All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

0

Vittorio Gennari: Melodies

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Vittorio Gennari: Melodies
Oltre ad essere un produttore, Sergio Veschi è anche uno scopritore di talenti, che sulla sua Red Records hanno lasciato tracce importanti. Se prima, quando il mercato era più facile da seguire, erano nomi americani o sudamericani, ad esempio Jim Snidero, Robert Stewart o Hector Costita Bisignani, che per un motivo o per l`ltro in patria non ricevevano la dovuta attenzione nonostante il riconosciuto valore artistico, ora si tratta di nomi del jazz nazionale. Fra questi, c`è un musicista non più giovane, che ha avuto un successo inaspettato già con The Sound e che ora si presenta di nuovo al pubblico, alla bella età settantasei anni, con due incisioni: una di standards e l`altra di brani di autori italiani.

Si tratta di Vittorio Gennari, di Fano, che con il suo trio, che lo accompagna al solito in modo egregio, passa in rassegna brani che sono stati suonati da tutti i grandi capiscuola, ognuno con il suo stile ed il proprio inconfondibile approccio all`improvvisazione. Il quartetto italiano si presenta in modo onesto e sincero, con il giusto feeling per suonare questi brani, senza rivoluzionarli ma affrontandoli con pulizia. In coda all`incisione hanno messo due brani originali, uno di Gennari e l`altro del pianista Roberto Bachi, che non sfigurano in tanta illustre compagnia.

Con questo approccio, i tre musicisti sanno come coinvolgere l`ascoltatore fino alla fine, per più di un`ora. La loro è una celebrazione della grande tradizione americana, fatta con riverenza. Nessuno si era accorto, almeno fino adesso, di questi musicisti di provincia che hanno fatto del mainstream la loro bandiera. Ma basta far partire il CD per capire che meritavano una maggiore attenzione da parte degli addetti ai lavori.

Track Listing

1. Besame Mucho (C. Velasquez) - 6:37; 02. There is No Greater Love (I. Jones) - 4:49; 3. Lonely Woman (H. Silver) - 6:55; 4. On the Sunny Side of the Street (J. McHugh) - 5:27; 5. What is this Thing Called Love (C. Porter) - 4:34; 6. Time After Time (J. Styne) - 6:07; 7. Black Orpheus (L. Bonfà) - 6:33; 8. Moanin' (B. Timmons) - 5:05; 9. Blue Moon (Rodgers/Hart) - 6:25; 10. My Favorite Things (R. Rodgers) - 3:47; 11. E la pioggia continua a cadere (M. Tonelli) - 5:43; 12. Lorenzo (V. Gennari) - 4:03; 13. Romolina (R. Bachi) - 6:55.

Personnel

Vittorio Gennari (sax alto); Roberto Bachi (piano); Massimiliano Tonelli (contrabbasso); Joe Pagnoni (batteria).

Album information

Title: Melodies | Year Released: 2009 | Record Label: Red Records

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Read Bernstein Reimagined
Bernstein Reimagined
Smithsonian Jazz Masterworks Orchestra
Read Faune
Faune
Raphaël Pannier Quartet
Read En Casa Limon
En Casa Limon
David Broza
Read Freedom Fables
Freedom Fables
Nubiyan Twist
Read Auge
Auge
Aki Takase / Christian Weber / Michael Griener
Read Son Of Nyx
Son Of Nyx
Tamil Rogeon
Read Solo/Duo
Solo/Duo
Eli Wallace/Beth McDonald

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.