All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

Matthew Bourne: Montauk Variations

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Montauk Variations è il terzo album in solo del pianista Matthew Bourne. Il primo in studio (dopo il debutto con "For John Zorn & Mike Osborne" del 2001 e "The Molde Concert" del 2007), registrato a Montauk, in cui il prolifico improvvisatore britannico si trova davvero solo con il suo piano. Operazione complessa per uno navigato come Bourne, che poteva dare frutti ben più cervellotici, e che ci regala invece una musica davvero bella.

Non è azzardato pensare che le Montauk Variations siano nate in modo del tutto analogo a quello in cui un pittore sente il bisogno, ad un certo punto della sua carriera, di realizzare una personale. Le quindi tracce si presentano ciascuna come un quadro in cui improvvisazione, composizione, scomposizione (dell'altrui opera), dedica, sperimentazione, emozione, passato e presente, si fondono e mescolano, con un risultato estetico di particolare bellezza e armonia.

Il pianoforte di Bourne è tutto. Il suo spazio, tutto, è usato per fare musica, tastiera, pedali, cassa, martelletti, corde, smorzatori. Tutto lo spazio si riempie della musica di Bourne. Tutto Bourne è il suo piano. Bourne passa attraverso di esso, lo infilza, lo percuote, lo accarezza, lo trapassa di emozioni e riflessioni, senza lasciarlo solo per un solo secondo. La sua è una dolcezza che scuote pensando che è improvvisazione, che c'è un'anima che si ritrova davanti al suo strumento, proprio come un pittore davanti alla sua tela bianca, in una intimità vertiginosa.

Le diciassette variazioni devono molto a tutti coloro che hanno attraversato il percorso umano e musicale di Bourne. Le dediche al chitarrista Jonathan Flockton, a John Zorn, al vocalist/chitarrista Neil Dyer, a Philip Butler-Francis, a Paul Bolderson, raccontano tanti incroci.

La materia musicale, dedica a parte, è tutta, profondamente, intimamente sua. I due poli sono "Air," prima, lievissima traccia, e "Unsung," cupo e scuro passaggio, verso "Smile," che in modo enigmatico e autoironico (non a caso è scritto da Charles Chaplin) chiude trasformazioni e variazioni dell'anima.

Intimo come poca improvvisazione sa essere.

Track Listing: Air (for Jonathan Flockton); The Mystic; Phantasie; Infinitude; Étude Psychotique (for John Zorn); Within; One for You, Keith; Juliet; Senectitude; The Greenkeeper (for Neil Dyer); Abrade; Here (In Memory of Philip Butler-France); Gone (In Memory of Philip Butler-France); Knell (In Memory of Philip Butler-France); Cuppa Tea (for Paul Bolderson); Unsung; Smile.

Personnel: Matthew Bourne: piano, cello.

Title: Montauk Variations | Year Released: 2012 | Record Label: The Leaf Label

Tags

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Album Reviews
Live Reviews
Album Reviews
Interviews
Album Reviews
Read more articles
Nightports

Nightports

The Leaf Label
2018

buy
 

Chansons D'Amour

Thirsty Ear
2012

buy
Montauk Variations

Montauk Variations

The Leaf Label
2012

buy
 

Lost Something

Hollywood & Highland Summer Jazz Concert Series
2008

buy

Related Articles

Read When Will The Blues Leave Album Reviews
When Will The Blues Leave
By Karl Ackermann
May 22, 2019
Read Crowded Heart Album Reviews
Crowded Heart
By Dan Bilawsky
May 22, 2019
Read Infinite Itinerant Album Reviews
Infinite Itinerant
By Geno Thackara
May 22, 2019
Read Pulcino Album Reviews
Pulcino
By Nicholas F. Mondello
May 22, 2019
Read Hastings Jazz Collective/Shadow Dances Album Reviews
Hastings Jazz Collective/Shadow Dances
By Dan McClenaghan
May 21, 2019
Read That's a Computer Album Reviews
That's a Computer
By Jerome Wilson
May 21, 2019
Read All I Do Is Bleed Album Reviews
All I Do Is Bleed
By Paul Naser
May 21, 2019