All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

0

Roberto Negro: Kings and Bastards

Neri Pollastri By

Sign in to view read count
Roberto Negro: Kings and Bastards
Torinese di nascita, apolide per formazione, da anni residente in Francia, Roberto Negro è uno dei giovani musicisti più interessanti, messosi in luce per le sue collaborazioni con altri valenti giovani come Emile Parisien e Théo Ceccaldi. Perennemente in equilibrio tra la classica contemporanea, l'improvvisazione libera e il jazz, sempre pronto a esplorare ogni atmosfera timbrica, sperimentatore di suoni e di elaborazioni sullo strumento, Negro si lascia anche ispirare dai più svariati riferimenti extramusicali, che arricchiscono la sua produzione artistica.

Qui lo troviamo alle prese con il lavoro in solo, che viene spesso considerato per un pianista una "prova di maturità"; Negro l'affronta in modo sfrontato e singolare, mettendo in fila nei cinquantadue minuti del disco dodici brani originali, parte scritti e parte improvvisati, sempre e comunque cangianti non solo nelle atmosfere, ma anche nelle sonorità, grazie alla preparazione del pianoforte e all'uso molto oculato dell'elettronica.

Incontriamo così brani sospesi, a stretto contatto con la contemporanea, nei quali il pianista mostra la sua maestria nel dosare il tocco sulla tastiera, come ”Erik il feroce”, ”Mbah il Supremo” o ”François il Riformista”; composizioni dalla sorprendente ritmicità percussiva, rafforzata dalle elaborazioni timbriche, come la splendida traccia eponima, particolarissima e fortemente coinvolgente, o ”Lemba”; e poi pezzi evocativi, nei quali singolari percussioni si affiancano a elaborazioni elettroniche, come i due ”Fahreneit” e il conclusivo ”Beaumarché”, o altri nei quali sensibilità del tocco e intensità ritmico-dinamica si coniugano mirabilmente, come ”Boboto”. E ancora, brani come ”Scaramouche”, dove Satie e Jarrett si incontrano in un gioco provocatorio e iconoclasta di note reiterate e di sperimentazioni timbriche, o genuinamente cameristici, quasi primo Novecento, come ”Il Gattopardo”.

Insomma, un disco dalla personalità unica, pieno di sorprese e dal suono splendido, stavolta edito da un'etichetta italiana come la Cam Jazz e che perciò potrà finalmente consacrare anche nel nostro paese lo splendido musicista che è Roberto Negro.

Album della settimana.

Track Listing

Fahrenheit 0.2 - Grande Assaly; Kings & Bastards; François il Riformista; Mbah il Supremo; Fahrenheit 1.7; Lemba; Boboto; Horik il Feroce; Scaramouche; Qin il Legista; Il Gattopardo; Giò; Beaumarché.

Personnel

Roberto Negro: piano, prepared piano, electronics.

Album information

Title: Kings and Bastards | Year Released: 2018 | Record Label: CAM Jazz

Post a comment about this album

Watch

Tags

Shop Amazon

More

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.