All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

2

Johnny O'Neal: Live at Smalls

Angelo Leonardi By

Sign in to view read count
La vicenda del pianista Johnny O'Neal ricorda quella dei molti jazzmen usciti repentinamente di scena e in qualche caso riscoperti in età avanzata. Il suo caso non ha avuto la risonanza che ebbe il ritorno di Henry Grimes un decennio fa ma ha catalizzato comunque l'attenzione degli appassionati.
Gran parte del merito va a Spike Wilner, il proprietario dello Smalls di New York, che ha più volte ospitato il pianista nel suo club, facendogli anche incidere questo lavoro il 16 giugno 2013.

Nato a Detroit 58 anni fa, O'Neal ebbe un momento di notorietà nei primi anni ottanta, quando operava a New York collaborando con Clark Terry, i Jazz Messengers di Art Blakey (Oh-By The Way, Timeless 1982), Ray Brown, Milt Jackson e suonando regolarmente al Blue Note. Lasciata la metropoli nel 1986, ha trascorso i decenni seguenti ad Atlanta, St.Louis e Detroit in condizioni sempre più precarie, aggravate dall'aver contratto l'HIV nel 1998. Quando la sua esistenza sembrava ormai senza sbocchi (aveva anche perso l'assicurazione sanitaria) un gruppo di benefattori l'ha aiutato a ristabilirsi.
Tornato a suonare a New York il pianista ha scoperto che il pubblico apprezzava anche il suo stile vocale e ha iniziato così a cantare accompagnandosi.

Qualcuno, per descrivere il suo pianismo, ha citato Art Tatum e Oscar Peterson ma il paragone è francamente esagerato anche se appaiono alcune somiglianze. La tecnica di Johnny O'Neal è comunque pregevole e il suo stile si pone in equilibrio tra il linguaggio bop e la tradizione dei pianisti d'anteguerra. In questo disco in trio (dove dà spazio alla vocalità polverosa, dalla bella tensione bluesy), si muove con eleganza evidenziando l'abilità di un consumato entertainer ma anche raffinato gusto armonico, fluidità melodica e tensione ritmica.
I brani sono tutti molto piacevoli: tra i pezzi esclusivamente strumentali spiccano il serrato "Sudan Blue" e il danzante "Uranus," tra quelli vocali l'articolato "Blues for Sale."

Track Listing: The More I See You; I'm Born Again; Blues for Sale; I'll Be Tired of You; Uranus; Goodbye; Where Is the Love / Overjoyed; Tea For Two; Sudan Blue; Let the Good Times Roll.

Personnel: Johnny O’Neal: pianoforte; Paul Sikivie: contrabbasso; Charles Goold: batteria.

Title: Live at Smalls | Year Released: 2014 | Record Label: Smalls Records

Tags

Watch

comments powered by Disqus

Shop

Start your shopping here and you'll support All About Jazz in the process. Learn how.

Related Articles

Read New American Songbooks, Volume 2 Album Reviews
New American Songbooks, Volume 2
By Karl Ackermann
February 19, 2019
Read Live At JazzCase Album Reviews
Live At JazzCase
By Troy Dostert
February 19, 2019
Read Eastern Sonata Album Reviews
Eastern Sonata
By James Fleming
February 19, 2019
Read Cannonball Album Reviews
Cannonball
By Rob Rosenblum
February 19, 2019
Read Child Of Illusion Album Reviews
Child Of Illusion
By Don Phipps
February 19, 2019
Read Infection In The Sentence Album Reviews
Infection In The Sentence
By Chris May
February 18, 2019
Read Real Isn't Real Album Reviews
Real Isn't Real
By Phil Barnes
February 18, 2019