All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

0

Gene Ess: Modes of Limited Transcendence

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Gene Ess: Modes of Limited Transcendence
Il chitarrista asiatico Gene Ess parte dai Queens di New York per offrire il suo punto di vista molto filosofico sul mondo, in compagnia di validi scudieri che gli consentono di offrire una musica assolutamente adeguata agli standard del jazz moderno. Le sue otto composizioni sono ben strutturate, con interessanti soluzioni armoniche che risentono probabilmente del fatto che Gene Ess è anche un buon pianista. In occasione di questo album si concentra solamente sulle sei corde lasciando all'amico Tigran Hamasyan la gestione delle tastiere.

La ritmica è affidata al bravo batterista Tyshawn Sorey e al veterano Harvie Swartz (che adesso si fa chiamare Harvie S), un bassista molto portato a lavorare con i chitarristi. L'interazione fra i quattro musicisti è di buon livello e non ci sono asprezze o incertezze di sorta. In particolare il blues angolare dedicato a Messiaen e l'omaggio al Gagaku giapponese sono momenti di buona intensità svolti con competenza ed espressività.

Il suono è forse un po' derivativo e nel fraseggio fluido e consistente di Gene Ess possiamo trovare tracce di Pat Metheney e di Frank Gambale, ma le indubbie influenze che via via si evidenziano sono sempre sottilmente condite con una peculiare visione personale che riesce a validare degnamente il tutto.

Track Listing

Ryo's First Flight; Discovery in Three; Trance Chant; Art of Nothingness; Hero To Wizard; Messiaen Shuffle; Gagaku Dreams; Sufficient Reason.

Personnel

Gene Ess: electric guitar; Tigran Hamasyan: piano, Fender Rhodes; Harvie S: bass; Tyshawn Sorey: drums.

Album information

Title: Modes of Limited Transcendence | Year Released: 2009 | Record Label: SIMP Records

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.