1

Metastasio Jazz 2014

Metastasio Jazz 2014
Neri Pollastri By

Sign in to view read count
Teatro Metastasio e Teatro Fabbricone
Prato
13.02, 27.02 e 03.03.2014

Seguendo la consuetudine degli ultimi anni, anche l'edizione 2014 di Metastasio Jazz—la rassegna pratese diretta da Stefano Zenni—si è articolata su tre date: un numero non ampio, ma sostanziato da proposte di altissimo livello.

Il primo appuntamento, il 13 febbraio al Teatro Fabbricone, ha visto di scena Silvia Bolognesi con il suo Open Combo, che ha festeggiato per l'occasione i dieci anni di attività. Il programma prevedeva perlopiù brani tratti dall'ultimo CD, datato 2009, Large più altre composizioni tra le quali spiccava una lunga suite in più parti, momento particolarmente alto del concerto perché esemplificava le molteplici possibilità di un organico costantemente pronto ad avventurarsi nelle più diverse direzioni.

La caratteristica del Combo—oggi composto da otto musicisti—è quella di scomporsi e ricomporsi ripetutamente nel corso di ciascun brano, affidando parti solistiche e finanche di parziale direzione della musica ora a questo, ora a quel suo membro, cosa che comporta frequenti cambi di atmosfera e suono, pur nella permanenza di una cifra improntata alla ricerca e alla libertà. Cifra che la Bolognesi ha definito nella sua dedica—assai commossa ma semplice e priva di qualsiasi retorica—ad alcuni grandi del passato cui far sempre riferimento: Yusef Lateef, Butch Morris (di cui ricorreva proprio quel giorno il compleanno) e John Tchicai.

Difficile descrivere le direzioni di una musica come quella del Combo, improntata a libertà e costante cangiamento, così come indicarne i principali protagonisti—come ha detto in modo divertito la Bolognesi, con questi musicisti si ha la tentazione di gettare sulla carta delle manciate di note a caso, tanto suonate da loro sarebbero belle lo stesso. Certo nell'organico "pesano" senz'altro molto il vibrafono di Pasquale Mirra e il trombone di Toni Cattano (non caso colonne anche di un'altra splendida formazione della Bolognesi, Almond Tree), così come le ance di Piero Bittolo Bon. Ma, come detto, anche gli altri protagonisti Cristiano Arcelli e Rossano Emili alle ance, Andrea Melani e Simone Padovani alle percussioni—vi svolgono funzioni essenziali a un lavoro che trae linfa dalla diversità.

Una parola a parte per la contrabbassista senese, in tutti sensi anima della formazione: bravissima per tecnica, suono e comunicativa sul suo strumento, tangibilmente leader del gruppo, al quale dettava tempi e direzioni che talvolta sorprendevano non solo gli spettatori ma anche i protagonisti, ideologa del progetto anche quando non autrice in prima persona delle composizioni. In breve: un'artista completa e di valore assoluto.

Complessivamente, la prima serata del festival ha offerto grande soddisfazione a tutto il vasto pubblico e ha anche permesso di poter pensare con orgoglio che per sentire musica viva, inaudita, stimolante e coinvolgente non è necessario andare in cerca di nomi esotici: basta guardare ai nostri musicisti più seri, appassionati e coraggiosi.

Due settimane dopo, sempre di lunedì ma stavolta al Teatro Metastasio, è andato in scena il quasi inedito duo di Michel Portal e Antonello Salis.

Molto diversi quanto a stile sia gestuale—frenetico e irrequieto l'italiano, compassato ma con scoppi di entusiasmo il francese—sia d'abbigliamento—Salis come al solito in colorata tenuta "da mare," Portal invece in sobrio anche se non convenzionale abito nero—i due non sono tuttavia sembrati aver stretto sodalizio a caso: entrambi, infatti, si contraddistinguono non solo per l'intensità dell'approccio emozionale alla musica e ai rispettivi strumenti, ma anche e soprattutto per l'inclinazione verso modalità di ricerca anche estreme—in forma più anarchica Salis, in foggia più composta ma non per questo meno ardita Portal.

L'alchimia tra queste personalità artistiche ha prodotto un concerto forse un po' breve—poco più di un'ora, ma non va dimenticato che Portal non è più giovanissimo—ma molto denso, nel corso del quale i due hanno esplorato tutti i possibili setting strumentali, mescolando piano e fisarmonica con clarone e sax soprano, interagendo fondamentalmente in modo improvvisato, pur lasciando emergere qua e là tracce tematiche.

Tags

Related Video

comments powered by Disqus

More Articles

Read Pittsburgh JazzLive International Festival 2017 Live Reviews Pittsburgh JazzLive International Festival 2017
by C. Andrew Hovan
Published: June 24, 2017
Read Mike Zito at the Iridium Live Reviews Mike Zito at the Iridium
by Mike Perciaccante
Published: June 24, 2017
Read Grand Union Orchestra at Wilton's Music Hall Live Reviews Grand Union Orchestra at Wilton's Music Hall
by Duncan Heining
Published: June 20, 2017
Read Burlington Discover Jazz Festival 2017 Live Reviews Burlington Discover Jazz Festival 2017
by Doug Collette
Published: June 18, 2017
Read Jean Luc Ponty Band at the Boulder Theater Live Reviews Jean Luc Ponty Band at the Boulder Theater
by Geoff Anderson
Published: June 17, 2017
Read ELBJAZZ 2017 Live Reviews ELBJAZZ 2017
by Ian Patterson
Published: June 15, 2017
Read "Lloyd Gregory And Tony Lindsay at Biscuits & Blues" Live Reviews Lloyd Gregory And Tony Lindsay at Biscuits & Blues
by Walter Atkins
Published: December 22, 2016
Read "Omar Sosa Residency at SFJAZZ" Live Reviews Omar Sosa Residency at SFJAZZ
by Harry S. Pariser
Published: May 8, 2017
Read "The Tierney Sutton Band at SFJAZZ Center" Live Reviews The Tierney Sutton Band at SFJAZZ Center
by Asher Wolf
Published: August 17, 2016
Read "Kurt Elling With The Keith Ganz Trio at Jazz Standard" Live Reviews Kurt Elling With The Keith Ganz Trio at Jazz Standard
by Dan Bilawsky
Published: August 2, 2016
Read "Davy Knowles at Higher Ground" Live Reviews Davy Knowles at Higher Ground
by Doug Collette
Published: August 27, 2016

Join the staff. Writers Wanted!

Develop a column, write album reviews, cover live shows, or conduct interviews.