All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

1

Don Cherry: Live at Cafe Montmartre 1966 - Vol. 2

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Il periodo a cavallo tra il 1965 il 1966 è certamente un momento tra i più significativi nella carriera di Don Cherry. Il baricentro della sua vita si è spostato prepotentemente in Europa, ma alla vigilia di Natale del 1965 è nei classici studi di Rudy van Gelder che il trombettista registra il primo capolvaoro a proprio nome, Complete Communion: c'è con lui il sassofonista argentino Gato Barbieri, ma la ritmica [da urlo!] composta da Henry Grimes e Ed Blackwell è una sapiente sintesi delle precedenti esperienze con Rollins e Ornette Coleman.

Nel 1966 Cherry e Barbieri se ne tornano a Parigi, per riprendere a suonare con quella multinazionale del nuovo jazz europeo che era completata da Aldo Romano alla batteria, dal tedesco Karl Berger al vibrafono e da Jean-Francois Jenny-Clark al contrabbasso. Sede: Parigi. Ma la band trova buoni ingaggi anche altrove, ad esempio a Copenhagen, dove il celebre Cafè Montmartre offre a Cherry un ingaggio per tutto il mese di marzo.

Le registrazioni radiofoniche di alcune di quelle serate sono ora disponibili ed è la mitica Esp a pubblicarle con il titolo Live at Cafe Montmartre 1966, di cui esce ora il secondo volume, tratto dalla serata del 31 marzo. Al basso non c'è Jenny-Clark [che era rimasto a Parigi per impegni di studio], né l'americano Cameron Brown, che Cherry aveva conosciuto nell'orchestra di George Russell e che aveva preso il posto del giovane francese. Per ragioni di contratti radiofonici - che imponevano la presenza di almeno un musicista danese - troviamo invece Bo Stief, che regge comunque bene il gioco.

Certamente la caratteristica più interessante di queste registrazioni [oltre alla qualità della musica, che è davvero notevole] è quella di mostrare in modo molto chiaro il "metodo di lavoro" di Don Cherry, la globalità della sua visione sonora, che nell'arco di una stessa composizione, o suite, o medley, incorpora tantissime citazioni, temi, spunti, germogli musicali spontanei, chiamati al volo e che i componenti della band devono sapere assecondare al volo.

Non si contano così i frammenti di temi dello stesso Cherry e ovviamente di Ornette Coleman, ma anche una "Morning Glory" ellingtoniana [ah sublime filo rosso tra Rex Stewart e Cherry!] che appare come un fuoco d'artificio in mezzo a un ginepraio di melodie chiamato "Spring Is Here" dall'annuncio di Cherry, ma che nulla ha a che vedere con il celebre standard.

Dopo l'introduzione dell'annunciatore, il quintetto esplora "Felicidade" di Jobim: qui i curatori della ristampa si fanno ingannare dalle parole di Cherry e creditano il brano come "Black Orpheus" di Luiz Bonfà, ma in realtà si tratta di "Felicidade", che dalla colonna sonora dello stesso film era tratta. Ma c'è spazio anche per un sentito omaggio a Ayler [che era vivo e vegeto e di lì a un mese avrebbe tenuto i famosi concerti allo Slug's] che prende spunto dal tema di "Ghosts" e per una riproposizione dal vivo del materiale inciso in Complete Communion, da "Remembrance" a "Complete Communion" a un frammento di "Elephantasy".

Anche in questa seconda parte le improvvisazioni attraversano zone di furore [solitamente condotte da Barbieri], inserti bop, citazioni brasiliane ["Insensatez"], aperture più rarefatte, comunque con una dinamica di conmtinua spinta ritmica in cui Romano si dimostra motore eccellente e Berger altrettanto eccellente spazializzatore. Non per niente in settembre, per incidere il nuovo capolavoro Symphony for Improvisers", Cherry porterà con sé a New York il vibrafonista tedesco, ovviamente Barbieri e il finalmente disponibile Jenny-Clark. Che anni!

Track Listing: 01. Intro; 02. Orfeu Negro; 03. Suite for Albert Ayler; 04. Spring is Here; 05. Remembrance; 06. Elephantasy (Incomplete); 07. Complete Communion.

Personnel: Don Cherry (tromba); Gato Barbieri (sax tenore); Karl Berger (vibrafono); Bo Stief (contrabbasso); Aldo Romano (batteria).

Title: Live at Cafe Montmartre 1966 - Vol. 2 | Year Released: 2009 | Record Label: ESP Disk

Tags

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related Articles

Read Nexus Album Reviews
Nexus
By Jakob Baekgaard
May 23, 2019
Read The Second Coming Album Reviews
The Second Coming
By Daniel Barbiero
May 23, 2019
Read Luminária Album Reviews
Luminária
By John Sharpe
May 23, 2019
Read Jazz Band/Rock Band/Dance Band Album Reviews
Jazz Band/Rock Band/Dance Band
By Jerome Wilson
May 23, 2019
Read When Will The Blues Leave Album Reviews
When Will The Blues Leave
By Karl Ackermann
May 22, 2019
Read Crowded Heart Album Reviews
Crowded Heart
By Dan Bilawsky
May 22, 2019
Read Infinite Itinerant Album Reviews
Infinite Itinerant
By Geno Thackara
May 22, 2019