0

Scott Amendola Trio: Lift

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Questo Lift del trio di Scott Amendola arriva a parecchi anni di distanza dall'ottimo Believe del 2005 che vedeva il batterista californiano impegnato alla testa di un quintetto con i chitarristi Nels Cline e Jeff Parker affiancati dalla violinista Jenny Scheinman. Il basso era sempre affidato al fido scudiero John Shifflett. In Lift ritroviamo gli stessi protagonisti con l'esclusione di Cline e della Scheinman.

Siamo talmente abituati ad ascoltare Scott Amendola con Nels Cline alla chitarra (soprattutto, ma non solo, nei gruppi di Cline) che all'inizio l'approccio molto differente di Jeff Parker ci appare quasi come un sacrilegio. Anche perché non è mediato dalla contemporanea presenza di un altro chitarrista. Ma alla fine ci accorgiamo che non è così, perché Parker sa trovare percorsi diversi che però ben si sposano con il drumming intelligente di un musicista coi fiocchi come Scott Amendola.

In effetti, Jeff Parker è un chitarrista meno psichedelico rispetto a Cline, apparentemente più lineare, anche se la sua normalità è spesso solo apparente. Per apprezzarlo a pieno bisogna ascoltarlo con attenzione dimenticando i funambolismi e le verticalizzazioni improvvise. Qui comunque non si fa mancare escursioni in territorio quasi rumoristico, ma lo fa con il giusto aplomb e senza farsi mai scappare di mano lo strumento. La sua calma rilassata è un valore importante che lo fa risaltare come un alieno in un mondo dominato dalle nevrosi. Senza trascurare la sua vena funky di fondo che all'occorrenza viene in superficie, riscoprendo radici degne di Grant Green e James Blood Ulmer. Per chi non fosse convinto di questo, suggeriamo una buona razione di "Lima Bean".

Per tutto l'album il trio di Scott Amendola usa molto bene le dinamiche e la parte bassa dello spettro, sempre ben controllata e importante. Con queste fondamenta solide, la musica ha uno spessore evidente e le belle composizioni di Amendola riflettono una molteplicità di stili che però hanno sempre un comune denominatore che le rende coerenti e conseguenti. La musica respira in maniera evidente, liberando energie positive, in un percorso organico che speriamo possa continuare nel tempo.


Track Listing: 01. Tudo De Bom; 02. Cascade; 03. Blues for Istanbul; 04. Death by Flower; 05. Lift; 06. Lima Bean; 07. The Knife; 08. Lullaby for Sascha.

Personnel: Jeff Parker (chitarra); John Shifflett (basso); Scott Amendola (batteria, percussioni, elettronica).

Title: Lift | Year Released: 2012 | Record Label: Point of Departure, WMPG-FM


Tags

comments powered by Disqus

More Articles

Read Kurrent CD/LP/Track Review Kurrent
by C. Andrew Hovan
Published: October 17, 2017
Read Duets CD/LP/Track Review Duets
by Jakob Baekgaard
Published: October 17, 2017
Read Rev CD/LP/Track Review Rev
by Dan McClenaghan
Published: October 17, 2017
Read The Frequency Modulators Orchestra, Vol. 1 CD/LP/Track Review The Frequency Modulators Orchestra, Vol. 1
by Jim Olin
Published: October 17, 2017
Read The Adventures of Zodd Zundgren CD/LP/Track Review The Adventures of Zodd Zundgren
by Karl Ackermann
Published: October 16, 2017
Read Any Other Way CD/LP/Track Review Any Other Way
by Jakob Baekgaard
Published: October 16, 2017
Read "East West Time Line" CD/LP/Track Review East West Time Line
by Geannine Reid
Published: April 10, 2017
Read "Everyone Is Everyone Else" CD/LP/Track Review Everyone Is Everyone Else
by Glenn Astarita
Published: December 13, 2016
Read "Il sistema periodico" CD/LP/Track Review Il sistema periodico
by Nicola Negri
Published: March 27, 2017
Read "The MUH Trio – Prague After Dark" CD/LP/Track Review The MUH Trio – Prague After Dark
by Karl Ackermann
Published: March 17, 2017
Read "Festen" CD/LP/Track Review Festen
by John Sharpe
Published: November 12, 2016
Read "You & I" CD/LP/Track Review You & I
by James Nadal
Published: June 4, 2017

Join the staff. Writers Wanted!

Develop a column, write album reviews, cover live shows, or conduct interviews.