All About Jazz needs your help and we have a deal. Contribute $20 (or more) and we'll hide those six pesky Google ads that appear on every page for a full year! You'll also fund website expansion.


I want to help

6

Franco D'Andrea: Monk and the Time Machine

Paolo Peviani By
Published:
Sign in to view read count
Franco D'Andrea: Monk and the Time Machine Negli ultimi tempi, Franco D'Andrea sta attraversando una fase artistica molto felice. A settantatre anni compiuti, si potrebbe quasi parlare di una sua seconda giovinezza. Non fosse che la prima giovinezza, nell'animo del pianista meranese, non si è mai conclusa.

La curiosità, lo spirito d'avventura, la volontà di ricerca, sono intatti come agli esordi, parte fondamentale della sua attività musicale. Così come erano parte fondamentale dell'arte di Thelonious Monk, cui è dedicato questo album e da sempre al centro (uno dei centri) del percorso musicale di D'Andrea.

Dopo numerose rivisitazioni—prevalentemente in solo—del repertorio monkiano, D'Andrea questa volta ha deciso di dedicargli un album in sestetto. Un doppio CD, un lavoro importante, nel quale D'Andrea non si limita (sarebbe riduttivo) a semplici riproposizioni di brani che hanno fatto la storia del jazz ("Misterioso," "Epistrophy," "Blue Monk..."), ma tende piuttosto a mescolare temi monkiani e composizioni originali, ad utilizzare la musica di Monk come "un pretesto, un punto di partenza", per dare corpo alla propria visione della musica.

Una visione sempre oscillante tra passato e futuro, tra traditions e clusters (per citare il titolo di un suo album del 2012). Un viaggio tra le epoche a bordo di una meravigliosa macchina del tempo (una Time Machine, appunto) composta da alcuni tra i nostri musicisti più consapevoli ed appassionati del percorso storico del jazz.

A tratti le affinità con l'estetica monkiana sono palesi, altre volte più sfuggenti. Ma, come dice D'Andrea, Monk "non avrebbe gradito un'operazione museale". Ciò che conta è lavorare "nel suo spirito, rovesciando e cercando sempre cose nuove" . Ed anche, aggiungiamo noi, evitando che il tutto sia troppo esplicito e manifesto.

Una musica ricca di rimandi, accenni, non detti, che comunicano più di mille note.


Track Listing: CD 1: 1. Into the Mystery - Deep Riff; 2. Light Blue - Epistrophy; 3. Misterioso - Monk’s W.T.L. - Bright Mississippi; 4. Monk’s Mood - O.T. Abstraction; 5. Monodic - Well You Needn’t
CD 2: 1. A New Rag Suite; 2. I Mean You; 3. Monk’s W.T. L. - Locomotive; 4. Un Gioco; 5. Blue Monk; 6. Brake’s Sake; 7. Naif; 8. Blue Monk - Braje’s Sake - Naif - Un Gioco; 9. Coming on the Hudson; 10. Brae’s Sake (alternate take); 11. Coming on the Hudson (alternate take).

Personnel: Franco D'Andrea: pianoforte; Andrea Ayassot: sax alto, sax soprano; Daniele D'Agaro: clarinetto; Mauro Ottolini: trombone; Aldo Mella: contrabbasso; Zeno De Rossi: batteria.

Year Released: 2014 | Record Label: Parco Della Musica


Related Video

Shop For Jazz

CD/LP/Track Review
Read more articles
Monk and the Time Machine
Monk and the Time...
La Parco Della Musica
2014
buy
Traditions And Clusters
Traditions And...
El Gallo Rojo Records
2012
buy

Post a comment

comments powered by Disqus

Join the staff. Writers Wanted!

Develop a column, write album reviews, cover live shows, or conduct interviews.