All About Jazz

Home » Articoli » Live Reviews

0

King Crimson alla Cavea dell'Auditorium, Roma

Mario Calvitti By

Sign in to view read count
King Crimson
Cavea dell'Auditorium
Roma
22.07.2018

Pochi gruppi nella storia della musica rock sono stati importanti quanto i King Crimson. Nei quasi 50 anni trascorsi dalla loro prima apparizione risalente al 1969 hanno sempre rappresentato un punto di riferimento avanzato per il rock progressivo (anche se la definizione non è mai piaciuta al loro leader Robert Fripp, che ha sempre rivendicato l'unicità della loro musica) attraverso le loro numerose incarnazioni, che pur attraversanco molti periodi di discontinuità (il tempo di attività reale è stato soltanto circa la metà del totale trascorso) ancora oggi calcano i palcoscenici di tutto il mondo, e possono vantare una base di appassionati tuttora crescente. L'ultima rinascita del gruppo risale al 2014, riunendo membri vecchi (oltre al chitarrista Robert Fripp il sassofonista Mel Collins, il bassista Tony Levin, i batteristi Pat Mastellotto e Gavin Harrison) e nuovi (il chitarrista e cantante Jakko M. Jakszyk, che già si era fatto le ossa suonando il repertorio del gruppo insieme ad alcuni dei musicisti originari dei King Crimson nella cover band "21st Century Schizoid Band" attiva tra il 2002 e il 2006, e il batterista/tastierista Bill Rieflin, già collaboratore di Fripp in alcuni progetti).

Da allora, ogni anno intraprendono un tour più o meno lungo in tutto il mondo, incentrando i loro show sulla riproposizione del vecchio materiale attingendo da tutta la storia del gruppo, compresi anche alcuni brani che non erano mai stati eseguiti dal vivo in precedenza come la suite "Lizard," e aggiungendo una manciata di brani di nuova composizione. Il 2018 ha visto la band attiva in Europa nel corso dell'estate; altre date (Regno Unito e Parigi) si aggiungeranno in autunno, per chiudere l'anno con una serie di concerti in Giappone. Nel frattempo la band ha acquisito un nuovo elemento, il batterista e tastierista Jeremy Stacey, chiamato nel 2016 in sostituzione dell'allora indisponibile Rieflin e rimasto anche dopo il ritorno di quest'ultimo, rientrato come tastierista aggiunto; con questa formazione a otto elementi si sono presentati anche a Roma per due serate, di cui abbiamo seguito la prima in programma.

L'abbondanza di materiale in repertorio ha permesso di non ripresentare la stessa scaletta nel corso delle doppie serate (spesso ricorrenti durante tutto il tour), anche se la struttura di base dei concerti rimane rigidamente prefissata: due set di circa un'ora ciascuno, entrambi aperti dal trio di batteristi posizionato sul palco in prima fila con due nuove composizioni (una per set), "Hell Hounds of Krim" e "Devil Dogs of Tessellation Road," che mettono bene in mostra lo spettacolare coordinazione tra i tre percussionisti. Dopo queste introduzioni fanno seguito i brani classici eseguiti spesso in modo da riproporre gli originali quasi nota per nota (come si può sentire ascoltando gli ultimi live pubblicati dal gruppo), rispettando in certi casi anche la sequenza del disco, come per il trittico "Peace/Pictures of a City/Cadence and Cascade," preso dal primo lato del secondo album del gruppo uscito nel 1970, o il dittico "Moonchild/In the Court of The Crimson King" che costituiva il secondo lato del loro primo album.

Nel corso delle due ore abbondanti di concerto abbiamo ascoltato altri classici in prevalenza degli anni '70 ("Cirkus," "Bolero," "Epitaph," "Easy Money," "Larks Tongues in Aspic Pt.2") un paio degli anni '80 ("Neurotica," "Discipline" e "Indiscipline") e alcuni brani nuovi ("Radical Action," "Suitable Ground for the Blues") prima della conclusione con "Starless" e il bis di "21st Century SChizoid Man," il loro brano simbolo che apriva l'LP di esordio, ancora attualissimo dopo tutti questi anni. Il pubblico, numeroso e di composizione anagrafica molto varia (anche se i fan di vecchia data erano naturalmente predominanti), ha risposto con entusiasmo a ognuno dei brani proposti, ritrovando spesso le stesse atmosfere immortalate sui vinili d'epoca.

Tutto perfetto, quindi? Sì e no: se da un lato l'esibizione di tutti i musicisti è impeccabile (da sottolineare gli ottimi interventi di Collins, musicista troppo sottovalutato) e la musica è quella immortale già tramandata alla storia, spiace constatare che quella che era forse la caratteristica principale della band dal vivo, ossia l'abbandonarsi a occasionali improvvisazioni collettive, che era stata più o meno mantenuta in tutte le precedenti incarnazioni del gruppo, ora risulta completamente assente. Non mancano gli assoli individuali nei (pochi) brani che li prevedono, ma l'impressione è che Fripp abbia scelto di utilizzare questa formazione come una sorta di museo itinerante dei King Crimson, privilegiando l'esibizione rigidamente predeterminata di un glorioso e storico passato alla libertà di esplorare nuove possibilità musicali.

Tags

Watch

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Upcoming Shows

Related Articles

Read Marcin Wasilewski Trio at Triskel Christchurch Live Reviews
Marcin Wasilewski Trio at Triskel Christchurch
By Ian Patterson
June 24, 2019
Read The Nice Jazz Orchestra At The Opera House Live Reviews
The Nice Jazz Orchestra At The Opera House
By Martin McFie
June 23, 2019
Read Jochen Rückert Quartet at Hong Kong Arts Centre Live Reviews
Jochen Rückert Quartet at Hong Kong Arts Centre
By Rob Garratt
June 21, 2019
Read John Richmond at The Turning Point Cafe Live Reviews
John Richmond at The Turning Point Cafe
By David A. Orthmann
June 19, 2019
Read Ojai Music Festival 2019 Live Reviews
Ojai Music Festival 2019
By Josef Woodard
June 19, 2019
Read Frédéric Gomes at les Deux Moulins Live Reviews
Frédéric Gomes at les Deux Moulins
By Martin McFie
June 17, 2019
Read Jazzdor Berlin 2019 Live Reviews
Jazzdor Berlin 2019
By Henning Bolte
June 15, 2019