul piano idiomatico e soprattutto poetico-emozionale.

Quegli stessi abbandoni, spogliati di tale pelle e trasposti sul versante di un classico piano trio di almeno nominale ascendenza jazzistica, finiscono infatti per scivolare un po' sulla buccia di banana di un descrittivismo a tratti fin troppo stirato, autoindulgente, quasi estenuato, che, considerato quanto circola in giro, non si pone esattamente ai vertici di settore.

Ovviamente ogni artista è libero di scegliere i tracciati che più gli aggradano, e comunque il Di Bonaventura pianista ha certo più di una freccia al proprio arco. L'iniziale "Kyrie Eleison," lirico e sospeso, molto immaginifico, alimenta per esempio belle promesse, poi mantenute almeno in "Movimento andino," dalla cantabilità rotonda e danzante, e nell'elegante piano solo conclusivo. Per il resto, come detto, nuoce un minimo quel gusto a tratti troppo scopertamente estetizzante, una certa esilità di fondo.

Assolutamente grandioso, per contro, il CD al bandoneon (in quartetto), dominato da una musicalità monumentale, con un clima per lo più meditativo, con la musica che respira in maniera veramente magistrale, non senza periodiche impennate verso territori più accesi. Che sia tutta una questione di strumentario (compresa la chitarra "aumentata" di Peghin, senza dimenticare l'apporto di contrabbasso e percussioni)? Del tutto probabile, a nostro avviso. Anche perché, come si diceva, la sorgente ispirativa è di fatto la stessa (non così i temi: l'unico che ritorna è proprio "Nadir").

Un album, comunque la si veda, senz'altro da non perdere.

Track Listing

CD 1: 01. Maria e il mare; 02. Così lontano… così vicino; 03. Sine nomine; 04. Preludio e danza; 05. Litania; 06. Nadir; 07. Vola vola vola; 08. Canto; 09. L’ultimo addio; 10. Maria e il mare [reprise]. CD 2: 01. Kyrie eleison; 02. La mia terra; 03. Giochi tonali; 04. Metafora semplice; 05. Diaries; 06. Nadir; 07. Movimento andino; 08. Corale; 09. Tony’s Lament; 10. Orizzonte; 11. Preghiera.

Personnel

CD 1: Daniele Di Bonaventura (bandoneon); Marcello Peghin (chitarra 10 corde); Felice Del Gaudio (contrabbasso); Alfredo Laviano (percussioni). CD 2: Di Bonaventura (pianoforte); Yuri Goloubev (contrabbasso); U.T. Gandhi (batteria).

Album information

Title: Nadir | Year Released: 2013 | Record Label: Porsche Padua Jazz Festival

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.