All About Jazz

Home » Articoli » Interviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

Maria Borghi: Passione e Insistenza!

Vincenzo Roggero By

Sign in to view read count
La nascita di una nuova etichetta è sempre un evento da salutare con enorme entusiasmo e interesse, in particolar modo se dedicata, come testimoniano le prime uscite (Pipeline degli Us e St()ma di Cristiano Calcagnile), alla musica più avventurosa e creativa. La scelta, poi, di pubblicare in vinile preziosi cofanetti, ricchi di foto, immagini video e interventi scritti, va nella direzione di un'attenzione all'oggetto disco e ad un ascolto consapevole decisamente controcorrente in tempi di schizofrenica fruizione liquida. Abbiamo chiesto a Maria Borghi, titolare della WE INSIST! RECORDS, di presentarci l'ambiziosa iniziativa.

All About Jazz: Cosa ti ha spinto a intraprendere questa avventura?

Maria Borghi: La mia attività principale si sviluppa prevalentemente nell'ambito del graphic design e della comunicazione pubblicitaria ma ho sempre avuto una grande passione per la musica e mi sono dedicata, fin da giovane, allo studio del flauto traverso. Il desiderio di fondare un'etichetta discografica risale a molti anni fa e l'occasione concreta mi si è presentata nel 2012 quando ho avuto modo di incontrare Giancarlo Nino Locatelli, musicista e direttore artistico della WE INSIST! RECORDS, in occasione dei suoi laboratori di soundpainting ai quali ho cominciato a partecipare in qualità di flautista. Nell'arco di questi anni si è consolidato un gruppo di amici con la passione comune per le arti ed in particolare per la musica d'improvvisazione. È nata così l'idea di fondare un'etichetta che potesse dar voce ad un panorama musicale piuttosto variegato, lontano dalle classiche logiche di mercato ed indirizzato maggiormente ad un lavoro di costante ricerca, continui scambi di idee e punti di vista.

AAJ: Il nome scelto, con l'evidente richiamo allo storico album di Max Roach, ha tutta l'aria di una dichiarazione programmatica...

MB: Più che come dichiarazione programmatica la vedrei come una dichiarazione d'intenti, tra persone con un ideale comune di musica: una musica di ricerca, sperimentazione ed in continuo divenire; una musica che ha caratterizzato proprio quella stagione del jazz che ha come uno dei più noti capisaldi l'album We Insist! Freedom Now Suite di Max Roach. Da qui all'ideazione del nome dell'etichetta, il passo è stato breve. Insistere è il nostro motto principale, in un'epoca in cui sembra così complicato dedicare del tempo, ed energie nella realizzazione di un progetto, noi abbiamo deciso di farlo con passione e molta pazienza. Sicuramente al di fuori da quella logica di mercato del tutto/tanto e subito.

AAJ: Come è avvenuta la scelta dei musicisti protagonisti delle prime due uscite dell'etichetta? Avete già in cantiere qualche nuovo progetto ?

MB: Le scelte musicali dei primi due cofanetti -US dei Pipeline e ST( )MA di Cristiano Calcagnile -sono il frutto di numerosi incontri tra me, Nino Locatelli, Gianmaria Aprile (chitarrista, tecnico del suono, stampatore e produttore discografico della "Fratto9") e Pietro Bologna, fotografo e clarinettista che ha preso parte attivamente al progetto US realizzando degli scatti fotografici durante le sessioni di prova dei Pipeline e che troviamo stampate ed inserite all'interno del cofanetto stesso. Per il prossimo autunno usciranno due altri lavori di Nino Locatelli, due progetti che ho ritenuto estremamente interessanti, dedicati entrambi alla musica di Steve Lacy uno in solo, Situations, e l'altro in ottetto, Prayer, nel quale suonano sia Cristiano Calcagnile che Gianmaria Aprile. Mentre per il 2019, i quattro titoli previsti sono due lavori di Andrea Grossi, Blend 3 e Blend Orchestra, un solo diGabriele Mitelli registrato dal vivo a Parma e un solo di Alberto Braida.

AAJ: È indubbio che il mercato del vinile stia vivendo una seconda giovinezza ma credo che la scelta di uscire oltre che in CD anche con long playing in preziosi cofanetti vada al di là della tendenza del momento.

MB: La scelta di uscire con due cofanetti è nata con il desiderio di realizzare un prodotto che rendesse giustizia al meticoloso lavoro ed impegno dei musicisti che abbiamo scelto di produrre. All'interno dei due cofanetti, oltre ai vinili, troviamo dei contenuti da leggere e delle immagini collegate ai progetti stessi. L'augurio è che questa ricchezza di contenuti possa incuriosire ed incentivare all'acquisto...

Tags

comments powered by Disqus

Album Reviews
Interviews
Album Reviews
Read more articles
St()ma

St()ma

We Insist! Records
2018

buy
Multikulti Cherry On

Multikulti Cherry On

Caligola Records
2017

buy
 

Newtone2060

Jon Lax Music / Laxmedia
2009

buy

Shop

Start your shopping here and you'll support All About Jazz in the process. Learn how.

Related Articles

Interviews
David Crosby: A Revitalized Creativity
By Mike Jacobs
January 22, 2019
Interviews
Chuck Deardorf: Hanging On To The Groove
By Paul Rauch
January 19, 2019
Interviews
Satoko Fujii: The Kanreki Project
By Franz A. Matzner
January 9, 2019
Interviews
Ted Rosenthal: Dear Erich, A Jazz Opera
By Ken Dryden
January 7, 2019
Interviews
Jeremy Rose: on new music, collaborations and running a label
By Friedrich Kunzmann
January 6, 2019
Interviews
Ronan Skillen: Telepathic Euphoria
By Seton Hawkins
January 5, 2019