All About Jazz

Home » Articoli » Live Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

1

Metastasio Jazz 2014

Metastasio Jazz 2014
Neri Pollastri By

Sign in to view read count
Teatro Metastasio e Teatro Fabbricone
Prato
13.02, 27.02 e 03.03.2014

Seguendo la consuetudine degli ultimi anni, anche l'edizione 2014 di Metastasio Jazz—la rassegna pratese diretta da Stefano Zenni—si è articolata su tre date: un numero non ampio, ma sostanziato da proposte di altissimo livello.

Il primo appuntamento, il 13 febbraio al Teatro Fabbricone, ha visto di scena Silvia Bolognesi con il suo Open Combo, che ha festeggiato per l'occasione i dieci anni di attività. Il programma prevedeva perlopiù brani tratti dall'ultimo CD, datato 2009, Large più altre composizioni tra le quali spiccava una lunga suite in più parti, momento particolarmente alto del concerto perché esemplificava le molteplici possibilità di un organico costantemente pronto ad avventurarsi nelle più diverse direzioni.

La caratteristica del Combo—oggi composto da otto musicisti—è quella di scomporsi e ricomporsi ripetutamente nel corso di ciascun brano, affidando parti solistiche e finanche di parziale direzione della musica ora a questo, ora a quel suo membro, cosa che comporta frequenti cambi di atmosfera e suono, pur nella permanenza di una cifra improntata alla ricerca e alla libertà. Cifra che la Bolognesi ha definito nella sua dedica—assai commossa ma semplice e priva di qualsiasi retorica—ad alcuni grandi del passato cui far sempre riferimento: Yusef Lateef, Butch Morris (di cui ricorreva proprio quel giorno il compleanno) e John Tchicai.

Difficile descrivere le direzioni di una musica come quella del Combo, improntata a libertà e costante cangiamento, così come indicarne i principali protagonisti—come ha detto in modo divertito la Bolognesi, con questi musicisti si ha la tentazione di gettare sulla carta delle manciate di note a caso, tanto suonate da loro sarebbero belle lo stesso. Certo nell'organico "pesano" senz'altro molto il vibrafono di Pasquale Mirra e il trombone di Toni Cattano (non caso colonne anche di un'altra splendida formazione della Bolognesi, Almond Tree), così come le ance di Piero Bittolo Bon. Ma, come detto, anche gli altri protagonisti Cristiano Arcelli e Rossano Emili alle ance, Andrea Melani e Simone Padovani alle percussioni—vi svolgono funzioni essenziali a un lavoro che trae linfa dalla diversità.

Una parola a parte per la contrabbassista senese, in tutti sensi anima della formazione: bravissima per tecnica, suono e comunicativa sul suo strumento, tangibilmente leader del gruppo, al quale dettava tempi e direzioni che talvolta sorprendevano non solo gli spettatori ma anche i protagonisti, ideologa del progetto anche quando non autrice in prima persona delle composizioni. In breve: un'artista completa e di valore assoluto.

Complessivamente, la prima serata del festival ha offerto grande soddisfazione a tutto il vasto pubblico e ha anche permesso di poter pensare con orgoglio che per sentire musica viva, inaudita, stimolante e coinvolgente non è necessario andare in cerca di nomi esotici: basta guardare ai nostri musicisti più seri, appassionati e coraggiosi.

Due settimane dopo, sempre di lunedì ma stavolta al Teatro Metastasio, è andato in scena il quasi inedito duo di Michel Portal e Antonello Salis.

Molto diversi quanto a stile sia gestuale—frenetico e irrequieto l'italiano, compassato ma con scoppi di entusiasmo il francese—sia d'abbigliamento—Salis come al solito in colorata tenuta "da mare," Portal invece in sobrio anche se non convenzionale abito nero—i due non sono tuttavia sembrati aver stretto sodalizio a caso: entrambi, infatti, si contraddistinguono non solo per l'intensità dell'approccio emozionale alla musica e ai rispettivi strumenti, ma anche e soprattutto per l'inclinazione verso modalità di ricerca anche estreme—in forma più anarchica Salis, in foggia più composta ma non per questo meno ardita Portal.

L'alchimia tra queste personalità artistiche ha prodotto un concerto forse un po' breve—poco più di un'ora, ma non va dimenticato che Portal non è più giovanissimo—ma molto denso, nel corso del quale i due hanno esplorato tutti i possibili setting strumentali, mescolando piano e fisarmonica con clarone e sax soprano, interagendo fondamentalmente in modo improvvisato, pur lasciando emergere qua e là tracce tematiche.

Tags

Watch

comments powered by Disqus

Shop

Start your shopping here and you'll support All About Jazz in the process. Learn how.

Related Articles

Live Reviews
ECM @ Winter Jazzfest 2019
By Tyran Grillo
February 20, 2019
Live Reviews
The 2019 Tibet House U.S. Benefit Concert
By Mike Perciaccante
February 17, 2019
Live Reviews
JAZZTOPAD 2018
By Henning Bolte
February 16, 2019
Live Reviews
America At The Paramount
By Mike Perciaccante
February 16, 2019
Live Reviews
Brussels Jazz Festival 2019
By Martin Longley
February 15, 2019
Live Reviews
Gourmet At April Jazz Club
By Anthony Shaw
February 13, 2019
Live Reviews
Terri Lyne Carrington and Social Science at Cologne Philharmonic
By Phillip Woolever
February 12, 2019