All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

0

Glauco Venier, Michele Corcella: Mainerio!

Neri Pollastri By

Sign in to view read count
Già molti anni fa, era il 1996, Glauco Venier aveva usato l'espressione "l'insiùm" (che in friulano significa "il sogno") per dare il titolo a uno dei suoi primi dischi, in trio con Salvatore Maiore e Roberto Dani, nel quale prendeva spunto dalla cultura friulana per fare jazz. Nel 2004, poi, aveva affrontato la musica del leggendario prete e musicista cinquecentesco Giorgio Mainerio in un eccellente disco, Dal Libro dei Balli di Giorgio Mainerio, uscito per Artesuono.

Oggi quell'espressione friulana è il nome del laboratorio permanente di ricerca musicale che raccoglie alcuni dei più interessanti musicisti della regione, molti dei quali cresciuti anche grazie al lavoro di didatta che Venier svolge al Conservatorio di Trieste, con la cui orchestra il pianista ripropone e rielabora proprio le musiche di Mainerio—peraltro riprese in questi anni in vari contesti, per esempio nel grande progetto Simphonika, realizzato per il Mittelfest e pubblicato nel 2014 sempre da Artesuono.

Sette delle dieci tracce di questo lavoro sono infatti brani tratti da Il primo libro de' balli a quattro voci accomodati per cantar et sonar dogni sorte de istromenti di Mainerio, rielaborati da Venier (cinque erano già presenti nel disco del 1994) e arrangiati da Michele Corcella, che dirige poi l'ampio ensemble; le rimanenti tre sono invece improvvisazioni per formazione ristretta. In quattro brani compare anche la voce della grande cantante inglese Norma Winstone, che impreziosisce ulteriormente la trama sonora.

Come già nel disco precedente, l'integrazione tra musica antica e jazz è eccellente: i balli di origine popolare trovano una nuova vita nell'esecuzione operata dall'ensemble dominato dai fiati, che come una autentica big band sfrutta i temi e i ritmi di Mainerio per lanciarsi negli assoli. Una prassi che avviene in gran parte dei brani, ma che risalta particolarmente, per esempio, in ”Pass'e mezzo della Paganina””, il cui centro è un susseguirsi di assoli dei fiati.

Eccellente lavoro che unisce qualità e suggestione, jazz e tradizione classico-popolare, raffinata inventiva (si ascoltino le tre improvvisazioni) e temi accattivanti.

Track Listing: Schiarazula Marazula; Caro Ortolano; Pass’e mezzo della Paganina; Improvvisazione #1; Tedescha; Improvvisazione #2; La Zanetta Padoana; Improvvisazione #3; Putta Nera ballo Furlano lento; Ungarescha.

Personnel: Glauco Venier: piano; Mirco Cisilino, Antonello Sorrentino, Federico Mansutti: trumpet, flugelhorn; Federico Pierantoni, Max Ravanello: trombone, euphonium; Alfonso Deidda: baritone saxophone, bass clarinet; Simone La Maida: alto saxophone, flute; Marcello Allulli, Michele Polga: tenor and soprano saxophone ; Stefano Fornasaro: flutes; Alessandro Turchet: bass; Luca Colussi: drums; Michele Corcella: arrangements, direction. Special guest: Norma Winstone: voice.

Title: Mainerio! | Year Released: 2017 | Record Label: Artesuono

About Glauco Venier
Articles | Calendar | Discography | Photos | More...

Tags

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related

Read The Real Blue
The Real Blue
By Jack Bowers
Read City Abstract
City Abstract
By Dan Bilawsky
Read Spectrum
Spectrum
By Mike Jurkovic
Read Munich 2016
Munich 2016
By Karl Ackermann