All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

0

Jimmy Amadie: Kindred Spirits

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Dalla vita di Amadie si potrebbe trarre un soggetto cinematografico. Nato a Filadelfia 73 anni fa, è stato in gioventù un buon atleta di football e un promettente pianista. Conclusi gli studi di pianoforte al conservatorio ha iniziato a lavorare con jazzmen di primo piano (Woody Herman, Mel Tormé, Red Rodney, Coleman Hawkins) dimostrando ottime doti d'improvvisatore, con un fraseggio fluido ed elegante, sulla linea Tommy Flanagan/Hank Jones.

Negli ultimi anni cinquanta fu un pianista molto apprezzato sulla scena dei club di New York ma una gravissima tendinite a entrambe le mani, causata da anni di superlavoro (fino a 70 ore settimanali) lo costrinse ad abbandonare la scena attiva.

Amadie passò così alla didattica: diventò un apprezzato insegnante e negli anni ottanta scrisse due metodi, tutt'ora famosi. Finalmente nel 1994 è tornato sotto i riflettori, registrando il suo primo disco Always With Me, in piano solo, e negli anni seguenti altri cinque lavori, tra cui A Tribute to Tony Bennett, col suo trio più Phil Woods, e The Philadelphia Story: The Gospel As We Know It con un gruppo comprendente Benny Golson, Randy Brecker, Lew Tabackin, Steve Gilmore e Bill Goodwin.

In questo nuovo disco, inciso tra il 2007 e il 2009, alcuni di quei nomi sono ancora presenti, in un cast comprendente anche Joe Lovano e Lee Konitz. Inutile dire che siamo in un mainstream jazz di livello superiore, esposto con quell'autorità e rilassatezza che è propria dei grandi. Il repertorio è un gustoso mix di brani swinganti e ballad. Più di metà sono composizioni del pianista, altri sono noti standards come il serrato "Just Friends" che apre il disco con un bel confronto tra Amadie e Lovano. Quest'ultimo caratterizza col suono magniloquente del suo tenore la lirica ballad "Life Is Worth Living" mentre l'altro ospite, Lee Konitz, è più convenzionale rispetto ai suoi standard.

Il quartetto originale con l'ormai settantenne Lew Tabackin al tenore e flauto, si muove con dinamismo e incisività in un bel confronto con il brillante Amadie, suscitando ammirazione e simpatia.

Track Listing: 1. Just Friends (Klemmer/Lewis) - 4:45; 2. Lee Bossa/Lee Swing (Jimmy Amadie) - 6:37; 3. What Now (Jimmy Amadie) - 7:03; 4. Blues for Thee "DV" (Jimmy Amadie) - 5:41; 5. Well You Needn't (Monk) - 8:10; 6. Life Is Worth Living (Jimmy Amadie) - 8:43; 7. I Want to Be Happy (Caesar/Youmans) - 6:10; 8. A Samba For You (Jimmy Amadie) - 6:34.

Personnel: Jimmy Amadie (pianoforte); Lee Konitz (sax contralto) nei titoli 2 e 7; Joe Lovano (sax tenore) nei titoli 1, 5, 6, 8; Lew Tabackin (sax tenore, flauto) nei titoli 3 e 4); Tony Marino (contrabbasso); Steve Gilmore (contrabbasso) nei titoli 2 e 7; Bill Goodwin (batteria).

Title: Kindred Spirits | Year Released: 2010 | Record Label: TP Recordings

Tags

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related Articles

Read So Many Stars
So Many Stars
By C. Michael Bailey
Read Knots
Knots
By Glenn Astarita
Read Peaceful
Peaceful
By Mark Sullivan