All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

0

Thomas Strønen: Lucus

Neri Pollastri By

Sign in to view read count
Thomas Strønen: Lucus
A due anni di distanza dall'omonimo disco, torna Time Is a Blid Guide, la singolare formazione del batterista norvegese Thomas Strønen.

Rispetto a quel primo lavoro c'è qualche variazione nell'organico, frutto del lavoro fatto assieme dal vivo: mancano i due percussionisti che affiancavano la batteria del leader e al pianoforte ha preso posto la giapponese Ayumi Tanaka. Il risultato è da un lato un ulteriore passo verso le atmosfere cameristiche già avvicinate nel primo disco, dall'altro il marcato incrocio tra il trio d'archi e il piano trio, entrambi "nascosti" nell'organico.

Molto cameristiche, per esempio, sono "Fugitive Pieces" —ove dominano il violoncello e il pianoforte, su temi lenti e intimistici —ma anche in "Baka" o in "Truth Grows Gradually" —ove le percussioni del leader irrompono a orientare la musica ma le atmosfere rimangono spesso assai prossime alla classica.

Le cose cambiano e le carte si mescolano in modo molto interessante dove invece la bilancia pende dal lato del piano trio: "Lucus," che intitola l'album, è sospinta da pianoforte e contrabbasso, con gli archi a mero complemento; "Tension" tiene fede al suo titolo e si sviluppa come un nervoso dialogo tra piano, violino e violoncello, con il supporto del contrabbasso e il costante intervento critico della batteria; la conclusiva "Weekend" porta avanti un discorso narrativo sostenuto da contrabbasso e batteria e nutrito dagli archi e dal pianoforte.

E, soprattutto, la traccia d'apertura -"La Bella" -fonde i suoni in modo certamente cameristico, ma anche con una tangibile libertà: quella che lo stesso Strønen dichiara essere oggi, nelle sue intenzioni, al centro di tutto il progetto (leggi l'intervista che gli ha fatto Enrico Bettinello), che ha una scrittura più aperta rispetto al passato proprio per sfruttare la creatività dei musicisti che lo interpretano.

Un disco forse non immediatamente coinvolgente, ma molto ricco e vario, con una notevole cura del dettaglio sonoro e, tra le pieghe, non poche originalità, che conferma quanto di buono aveva offerto il lavoro d'esordio della formazione.

Track Listing

La Bell; Friday; Release; Lucus; Fugitive Places; Baka; Wednesday; Tension; Truth Grows Gradually; Islay; Weekend.

Personnel

Thomas Strønen: drums, percussion; Ayumi Tanaka: piano; Hakon Aåse: violin; Lucy Railton: violincello; Ole Morten Vågan: double bass.

Album information

Title: Lucus | Year Released: 2018 | Record Label: ECM Records

Post a comment about this album

Watch

Tags

Shop Amazon

More

Read Rhythm City
Rhythm City
Ptah Williams, Larry Kornfeld, Rob Silverman
Read Stringers & Struts
Stringers & Struts
Rempis/Parker/Flaten/Cunningham
Read Live In Maui
Live In Maui
Jimi Hendrix Experience

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.