All About Jazz

Home » Articoli » Interviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

1

Luciano Linzi - Direttore artistico di JazzMI

Paolo Peviani By

Sign in to view read count
È una storia d'amore infinita quella tra Milano ed il jazz
Milano ha sempre ospitato numerose iniziative e rassegne in ambito jazzistico. Più o meno strutturate, più o meno significative. Per molti anni, tuttavia, alla città è mancato un vero e proprio festival. Una lacuna non da poco per una città di grandi ambizioni, che ama confrontarsi e competere con le principali capitali europee.

Nel 2016 JazzMI ha colmato questa lacuna, inondando la città con una quantità impressionante di concerti ed iniziative collaterali. In vista della seconda edizione del festival, che si terrà dal 2 al 12 Novembre, abbiamo chiesto al direttore artistico Luciano Linzi di illustrarci il dietro le quinte della manifestazione.

All About Jazz: Come è nato JazzMI?

Luciano Linzi: Dalla constatazione mia e di Titti Santini che a Milano mancava un grande festival jazz da troppo tempo, da quasi vent'anni. Ne parlavamo da cinque anni. L'anno scorso l'abbiamo realizzato.

AAJ: Come si posiziona, come si differenzia rispetto alle altre proposte musicali presenti nel territorio?

LL: Abbiamo scritto il progetto ispirandoci al Festival Jazz di Londra, che per noi è un modello e che quest'anno compie venticinque anni. Un festival diffuso, trasversale, che unisse, non solo idealmente, quante più realtà possibili che si occupavano di jazz sul territorio cittadino, da anni, a diversi livelli. Festival come evento, come cassa di risonanza. Che, col suo arrivo, desse una scossa.

AAJ: Milano può vantare una grande tradizione jazzistica. Negli ultimi anni, tuttavia, la città sembra aver perso interesse nei confronti questa musica. Com'è organizzare un festival a Milano?

LL: Non direi. L'interesse per il jazz non è mai mancato a Milano, e mai mancherà. È una storia d'amore infinita quella tra Milano ed il jazz. Semplicemente, andavano messe in circolo nuove energie, nuove idee. Era il momento giusto, quello che la città sta di nuovo vivendo. Il rilancio, la rinascita. Una nuova entità come JazzMI, partendo da zero, ha permesso di coinvolgere interlocutori diversi che magari, prima di JazzMI, si parlavano a stento o non si erano mai parlati. Sappiamo che questo è un limite del nostro Paese che va sconfitto. La risposta del territorio è stata in realtà eccellente. Quasi unanime. Tutte le parti coinvolte hanno capito che era importante salirci a bordo. Ed il Comune di Milano ha molto apprezzato il nostro atteggiamento, lo spirito ed il desiderio di coinvolgere.

AAJ: Quali obiettivi ti poni quando inizi a lavorare sulla programmazione? Che criteri adotti nella scelta dei musicisti?

LL: Cerchiamo di immaginare un cartellone che tenga in equilibrio una serie di fattori. Scegliendo innanzitutto i cosiddetti headliners con progetti artisticamente stimolanti. Di coprire gli stili più diversi che compongono l'universo jazz, le generazioni di musicisti, le diverse provenienze. Musicisti affermati e musicisti che, secondo noi, meritano di essere maggiormente conosciuti. Poi la scelta dei progetti speciali, dei film e dei libri da presentare, dei tanti concerti gratuiti, ecc...

Quest'anno abbiamo aggiunto un altro impegno: grazie alla Siae, realizziamo una sezione dedicata agli approfondimenti, incontri, convegni, dal nome Jazzdo.it. Riteniamo che un festival jazz contemporaneo debba anche offrire questi spazi.

AAJ: Come selezioni gli spazi a tua disposizione per abbinarli con i musicisti adatti?

LL: A seconda della capacità potenziale di attrarre pubblico e delle caratteristiche del progetto artistico. Due esempi sono la Sun Ra Arkestra al Santeria ed il trio Thumbscrew di Mary Halvorson al Masada.

AAJ: Come ti relazioni con il territorio?

LL: A Milano ho vissuto e lavorato per quindici anni consecutivi. Ma anche dopo ho continuato a frequentare regolarmente la città per lavoro o per incontrare le tante amicizie che ho. Amo dialogare con gli amici di Ponderosa, che presidiano il territorio da anni con iniziative di successo come "Piano City" o i tanti concerti che propongono in ambito cittadino. E consultare i molti operatori e critici jazz che vivono in città.

AAJ: Qual è il segno più tangibile che il festival lascia sul territorio?

LL: Credo il rinnovato e contagioso entusiasmo di pubblico e operatori verso una manifestazione jazzistica ed il fatto che già si parli, solo alla seconda edizione, di un festival tra i più importanti del nostro Paese. E di cui si comincia a parlare anche all'estero. Ma la strada da fare è, ovviamente, ancora molta.

AAJ: Quali sono le maggiori difficoltà con cui ti devi confrontare nell'organizzazione del festival?

LL: La necessità di mettere al posto giusto le molte tessere che compongono il mosaico di JazzMI. Centocinquanta eventi, più di cinquecento musicisti. Ma per fare questo c'è una macchina organizzativa esemplare come quella di Ponderosa, un esempio di imprenditoria privata, illuminata ed efficiente, in campo culturale.

AAJ: Indicativamente, che budget ha il festival? E che percentuale è allocata direttamente ai musicisti?

LL: Circa quattrocentomila euro, di cui circa centottantamila di spesa artistica.

Tags

comments powered by Disqus

CD/LP/Track Review
In Pictures
CD/LP/Track Review
Interviews
CD/LP/Track Review
Read more articles
Code Girl

Code Girl

Firehouse 12 Records
2018

buy
Away With You

Away With You

Firehouse 12 Records
2017

buy
Away With You

Away With You

Firehouse 12 Records
2016

buy
Meltframe

Meltframe

Firehouse 12 Records
2015

buy
Reverse Blue

Reverse Blue

Relative Pitch Records
2014

buy

Related Articles

Read Linley Hamilton: Strings Attached Interviews
Linley Hamilton: Strings Attached
by Ian Patterson
Published: April 17, 2018
Read Camille Bertault: Unity in Diversity Interviews
Camille Bertault: Unity in Diversity
by Ludovico Granvassu
Published: April 10, 2018
Read Chad Taylor: Myths and Music Education Interviews
Chad Taylor: Myths and Music Education
by Jakob Baekgaard
Published: April 9, 2018
Read Fabian Almazan Interviews
Fabian Almazan
by Angelo Leonardi
Published: March 30, 2018
Read Ryuichi Sakamoto: Naturally Born to Seek Diversity Interviews
Ryuichi Sakamoto: Naturally Born to Seek Diversity
by Nenad Georgievski
Published: March 27, 2018
Read Leonardo Pavkovic: Nothing is Ordinary Interviews
Leonardo Pavkovic: Nothing is Ordinary
by Chris M. Slawecki
Published: March 16, 2018
Read "Paul Kelly: Life is Fine...Really!" Interviews Paul Kelly: Life is Fine...Really!
by Doug Collette
Published: September 3, 2017
Read "Linley Hamilton: Strings Attached" Interviews Linley Hamilton: Strings Attached
by Ian Patterson
Published: April 17, 2018
Read "Joe La Barbera: Experiencing Bill Evans" Interviews Joe La Barbera: Experiencing Bill Evans
by Victor L. Schermer
Published: May 17, 2017
Read "Nicole Johänntgen: Henry And The Free Bird" Interviews Nicole Johänntgen: Henry And The Free Bird
by Ian Patterson
Published: June 27, 2017
Read "Terri Hinte: Co-Creating the Image of Jazz" Interviews Terri Hinte: Co-Creating the Image of Jazz
by Victor L. Schermer
Published: June 13, 2017
Read "Satoko Fujii: the Gift of Music" Interviews Satoko Fujii: the Gift of Music
by Angelo Leonardi
Published: March 7, 2018