All About Jazz

Home » Articoli » Live Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

Marc Ribot & The Young Philadelphians al Teatro Manzoni di Milano

Paolo Peviani By

Sign in to view read count
Aperitivo in Concerto
Teatro Manzoni
Milano
22.11.2015

Esploratore come pochi altri, Marc Ribot ha attraversato i territori musicali più disparati. Dal jazz di John Zorn alla canzone d'autore di Joe Henry, dalle atmosfere quintessenzialmente newyorchesi dei Lounge Lizards alla musica cubana di Arsenio Rodriguez, gli ambiti in cui il chitarrista di Newark ha lasciato un'impronta significativa sono innumerevoli. Una delle sue tante avventure musicali, già attiva da qualche anno, lo vede alle prese con il cosiddetto Philly Sound, quel soul sviluppatosi a Philadelphia negli anni '70 grazie anche al talento visionario di produttori come Kenny Gamble, Leon Huff e Thom Bell, che ha poi generato (o quanto meno ha contribuito ad ispirare) la disco music.

Al Teatro Manzoni di Milano, Ribot era dunque alla testa dei suoi Young Philadelphians (Jamaladeen Tacuma al basso, Grant Calvin Weston alla batteria, Mary Halvorson alla chitarra), affiancati per l'occasione da una sezione archi locale (Daniele Richiedei al violino, Paolo Fumagalli alla viola, Aya Shimura al violoncello). Una band portatrice, già dal nome, di una certa ironia. Per l'allusione all'omonimo film di Vincent Sherman e, soprattutto, per il mero dato anagrafico. Perché se è vero che Tacuma e Weston sono di Philadelphia, è altrettanto vero che sono nati (come del resto lo stesso Ribot) negli anni '50 e dunque non sono propriamente musicisti di primissimo pelo. E infatti, nonostante la musica invitasse fortemente a ballare ed avesse un tiro a dir poco travolgente, i musicisti hanno suonato comodamente seduti. Giovani dentro, certo. Forever young. Ma, insomma, l'età avanza per tutti.

Peraltro anche il pubblico, in questa mattinata milanese, non era composto di giovanissimi, e chissà in quanti hanno riconosciuto e a suo tempo ballato quelle hit ("Love TKO," "Do It Anyway You Want," "Love Rollercoaster," la paradigmatica TSOP -The Sound of Philadelphia) che Gianni Gualberto -direttore artistico della rassegna -introducendo il concerto ha scherzosamente definito come la musica per rimorchiare della nostra giovinezza.

Ribot non ha però lasciato spazio alla nostalgia. Vuoi per l'energia e la gioiosità implicita nei brani. Vuoi perché il chitarrista è decisamente più orientato al divertimento, alla sorpresa, al disincanto. Di fatto, all'interno di un concerto citazionista e inclusivo per definizione, Ribot ha affrontato il repertorio a guisa di frullatore, all'interno del quale ha triturato e mescolato con impensabile naturalezza un'enorme quantità di ingredienti diversi, da Carlos Santana ai Talking Heads, passando per gli echi iconoclasti e British dei Sex Pistols e dei The Clash.

Del resto il nostro è magnifico solista ed organizzatore di suoni. Quando può poggiarsi, come in questo caso, su una sezione ritmica granitica e possente, dà il meglio di sé. Un po' defilata e fuori contesto invece Mary Halvorson, fin troppo discreta e riflessiva, date le circostanze. Marc Ribot non è Anthony Braxton, tantomeno Tim Berne. La sua musica richiede leggerezza, un approccio distaccatamente ironico. La sua grandezza consiste (anche) nel cercare ed ottenere la complicità dell'ascoltatore, nel far apparire semplice la complessità.

Foto
Roberto Cifarelli.

Tags

Related Video

comments powered by Disqus

Related Articles

Read Beethoven, Barber and Vivaldi at The Jazz Corner Live Reviews
Beethoven, Barber and Vivaldi at The Jazz Corner
by Martin McFie
Published: September 18, 2018
Read Bryan Ferry at the Macedonian Philharmonic Hall, Macedonia 2018 Live Reviews
Bryan Ferry at the Macedonian Philharmonic Hall, Macedonia...
by Nenad Georgievski
Published: September 16, 2018
Read Live From Birmingham: Dinosaur, Meatraffle, Hollywood Vampires, Black Asteroids & Paul Lamb Live Reviews
Live From Birmingham: Dinosaur, Meatraffle, Hollywood...
by Martin Longley
Published: September 16, 2018
Read Binker & Moses At London's Jazz Cafe Live Reviews
Binker & Moses At London's Jazz Cafe
by Chris May
Published: September 15, 2018
Read 12 Points 2018 Live Reviews
12 Points 2018
by Ian Patterson
Published: September 14, 2018
Read Chicago Jazz Festival 2018 Live Reviews
Chicago Jazz Festival 2018
by Patrick Burnette
Published: September 12, 2018
Read "Isabella Lundgren at Bullret Jazz Club" Live Reviews Isabella Lundgren at Bullret Jazz Club
by Patrick Burnette
Published: November 25, 2017
Read "Kerava Jazz 2018" Live Reviews Kerava Jazz 2018
by Anthony Shaw
Published: June 1, 2018
Read "Green Man 2017" Live Reviews Green Man 2017
by Martin Longley
Published: November 11, 2017