All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

2

Johnny O'Neal: Live at Smalls

Angelo Leonardi By

Sign in to view read count
Johnny O'Neal: Live at Smalls
La vicenda del pianista Johnny O'Neal ricorda quella dei molti jazzmen usciti repentinamente di scena e in qualche caso riscoperti in età avanzata. Il suo caso non ha avuto la risonanza che ebbe il ritorno di Henry Grimes un decennio fa ma ha catalizzato comunque l'attenzione degli appassionati.
Gran parte del merito va a Spike Wilner, il proprietario dello Smalls di New York, che ha più volte ospitato il pianista nel suo club, facendogli anche incidere questo lavoro il 16 giugno 2013.

Nato a Detroit 58 anni fa, O'Neal ebbe un momento di notorietà nei primi anni ottanta, quando operava a New York collaborando con Clark Terry, i Jazz Messengers di Art Blakey (Oh-By The Way, Timeless 1982), Ray Brown, Milt Jackson e suonando regolarmente al Blue Note. Lasciata la metropoli nel 1986, ha trascorso i decenni seguenti ad Atlanta, St.Louis e Detroit in condizioni sempre più precarie, aggravate dall'aver contratto l'HIV nel 1998. Quando la sua esistenza sembrava ormai senza sbocchi (aveva anche perso l'assicurazione sanitaria) un gruppo di benefattori l'ha aiutato a ristabilirsi.
Tornato a suonare a New York il pianista ha scoperto che il pubblico apprezzava anche il suo stile vocale e ha iniziato così a cantare accompagnandosi.

Qualcuno, per descrivere il suo pianismo, ha citato Art Tatum e Oscar Peterson ma il paragone è francamente esagerato anche se appaiono alcune somiglianze. La tecnica di Johnny O'Neal è comunque pregevole e il suo stile si pone in equilibrio tra il linguaggio bop e la tradizione dei pianisti d'anteguerra. In questo disco in trio (dove dà spazio alla vocalità polverosa, dalla bella tensione bluesy), si muove con eleganza evidenziando l'abilità di un consumato entertainer ma anche raffinato gusto armonico, fluidità melodica e tensione ritmica.
I brani sono tutti molto piacevoli: tra i pezzi esclusivamente strumentali spiccano il serrato "Sudan Blue" e il danzante "Uranus," tra quelli vocali l'articolato "Blues for Sale."

Track Listing

The More I See You; I'm Born Again; Blues for Sale; I'll Be Tired of You; Uranus; Goodbye; Where Is the Love / Overjoyed; Tea For Two; Sudan Blue; Let the Good Times Roll.

Personnel

Johnny O’Neal: pianoforte; Paul Sikivie: contrabbasso; Charles Goold: batteria.

Album information

Title: Live at Smalls | Year Released: 2014 | Record Label: Smalls Records

Post a comment about this album

Watch

Tags

Shop Amazon

More

Transmigration
Makram Aboul Hosn
Wrongs
Dan Pitt Quintet
Polaris
Greg Skaff
Sun Beans Of Shimmering Light
Wadada Leo Smith / Douglas Ewart / Mike Reed
Northwestern Songs
Arne Torvik
I Am Not A Virus
Jordan VanHemert
Braids
Sam Rivers

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.