All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

The Group: Live

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Mentre il preteso "centro del mondo" del jazz, ormai in sempre più costante ansia dissociativa e ricerca di consensi occasionali, si compiace delle gesta pop - nemmeno troppo pop e nemmeno troppo originali - di una Esperanza Spalding o sugli "originali" innesti hip-hop nella musica di Robert Glasper [ok, la memoria di tutti fa difetto, non c'è problema, non c'è problema... sarà una cosa dell'età...], dalle "periferie" vengono sguardi appassionati, onesti, umili e assai più interessanti, sia a livello "storico" che di attualità.

Il caso dell'etichetta portoghese Clean Feed è certamente il più luminoso, ma anche la lituana NoBusiness è degna di nota e questo nuovo disco ne è una conferma perfetta.

Perché non solo si tratta di un disco pieno di musica bella e sincera, ma anche di uno sguardo significativo su quelle che sono state le dinamiche del jazz creativo negli anni Ottanta, quando una band come quella che ascoltiamo qui in una registrazione dal vivo [era il settembre del 1986] non trovava spazi discografici.

Erano gli anni in cui si viveva appieno quello che fu chiamato dalle nostre parti "edonismo reaganiano," in cui nei referendum di DownBeat trionfava Wynton Marsalis. In cui la memoria, come quella degli anziani, era vividissima per le cose accadute tanti anni prima, obliando quello che era successo fino a poco prima.

Già, perché fino a poco prima era pure successo qualcosa. Una grande creatività, la scena dei loft, un forte desiderio di partire dalle conquiste [spesso parziali] della New Thing per aprire il linguaggio a ulteriori grammatiche e traiettorie di senso. Ma molti lo stavano deliberatamente dimenticando, da un lato rassicurati dal binomio "bravura tecnica + tradizione" e dall'altro stuzzicati - grazie al boom del CD - dalla prospettiva di potere abbinare alla sbornia di ristampe anni Cinquanta e Sessanta anche nuova musica in linea con quegli ambiti stilistici.

Nulla da stupirsi dunque se un gruppo come questo - forse un po' pomposamente "The" Group - abbia aspettato un bel quarto di secolo per farsi conoscere al di fuori dei fortunati che lo hanno visto dal vivo in quei mesi. Lo compongono la tromba di Ahmed Abdullah [già con Sun Ra], il contralto di Marion Brown, il violino di Billy Bang, il contrabbasso di Sirone [qui raddoppiato da quello del meraviglioso Fred Hopkins] e la batteria di Andrew Cyrille. Una line up che probabilmente farà fare un bel balzo sulla sedia agli appassionati [le copie stampate poi sono limitate, quindi se interessati, meglio affrettarsi].

E che con la scelta del repertorio fa capire ancora meglio come la percepita e pubblicizzata contrapposizione di allora tra i cosiddetti young lions e i "vecchi alfieri del free" sia del tutto imprecisa. Tra i brani del disco c'è ad esempio una bella rilettura della mingusiana "Goodbye Pork Pie Hat," ma nel repertorio dei concerti del periodo ci sono anche temi di Ellington e Benny Golson [nel bel blog inconstantsol.blogspot.it è da poco disponibile un'altra registrazione live del gruppo] e tutta la musica dialoga costantemente - come è sempre stato - con la tradizione.

Qui c'è anche, in chiusura, un pezzo di Miriam Makeba, "Amanpondo," a testimonianza di una band che, pur composta da strumentisti e autori di grande personalità, mette in condivisione gesti e ispirazioni. Ne viene fuori una musica ricchissima di sfaccettature, forse a tratti ruvida, ma sempre coinvolgente, con grande presenza degli archi [la presenza di due contrabbassi amplia ulteriormente questa regione timbrica] e una energia mai declinata in modo didascalico o passatista.

La storia del gruppo è delineata dallo stesso Ahmed Abdullah nel corposo libretto del CD. Fred Hopkins è morto nel 1999. Tra il 2009 e il 2011 se ne sono andati anche Sirone, Marion Brown e Billy Bang. Andrew Cyrille continua a essere un maestro indiscusso della batteria e Abdullah ancora attivissimo sulla scena newyorkese. La musica di questo gruppo "perduto" è davvero splendida.

Track Listing: 01. Joann's Green Satin Dress; 02. Goodbye Pork Pie Hat; 03. La Placita; 04. Shift Below; 05. Amanpondo.

Personnel: Ahmed Abdullah (tromba, flicorno); Marion Brown (sax contralto); Billy Bang (violino); Sirone, Fred Hopkins (contrabbasso); Andrew Cyrille (batteria).

Title: Live | Year Released: 2013 | Record Label: The James Westfall Podcast

Tags

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Album Reviews
Read more articles
 

Live

The James Westfall Podcast
2013

buy
Traveling the Spaceways

Traveling the...

Planet Arts Records
2005

buy
Tara

Tara

TUM Records
2005

buy
Song of Time

Song of Time

Unknown label
2004

buy
 

Dedication

CIMP Records
2000

buy
 

NAM - Actual Proof

Buda Musique
1999

buy

Related Articles

Read Hastings Jazz Collective/Shadow Dances Album Reviews
Hastings Jazz Collective/Shadow Dances
By Dan McClenaghan
May 21, 2019
Read Crowded Heart Album Reviews
Crowded Heart
By Nicholas F. Mondello
May 21, 2019
Read That's a Computer Album Reviews
That's a Computer
By Jerome Wilson
May 21, 2019
Read All I Do Is Bleed Album Reviews
All I Do Is Bleed
By Paul Naser
May 21, 2019
Read LE10 18-05 Album Reviews
LE10 18-05
By Karl Ackermann
May 20, 2019
Read Remembering Miles Album Reviews
Remembering Miles
By Dan McClenaghan
May 20, 2019
Read Merry Peers Album Reviews
Merry Peers
By Bruce Lindsay
May 20, 2019