All About Jazz

Home » Articoli » Live Review

0

Kneebody al Blue Note di Milano

Claudio Bonomi By

Sign in to view read count
Kneebody
Blue Note
Milano
22.05.2019

Tante le ragioni per vedere in azione i Kneebody, band americana di jazz elettrico alla ribalta ormai da quasi vent'anni (i primi concerti risalgono al 2001, quando i componenti frequentavano da studenti la prestigiosa Eastman School of Music a Rochester, New York).

Primo, perché la loro uscita milanese coincideva con il debutto, almeno in Europa, dell'inedita formazione a quartetto a causa dell'uscita di scena del bassista Kaveh Rastegar e, secondo, perché avveniva quasi in concomitanza con il lancio del nuovo EP By Fire pubblicato lo scorso maggio dalla Edition Records. Un lavoro che ha già guadagnato alla band nuovi consensi di critica e di pubblico e che vede i Kneebody "duettare" con una squadra di ospiti, tra cantanti e solisti (da Michael Mayo a Gerald Clayton), in cinque brani scritti da Hiatus Kaiyote, Wye Oak, Soundgarden, The Band e John Legend.

Ebbene, la mancanza di Rastegar non si è percepita per nulla perché Nate Wood, il funambolico batterista della band, si è trasformato in bassista, suonando, anche in parallelo, tamburi, piatti e la tastiera del Fender: vederlo in azione è stata una vera esperienza. Wood ha, infatti, dato prova di maestria e di una coordinazione da atleta olimpionico.

Non hanno deluso nemmeno i suoi tre storici compagni: Ben Wendel al sax tenore ed elettronica, Shane Endsley alla tromba ed elettronica e Adam Benjamin alle tastiere, Fender Rhodes in primis. Spaziando tra un repertorio pieno di riferimenti al jazz rock anni Settanta, all'urban funk, all'hip-hop, all'elettronica, i Kneebody hanno presentato diversi brani tratti da nuovo album in uscita in autunno e composizioni storiche come la trascinante ”Uprising” e ”For the Fallen”, entrambi scritte da Endsley e tratte all'album Anti-Hero uscito nel 2017. Una performance senza sbavature con i fiati in gran spolvero, specialmente quando i due solisti procedevano all'unisono, creando impasti e giochi sonori di mirabile intensità e brillantezza.

I Kneebody hanno dato l'ennesima prova di essere una vero collettivo dove tutti sono al servizio della composizione e dove gli spazi per assoli e virtuosismi sono ridotti all'osso: la dimensione "corale" e avvolgente del loro sound si è riconfermata essere, anche a Milano, la loro marcia in più.

Foto: Roberto Cifarelli.

Post a comment

Watch

Tags

Jazz Near Milan
Events Guide | Venue Guide | Get App | More...

Shop Amazon

More

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.