All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

1

The Wee Trio: Live at the Bistro

Luigi Sforza By

Sign in to view read count
The Wee Trio: Live at the Bistro
La bella copertina dell'ultimo CD del Wee Trio—in puro stile fumettistico pop art, alla Roy Lichtenstein, comprensivo di onomatopee—rappresenta i tre musicisti nell'atto di suonare. La musica poi è un'esperienza dinamica sfaccettata, in sintonia con le possibili declinazioni di una società in continuo movimento.

L'accostamento tra pop art e Live at the Bistro -disco che fotografa la performance del gruppo nell'omonimo locale di St. Louis ad un paio d'anni di distanza da Ashes to Ashes: a David Bowie Intraspective-non è casuale. Come le opere di Lichtenstein, il disco non presenta alcuna distinzione tra generi. Pop e bop, funk e rock, swing e cool jazz sono riferimenti paritetici nel caleidoscopico processo di rappresentazione musicale del gruppo. Ogni brano è in sé una sintesi antolologica della poetica del trio, in cui nulla è chiuso in parametri inalterabili. L'esecuzione di ogni pezzo è malleabile, in continuo movimento. Le tracce sonore non sono quadri chiusi. Evocano immagini sempre cangianti.

Live at the Bistro evoca un immaginario sogno sonoro americano in cui convivono cultura "alta" e "bassa," energia, frenesia, spazi meditativi, capacità di cambiare prospettiva e direzione alla musica, senso di appartenenza identitaria ad una sintassi linguistica jazzistica di tipo moderno, aspirazione e realizzazione di una musica democratica, in cui la pariteticità tra vibrafono (James Westfall), contrabbasso (Daniel Loomis) e batteria (Jared Schonig) rappresenta la disciplina formale dell'intero progetto.

Che il Wee Trio sia formato da creativi è dimostrato dall'originalità del sound, che sa essere potente, flessuoso, pieno di adogmatici riferimenti espressivi e all'occorrenza scarno. Oltre che dai generi succitati, è musica che sa essere piacevolmente impreziosita perfino da echi musicali barocchi—quindi comprensivo della tradizione jazzistica che rimanda inevitabilmente al Modern Jazz Quartet.
La musica del trio non vuole sorprendere artificiosamente e a priori, semplicemente stupisce per il modo in cui è costruita: si nutre di scambi di idee tra musicisti e di esecuzioni niente affatto scontate.
La forza del gruppo scaturisce dal gioco delle parti, dall'interplay -che è il perno del sound-e da un approccio alla cultura musicale di tipo pragmatico -pluralista e plurilinguistico-nella quale le combinazioni inattese sono la norma.

Che siano standards ("Cherokee" e "There Is No Greater Love"), brani tratti dal repertorio pop di David Bowie ("Queen Bitch") o pezzi originali ("Sabotage," "White Trash Blues," "New Earth" e "Ranthem") l'assunto è lo stesso: dare alle esecuzioni un senso di profonda leggerezza musicale. Ciò rende i brani altamente leggibili al fruitore, pur in presenza di preziosi tratti di maestria e padronanza tecnica.

L'ascolto di Live at the Bistro è un'esperienza davvero entusiasmante, appagante sia per la mente che per il corpo. Si spera di poterli vedere e ascoltare quanto prima da queste latitudini.

Track Listing

Cherokee; Drum Intro; Sabotage; Vibraphone Intro; hite Trash Blues; Queen Bitch; Bass Intro; There Is No Greater Love; Space Jugglers; New Earth; Ranthem; Tig Mack; Drum Intro; White Out.

Personnel

James Westfall: vibrafono; Dan Loomis: contrabbasso; Jared Schonig: batteria.

Album information

Title: Live at the Bistro | Year Released: 2014 | Record Label: Bionic Records

Post a comment about this album

Listen

Tags

Shop Amazon

More

Read Alex Moxon Quartet
Alex Moxon Quartet
Alex Moxon Quartet
Read I Went This Way
I Went This Way
Rachel Musson
Read HH
HH
Lionel Loueke
Read Secrets & Lies
Secrets & Lies
Jakko M. Jakszyk
Read Dominos
Dominos
Chuck Anderson
Read Ceremonie / Musique
Ceremonie / Musique
What Happens In A Year

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.