1

Gochag Askarov, Pierre de Trégomain: Mugham Souls

Alberto Bazzurro By

Sign in to view read count
Prosegue la meritoria perlustrazione dell'universo mugham, quindi della musica azera di marca più o meno contemporanea, da parte della Felmay, come già in passato riferendosi a colui che ne è uno dei massimi esponenti, Gochag Askarov, per l'occasione in una condivisione inusuale (che ne testimonia l'ammirevole curiosità creativa) con il collega francese Pierre de Trégomain, di formazione jazzistica per quanto a sua volta sui generis.

L'elemento che lega i due cantanti è certamente l'improvvisazione, anche se un rigore formale abbastanza stringente non manca certo di caratterizzare il disco, registrato dal vivo a Baku nel novembre 2016. Sei i brani, in particolare con tre temi tradizionali rielaborati da Trégomain.

La partenza è affidata, brevemente, al solo Karimov, da intendersi come prologo al concerto vero e proprio che si apre col secondo brano (nonché prima rielaborazione del francese), caratterizzato dalla ricchezza ritmica e cromatica tipica del mugham, sempre di grande suggestione, e le voci che lo percorrono praticamente da cima a fondo, lasciando quindi la scena al pianoforte per l'avvio del brano seguente, con successivo sviluppo corale in un clima concentrato e sognante, impennata nel sottofinale e chiusura di temperatura vagamente liturgica.

Decisamente più occidentale il successivo "Shelter Bayati Shiraz," nuovamente targato Trégomain, almeno finché non entrano in scena Askarov e, di seguito, la kamancha (ad arco), con ripresa del francese, ancora Askarov e Mikayilov, e via dicendo, in una ciclicità che accompagna fino alla fine il brano, sorta di ideale quintessenza dell'intero lavoro.

Segue, docile, il terzo e ultimo episodio riconducibile a Trégomain, con testo non a caso in francese, mentre parte in quarta il conclusivo "All Stars," sorta di jam finale prevalentemente strumentale, con periodici inserti vocali dei due firmatari. Piano e percussioni la fanno in qualche modo da padroni, prima del collettivo di commiato.

Album di felice impatto e adeguata varietà. Senz'altro consigliato.

Track Listing: Heartbeat; Let Me Be Voice Bayati Kurd; Sari Gelin; Shelter Bayati Shiraz; Conducteur; All Stars.

Personnel: Gochag Askarov, Pierre de Trégomain: voice; Elnur Mikayilov: kamancha; Kamran Karimov: naghara; Ibrahim Babayev: tar; Vasif Huseynzade: piano; Yusif Azizov: percussions.

Title: Mugham Souls | Year Released: 2017 | Record Label: Felmay


Tags

Related Video

comments powered by Disqus

More Articles

Read The Study of Touch CD/LP/Track Review The Study of Touch
by Karl Ackermann
Published: October 20, 2017
Read Another North CD/LP/Track Review Another North
by Roger Farbey
Published: October 19, 2017
Read Gledalec CD/LP/Track Review Gledalec
by John Sharpe
Published: October 19, 2017
Read Flux Reflux CD/LP/Track Review Flux Reflux
by Glenn Astarita
Published: October 19, 2017
Read Christmas With Champian CD/LP/Track Review Christmas With Champian
by Dan McClenaghan
Published: October 19, 2017
Read Harmony of Difference CD/LP/Track Review Harmony of Difference
by Phil Barnes
Published: October 18, 2017
Read "Time on My Hands" CD/LP/Track Review Time on My Hands
by Jack Bowers
Published: December 10, 2016
Read "Transparent Water" CD/LP/Track Review Transparent Water
by Dan Bilawsky
Published: February 20, 2017
Read "United" CD/LP/Track Review United
by Mark Sullivan
Published: March 23, 2017
Read "Meditations on Freedom" CD/LP/Track Review Meditations on Freedom
by Karl Ackermann
Published: January 11, 2017
Read "Metal Na Madeira" CD/LP/Track Review Metal Na Madeira
by Jim Trageser
Published: January 6, 2017
Read "Here’s to You..." CD/LP/Track Review Here’s to You...
by C. Michael Bailey
Published: November 9, 2016

Join the staff. Writers Wanted!

Develop a column, write album reviews, cover live shows, or conduct interviews.