All About Jazz

Home » Articoli » General Articles

3

Medeski, Martin & Wood alle prese con le sei corde

Maurizio Comandini By

Sign in to view read count
Medeski Martin & Wood hanno recentemente pubblicato due album molto diversi fra di loro che li vedono alle prese con due compagni di strada autorevoli e ingombranti allo stesso tempo. Nel primo caso l'album si chiama Woodstock Sessions (vol. 2) e il compagno di strada è l'eccellente chitarrista Nels Cline, da tanti anni attivo nelle terre misteriose del jazz contemporaneo della West Coast e da alcuni anni diventato molto famoso anche in altri contesti, a seguito del suo ingresso in pianta stabile nel gruppo rock alternativo Wilco. Poche settimane fa i tre eroi delle jam band hanno pubblicato l'album Juice che vede al loro fianco il chitarrista John Scofield col quale hanno collaborato già negli scorsi anni e con cui hanno dato vita ad uno spin-off ufficiale del gruppo che in maniera poco originale ma molto semplice, si chiama Medeski, Scofield, Martin & Wood.

Quindi da una parte abbiamo un incontro con un partner del tutto nuovo che li spinge a battere territori abbastanza inconsueti, anche se i tre hanno sempre dimostrato di essere pronti a tutto. Dall'altra ci ritroviamo ad osservare il quarto capitolo di una saga discografica già ben consolidata che ha avuto modo di approdare anche a plurime collaborazioni on the road, iniziate nel lontano 1998.

Medeski, Martin & Wood + Nels Cline
Woodstock Sessions, Vol. 2
Woodstock Sessions
Valutazione: * * * * ½

Il progetto con Nels Cline è davvero affascinante. Pieno di gorgoglii e sparate di lava incandescente, senza dare mai punti di riferimento, come con le squadre che giocano col falso nueve. Il clima è misterioso e originale, senza spazi per le autocelebrazioni. La musica scorre via con impeto, fermandosi solo qua e là per tirare il respiro e ricaricare le molle invisibili che la sostengono. La vena più sperimentale di Medeski, Martin & Wood si sposa alla perfezione con il grande senso di curiosità e di disinteresse per le regole codificate che ha da sempre caratterizzato il lavoro di Nels Cline e mai matrimonio è sembrato più riuscito. Anche la ritmica è spezzettata, mai ferma nella stessa posizione, se non per poche decine di secondi. Non si va alla ricerca del groove infinito e immutatbile, piuttosto si assestano giusti colpi alle membrane dei tamburi per evocare un groove che poi passa e va. Tutto sembra immerso in una sorta di scenario psichedelico che però non si dispiega lungo sentieri noti. Semmai la musica spicca il volo e va a collegare, con un grande salto, pezzi di strada che sembravano non connessi fra di loro, almeno per le vie consuete di terra. Sono quattro esploratori indefessi che non pensano mai a tornare a casa, ma pensano solo ad andare avanti. Il loro incedere è chiaramente legato al viaggio inteso come esperienza in divenire, non alla meta da raggiungere.

Medeski, Martin & Wood + John Scofield
Juice
Indirecto Records
Valutazione: * * * ½

Il progetto con Scofield è molto più agganciato a terra, come se i musicisti fossero saliti su una mongolfiera che si eleva pigramente da terra ma senza mai sganciarsi del tutto dall'ancoraggio. In effetti salire su quella mongolfiera cambia la visuale dei territori circostanti, come se ci trovassimo a cavallo di un dolly cinematografico, ma è più apparenza che sostanza, anche perché non si spicca mai decisamente il volo verso le praterie del cielo. I punti di forza dell'album sono tutti posizionati nella parte iniziale, con la chitarra di Scofield caldissima e funky, degna di una colonna sonora di Quentin Tarantino. Le tre cover posizionate in fondo sono invece più difficili da decifrare. All'apparenza sono delle pallide imitazioni che cercano di destrutturare tre classici immarcescibili senza riuscirci per davvero. In realtà, a lungo andare, anche questi brani riescono ad esprimere una loro consistenza più sottile, ma restiamo convinti che non sia sufficiente per disincagliare queste vecchie navi dal fondale. E allora forse era meglio lasciarle immerse nelle loro acque, senza andare a risvegliare i fantasmi di mostri marini che volevano continuare a dormire.

I punti di contatto fra i due progetti sono davvero pochi e resta confermata l'abilità di Medeski, Martin & Wood di cambiare pelle in maniera decisa, in funzione del progetto, in funzione del partner. Non è semplice eclettismo, anche perché comunque una ben chiara cifra espressiva risalta sullo sfondo, in controluce. Questa abilità da bravi camaleonti è invece l'esaltazione del saper ascoltare, saper reagire, saper cambiare. Non è cosa da poco, in questi anni di respiri corti e ansie da prestazione.
About Medeski Martin & Wood
Articles | Calendar | Discography | Photos | More...

Tags

Watch

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related