All About Jazz

Home » Articoli » Live Reviews

1

Merano Jazz 2018

Giuseppe Segala By

Sign in to view read count

Kursaal, Teatro Kimm
Merano
10-15.07.2018

Il primo che soffia sulle ventidue candeline di Merano Jazz è Pat Metheny, che con il suo quartetto apre la sezione concertistica di un festival caratterizzato pure da una prestigiosa sezione didattica: l'Accademia Mitteleuropea, diretta da Franco D'Andrea ed Ewald Kontschieder, giunta quest'anno alla diciassettesima edizione con docenti dell'area italiana e germanica che ruotano in frequenza biennale, tra i quali troviamo nel 2018 il sassofonista Pietro Tonolo, il trombettista Matthias Schriefl, il pianista Luca Mannutza, il percussionista José Antonio Molina. Kurt Rosenwinkel era titolare della masterclass che ogni anno vede avvicendarsi all'Accademia meranese grossi nomi della scena internazionale, in qualità di Artist in Residence.

Lo stesso D'Andrea focalizza il proprio apporto didattico in una masterclass che tocca ogni volta tematiche dove gli aspetti teorici si legano strettamente alla pratica dell'improvvisazione. Tema di quest'anno era «In Trio —Il suono degli anni 20», in cui era sviluppato il parametro legato al timbro strumentale, al suono personale di un musicista: aspetto ritenuto basilare agli albori del jazz, negli anni Venti del Novecento, ma poi un po' dimenticato a favore di altri parametri, come il fraseggio e la preparazione armonica. Una tematica affrontata con il consueto acume dal pianista, come ha dimostrato la conclusiva esibizione del trio di allievi da lui diretto, dove si spiccava l'elaborazione dell'ellingtoniano «Half The Fun».

Metheny con il suo quartetto apriva dunque la serie dei quattro concerti, nella sala gremita del Kursaal meranese. Il chitarrista ha ripercorso con brio la strada tracciata trent'anni orsono e da allora aggiustata, plasmata, però mai smentita o spiazzata: piuttosto consolidata in un proprio mainstream personale, dove il fluido fraseggiare delle sue chitarre tiene ben saldo il centro di gravità. Antonio Sanchez e il pianista britannico Gwilym Symcock assecondano il gioco, senza osare gesti che possano scardinare il fluido al quale il pubblico si incanta. Solo il temperamento della contrabbassista Linda May Han Oh mostra nei soli e in certi episodi un carattere proprio, autonomo, di pregio notevole.

Il concerto del quartetto pianoless New Jawn, guidato dal contrabbassista Christian McBride si muove su un canovaccio ben più aderente allo spirito del jazz. Ci si aspetterebbe anzi un mainstream nero, sulla traccia che evolve dai Jazz Messengers e attraverso l'estetica Blue Note degli anni Sessanta approdi al Wynton Marsalis del neoclassicismo nero. Ma il concerto riesce a imboccare altre direzioni, affondando le radici in un terreno più autentico e sanguigno, per merito del leader, ma pure del sagace sax tenore (e soprano) di Marcus Strickland e della fresca tromba di Josh Evans. Il batterista Justin Faulkner, che sostituisce il titolare Nasheet Waits, spinge la musica con impeto muscolare a scioltezza poliritmica. Le composizioni sono in buona parte originali, ma spicca una bella versione del monkiano «Misterioso».

Il lungo, generoso concerto del quartetto Viaggiando di Rosario Bonaccorso, con Fulvio Sigurta alla tromba, Stefano di Battista al sax alto e soprano, Roberto Taufic alla tromba presenta un proprio itinerario tra canzone italiana e brasiliana. Musica fresca, che cerca un elegante contatto diretto con il pubblico, ma forse insiste troppo sulle parti cantate e sfrutta poco le potenzialità di musicisti eccellenti.

Le note accattivanti del quintetto Qantar, guidato da Omer Avital, chiude una trilogia meranese dedicata ai contrabbassisti-leader, dove risalta anche all'orecchio distratto la differenza di stile e di impostazione dei tre musicisti. Quello di Avital è un approccio danzante, propulsivo, talvolta insistito su modalità e colori medio-orientali, ma che si rivolge pure a suoni urbani e all'Africa, con ammiccamenti al Coltrane di «Africa/Brass» (in «Daber Elay Africa»). La band allinea solisti giovani e giovanissimi ben affiatati, tra cui spiccano la coesione e i contrasti espressivi dei due sassofonisti, Alexander Levin al tenore e Asaf Yuria, in prevalenza al soprano.

Foto (di repertorio): Roberto Cifarelli.

Tags

comments powered by Disqus

Related Articles

Read Dave Burrell Full-Blown Trio at October Revolution Festival Live Reviews
Dave Burrell Full-Blown Trio at October Revolution Festival
by Victor L. Schermer
Published: October 14, 2018
Read Not Two...But Twenty! Festival Live Reviews
Not Two...But Twenty! Festival
by John Sharpe
Published: October 13, 2018
Read The Music Of Alice Coltrane Turiyasangitananda at Fringearts Live Reviews
The Music Of Alice Coltrane Turiyasangitananda at Fringearts
by Victor L. Schermer
Published: October 13, 2018
Read Paul Simon at Flushing Meadows Corona Park Live Reviews
Paul Simon at Flushing Meadows Corona Park
by Mike Perciaccante
Published: October 13, 2018
Read Andrea Clearfield Salon: 32 Year Anniversary Celebration Live Reviews
Andrea Clearfield Salon: 32 Year Anniversary Celebration
by Victor L. Schermer
Published: October 12, 2018
Read European Jazz Conference Lisbon 2018: Portuguese showcases Live Reviews
European Jazz Conference Lisbon 2018: Portuguese showcases
by Henning Bolte
Published: October 12, 2018
Read "The Nels Cline 4 At Higher Ground" Live Reviews The Nels Cline 4 At Higher Ground
by Doug Collette
Published: July 8, 2018
Read "Georg Breinschmid at Hong Kong City Hall" Live Reviews Georg Breinschmid at Hong Kong City Hall
by Rob Garratt
Published: August 20, 2018