3

Medeski, Martin & Wood feat. Nels Cline

Medeski, Martin & Wood feat. Nels Cline
Paolo Peviani By

Sign in to view read count
Blue Note
Milano
08.04.2014

Erano anni che non assistevo ad un concerto strutturato in questo modo. Primo brano: una quarantina di minuti di serrato pedale. Secondo brano: cinque minuti abbondanti di sola batteria, seguiti da altrettanti minuti di solo contrabbasso, prima di entrare in media re, ovvero in un altro pedalone di circa venti minuti. E con questo, fine del concerto.

Non manca certo il coraggio al trio Medeski, Martin & Wood, presente per due serate al Blue Note di Milano, in compagnia del chitarrista Nels Cline. Perché hai voglia ad essere uno dei gruppi simbolo della post-fusion, dell'avant-groove, o di qualunque altra definizione si voglia utilizzare per inquadrare (ammesso che ce ne sia bisogno) la loro musica. Alla fine, quando sali sul palco, tutte queste definizioni lasciano il tempo che trovano. Devi trovare la chiave per coinvolgere il pubblico.

Il quartetto ha scelto qui la via più temeraria, di impronta decisamente anni '70 (per intenderci, a metà strada tra il Miles Davis di Bitches Brew e i Pink Floyd con Syd Barrett) e dunque altrettanto decisamente—ai nostri giorni—inconsueta. Il pubblico ne è rimasto inizialmente sconcertato, poi si è lasciato gradualmente coinvolgere dalle atmosfere quasi lisergiche della band ed ha seguito con convinzione.

Dal punto di vista squisitamente musicale, il trio si è presentato in configurazione acustica. Niente organo per Medeski, dunque, ma solo pianoforte, usato prevalentemente in funzione disgregativa. Armonie dissonanti e fendenti che hanno fatto temere per l'incolumità dello strumento, mentre Martin & Wood (che ha alternato basso elettrico e contrabbasso) creavano un fitto ed ipnotico tappeto sonoro. L'ospite Nels Cline, dal canto suo, è stato di fatto il fulcro attorno al quale ha ruotato tutto il concerto. Da autentica eminenza grigia quale è, ha distribuito a piene mani loop, elaborazioni sonore, guizzi e frasi spezzettate, timbri ed armonie stranianti, invenzioni illuminanti.

E dopo cotanto impegno il brano proposto come bis, un sorridente e cantabile blues dall'andamento ternario, aveva quasi il sapore di una meritata ricompensa.

Related Video

Shop

More Articles

Read Panama Jazz Festival 2017 Live Reviews Panama Jazz Festival 2017
by Mark Holston
Published: February 21, 2017
Read Foundation of Funk at Cervantes Masterpiece Ballroom Live Reviews Foundation of Funk at Cervantes Masterpiece Ballroom
by Geoff Anderson
Published: February 20, 2017
Read The Cookers at Nighttown Live Reviews The Cookers at Nighttown
by C. Andrew Hovan
Published: February 16, 2017
Read Monty Alexander Trio at Longwood Gardens Live Reviews Monty Alexander Trio at Longwood Gardens
by Geno Thackara
Published: February 15, 2017

Post a comment

comments powered by Disqus

Sponsor: ECM Records | BUY NOW  

Support our sponsor

Support All About Jazz's Future

We need your help and we have a deal. Contribute $20 and we'll hide the six Google ads that appear on every page for a full year!

Buy it!