All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

0

GoGo Penguin: Man Made Object

Luca Muchetti By

Sign in to view read count
Uscito ormai quasi dieci mesi fa, Man Made Object è un album che l'Italia ha visto rappresentato dal vivo a quasi un anno di distanza a Milano, quando solo due mesi fa i GoGo Penguin hanno preso il centro del palco al Teatro dell'Arte. Il trio piano-basso-batteria di Manchester (Chris Illingworth, Nick Blacka e Rob Turner) arriva ed entusiasma grazie a un post-jazz che incorpora tutto quello che si muove fra la fine del Novecento e il nuovo millennio, ridefinendo il volto di una musica che con difficoltà si imbriglia e si fa descrivere.

Il primo album della formazione britannica uscito per la Blue Note infatti si contraddistingue soprattutto per una ulteriore espansione delle prospettive musicali del trio. Musica classica, jazz contemporaneo, trip-hop, post-rock acustico, pop sofisticato strumentale, elettronica. Tutto convive in dieci pezzi che nel disorientare tutti rischiano davvero di mettere d'accordo tutti.

«Molti dei pezzi di questo album sono iniziati come composizioni elettroniche che ho creato con sequencer come Logic o Ableton—ha spiegato il batterista Turner—li ho poi proposti alla band trovando il modo di riprodurli acusticamente». E nell'ambiguo DNA di queste composizioni risiede proprio il lato più affascinante, alieno e allo stesso tempo intelligibile del mondo GoGo Penguin. Musica non completamente umana, ma suonata da umani dalla prima all'ultima nota. Ma con un calore e una originalità davvero rari.

Tags

Watch

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related

Read Never More Here
Never More Here
By Dan McClenaghan
Read Lanzarote
Lanzarote
By Gareth Thompson
Read Strong Thing
Strong Thing
By Geannine Reid
Read Ocean in a Drop
Ocean in a Drop
By Geno Thackara