1

Ken Peplowski: Maybe September

Angelo Leonardi By

Sign in to view read count
Ken Peplowski: Maybe September Si colloca in una dimensione sospesa nel limbo dei ricordi, quest'album di Ken Peplowski, senza appartenere strettamente a un'epoca e il celebre quadro in copertina (Gas di Edward Hopper) ne raffigura i tratti in modo esemplare.
In quell'opera si vede una stazione di servizio della provincia americana d'anteguerra, posta in un luogo indefinito sul fare del crepuscolo: il bosco è già buio ma la luce calda della casa rende il luogo accogliente e la solitudine serena. Anche Maybe September si pone in una situazione di confine: il clarinetto del leader evoca con dolcezza il jazz degli anni trenta/quaranta ma al sax tenore accetta in pieno il modern-mainstream e le sue turbolenze metropolitane.

Ken Peplowksi è uno stilista di prim'ordine, uno dei pochi in grado di guardare al jazz classico con sincera adesione, senza collocarsi in una scontata logica tradizionalista. La musica di questo disco scorre quindi con sognante leggerezza, privilegiando ed esaltando sia la melodia che le tinte radiose degli strumenti. Tra i due strumenti è il clarinetto a farla da padrone e molti brani sono dei piccoli gioielli di grazia ed equilibrio: ricordiamo il languido brano d'apertura, "All Alone," la "Romanza" dalla "Sonata per clarinetto e pianoforte" di Poulenc e la beatlesiana "For No One." Tra i brani in cui Peplowksi imbraccia il sax tenore eccelle la cantabile ballad "Maybe September."

Alcune curiosità per gli audiofili: l'album è stato completato in appena tre ore, inciso con un registratore a due tracce e usando un raro microfono degli anni cinquanta, il PGS/1 progettato dal BBC design department in 200 esemplari.

Track Listing: All Alone (By the Telephone); Moon Ray; Always a Bridesmaid; (Now and Then There’s) A Fool Such as I; Romanza; Caroline, No; For No One; I’ll String Along with You; Main Stem; Without Her.

Personnel: Ken Peplowski: clarinetto, sax (tenore); Ted Rosenthal: piano; Martin Wind: contrabbasso; Matt Wilson: batteria.

Title: Maybe September | Year Released: 2014 | Record Label: Capri Records


Tags

Related Video

comments powered by Disqus

More Articles

Read Crossing CD/LP/Track Review Crossing
by Geno Thackara
Published: June 25, 2017
Read Unit[e] CD/LP/Track Review Unit[e]
by Karl Ackermann
Published: June 25, 2017
Read Such A Sky CD/LP/Track Review Such A Sky
by Bruce Lindsay
Published: June 25, 2017
Read Buer: Book Of Angels Volume 31 CD/LP/Track Review Buer: Book Of Angels Volume 31
by Dan McClenaghan
Published: June 25, 2017
Read BACHanalia CD/LP/Track Review BACHanalia
by Jack Bowers
Published: June 24, 2017
Read Hallways CD/LP/Track Review Hallways
by Paul Rauch
Published: June 24, 2017
Read "The Long Road" CD/LP/Track Review The Long Road
by Troy Collins
Published: November 20, 2016
Read "My Foolish Heart" CD/LP/Track Review My Foolish Heart
by Nenad Georgievski
Published: March 28, 2017
Read "Neko" CD/LP/Track Review Neko
by Dan McClenaghan
Published: May 25, 2017
Read "Coalesce" CD/LP/Track Review Coalesce
by Hrayr Attarian
Published: March 27, 2017
Read "Paris" CD/LP/Track Review Paris
by Mark Sullivan
Published: August 16, 2016

Join the staff. Writers Wanted!

Develop a column, write album reviews, cover live shows, or conduct interviews.