All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

0

Nate Smith: Kinfolk: Postcards from Everywhere

Angelo Leonardi By

Sign in to view read count
Nate Smith: Kinfolk: Postcards from Everywhere
In aggiunta alla brillante carriera nei gruppi di Dave Holland, Chris Potter, Jose James e molti altri, il quarantaduenne batterista debutta da leader presentando un jazz fresco e immediatamente gradevole ma allo stesso tempo fantasioso negli impasti timbrici e nei ritmi. Un risultato ottenuto grazie alle cantabili composizioni originali (profumate di aromi soul e hip-hop con accattivanti leggerezze pop) e alla presenza di magistrali ospiti come gli stessi Holland e Potter, ma anche di Lionel Loueke e Gretchen Parlato. Il tutto senza dimenticare il contributo del suo gruppo dove spiccano il sassofonista Jaleel Shaw e il pianista Kris Bowers. Alle sorprendenti doti di compositore e arrangiatore, Nate Smith conferma quelle note di batterista propenso alle frammentazioni e alterazioni ritmiche.

Come sottolinea il titolo, il disco è un tributo alle sue radici familiari e riporta due brevi dialoghi di Smith con Mom e Dad ricordando la parentela. Quello che a noi interessa è però la musica che, dicevamo, è eccellente a partire dal brano iniziale "Skip Step," un marcato funk in 17/4 costruito su un metallico vamp e abbellito da molteplici reminiscenze (M-Base, Pat Metheny...).
Stesso groove col successivo "Bounce: parts I & II" che accentua le atmosfere M-Base virando verso l'hip hop e apre nella seconda parte al torrenziale assolo di Chris Potter.

A partire dal terzo brano la musica tende a distentersi, presentando le atmosfere soul e pop che abbiamo detto e altri significativi contributi. Il più avvincente è quello offerto dalla voce di Gretchen Parlato nel nostalgico "Pages" (una gemma di grazia e leggerezza folk) ma anche l'esordiente Amma Whatt offre una bella prova in "Disenchantmet: The Weight" e "Morning and Allison." L'ultimo brano che è doveroso ricordare è "Spinning Down," costruito su una danzante linea di basso in 10/4 di Dave Holland, in relazione alla chitarra di Lionel Loueke, al contralto di Shaw e al piano di Bowers. Il drumming spezzato e interattivo del leader sostiene questo e gli altri brani non ancora citati. Ma una recensione non può diventare un piccolo saggio e lasciamo ai lettori il gusto della scoperta.

Un disco imperdibile.

Track Listing

Intro: Wish You Were Here; Skip Step, Bounce Pts 1+2; Mom: Postcards from Detroit / Floyd / Salem; Retold; Disenchantment: The Weight; Spinning Down; Pages; From Here: Interlude; Morning and Allison; Spiracles; Small Moves Interlude; Dad: Postcards from Isaac Street; Home Free (For Peter Joe).

Personnel

Nate Smith: drums, percussion, Fender Rhodes, synths, sounds; Kris Bowers: piano, Fender Rhodes; Fima Ephron: electric bass; Jeremy Most: guitars; Jaleel Shaw: alto and soprano saxophones. Featuring: Dave Holland: acoustic bass, “Skip Step” “Spinning Down”; Lionel Loueke: guitar, “Skip Step” “Spinning Down”; Chris Potter: tenor saxophone, “Bounce parts I + II”; Gretchen Parlato: vocals, “Pages”; Michael Mayo: vocals, vocal percussion/effects, “Skip Step” “Retold”; Amma Whatt: vocals, “Disenchantment: The Weight” “Morning and Allison”; Adam Rogers: acoustic and electric guitars, “Spiracles”. Strings on “Disenchantment: The Weight” and “Home Free (for Peter Joe)”: Stephanie Matthews: violin I; Juliette Jones: violin II/contractor; Christiana Liberis: viola; Reenat Pinchas: cello.

Album information

Title: Kinfolk: Postcards from Everywhere | Year Released: 2017 | Record Label: Ropeadope

Post a comment about this album

Watch

Tags

Shop Amazon

More

Read Tongue In A Bell
Tongue In A Bell
Peter Brötzmann / Paul G. Smyth
Read Some More Jazz
Some More Jazz
Keys and Screws
Read Tbilisi
Tbilisi
Max Gerl

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.