All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

Jerry Granelli: Let Go

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Jerry Granelli: Let Go
Il 21 e il 22 gennaio del 2011 erano certamente giornate fredde e scure, in quel di Halifax, Nova Scotia. Anche le statistiche lo confermano: gennaio è il mese più freddo dell'anno, in quel lembo del Canada orientale bagnato dall'Atlantico. Ma il freddo non può ostacolare il sogno di intrepidi condottieri come Jerry Granelli. E infatti il batterista, giunto ormai oltre la soglia dei 70 anni, proprio in quei giorni e in quella lontana località, decisamente fuori delle mappe del jazz ma a lui cara perchè vi risiede da oltre vent'anni, ha riunito un nuovo trio e ha registrato questo album intenso e baciato dalla creatività.

Nove brani originali, scritti dai tre musicisti del trio, profumati di torba ma anche di licheni, di lande desolate e battute dal vento, caratterizzati dalla costante presenza di un fuoco ben percepibile, ardente sotto la cenere. Come nei grandi vulcani silenti, posizionati nelle terre fredde ma sempre in grado di rendere il mondo consapevole della lava fluida che ribolle e gorgoglia, giù in profondità.

Sono con lui il bassista Simon Fisk (che oltre al basso acustico usa anche il violoncello) e il saxofonista Danny Oore che sceglie la parte medio bassa dello spettro utilizzando sax tenore e sax baritono. La musica è dolente e misteriosa, sempre aperta a nuove suggestioni e sempre pronta a rinunciare a percorrere le strade battute. Non c'è proprio nulla di rituale in questa musica che è sospesa nel tempo e si ciba della propria capacità di visione per disegnare scenari che sono assolutamente peculiari ma che allo stesso tempo ci pare di conoscere da sempre.

I tre musicisti suonano con una coesione ammirabile e i due giovani partner di Jerry Granelli sono chiaramente rapiti dalla capacità di visione del 'giovane' batterista che li guida con la giusta saggezza non disgiunta da una buona dosa di follia. Giovane nell'anima, ovviamente. La voce di Mary Jane Lamond compare e scompare come se fosse un elfo del grande nord e porta un ulteriore tocco di freschezza con il suo quasi recitativo in gaelico scozzese che riporta alle origini e alle tradizioni che, se bene interpretate e rese mai vincolanti, sono una preziosa fonte di ispirazione per chi sa utilizzarle al meglio.

Track Listing

01. Bones; 02. Dango; 03. Solaria; 04. Letter to Bjork; 05. Leaving; 06. Under a Chinese Saloon; 07. A Chinese Saloon; 08. A Woman Who Wants to Waltz; 09. Vulnerable.

Personnel

Simon Fisk (basso acustico, violoncello); Danny Oore (sax tenore e baritono); Jerry Granelli (batteria); Mary Jane Lamond (voce).

Album information

Title: Let Go | Year Released: 2011 | Record Label: Plunge Records

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Sing To The World
Benito Gonzalez
Quasar-Mach
Jeffrey Morgan
Inspirations
Mindaugas Stumbras
Genealogy
CODE Quartet
First Mile
Lamb Anderson Sorgen
What are the Odds?
Dennis Winge

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.