All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

1

Ursula Rucker: Ma' at Mama

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Ursula Rucker: Ma' at Mama
Non deve essere facile, per una poetessa di grande valore e sensibilità come Ursula Rucker, riuscire a trovare sempre l'ambiente sonoro giusto su cui sciogliere la splendida qualità vocale, sia nel parlato che nelle parti più cantate.

Chi era rimasto folgorato da Supa Sista - il suo debutto del 2001 - e "contento ma non troppo" alla prova del successivo [ottimo, ma non immediato] Silver and Lead, ritroverà probabilmente l'entusiasmo di un tempo con il percorso disegnato da questo nuovo Ma' at Mama - titolo dalla valenza polisemica, che parte dall'antico principio egizio [vero e proprio topos archetipico della riflessione filosofica nera] della "verità".

Prodotto prevalentemente dal bassista Anthony Tidd - assiduo collaboratore di Steve Coleman - il disco offre musicalmente alle liriche della Rucker una varietà azzeccatissima di soluzioni, dalle essenziali punteggiature di "Children's Poem" al funk di "Rant", immergendo i polsi nella sensualità di "Black Erotica" o nel beat africano su cui si srotola il sermone di "Libations", con la sua emozionante serie di nomi.

La "verità" nella cultura nera continua a essere - e la Rucker è bravissima nel sottolinearlo con la finezza di artista che non banalizza mai il proprio messaggio - un valore da negoziare, da conquistare, da rileggere, che sfugge dalle mani proprio perché il comunicare si sdoppia sul binario del double talking e lo spirito tende istintivamente dritto all'unità.

Sullo sfondo compaiono armonie soffici - "Uh Uh" ad esempio - spruzzi di jazz o i rigori del beat hip-hop, ma la voce della Rucker è più che mai in grado di curvarsi dentro i suoni, come nel canto sporcato di polvere della splendida "For Women", di rimanere sola in "Church Party".

Con i suoi lineamenti alla Frida Kahlo, la sorniona caparbietà delle sue poesie, la tagliente visione dell'universo nero e femminile, Ursula Rucker ha scritto una ulteriore, decisiva, pagina di grande musica black. Consigliato!

Track Listing

01. Humbled; 02. Rant [Hot In Here]; 03. Black Erotica; 04. I Ain't [Yo' Punk Ass Bitch]; 05. Sol's Intro; 06. Children's Poem; 07. Libations; 08. Church Party; 09. Uh Uh; 10. Spiri-Chant; 11. For Women; 12. Broken; 13. Sudan's Intro; 14. Poon Tang Clan; 15. L.O.V.E.

Personnel

Ursula Rucker.

Album information

Title: Ma' at Mama | Year Released: 2006 | Record Label: La citta' del jazz

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Read Prickly Pear Cactus
Prickly Pear Cactus
Ikue Mori / Satoko Fujii / Natsuki Tamura
Read Time OutTakes
Time OutTakes
Dave Brubeck Quartet
Read In Baltimore
In Baltimore
The George Coleman Quintet

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.