All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

0

Ibrahim Maalouf: Kalthoum

Vincenzo Roggero By

Sign in to view read count
Furono oltre tre milioni le persone provenienti da tutto il mondo e radunatesi nella capitale egiziana nel febbraio del 1975 per formare un corteo di oltre dieci chilometri al funerale di Oum Kalthoum, "la stella d'oriente," straordinaria cantante, idolo musicale di tutto il mondo arabo. A questa leggendaria figura è ispirato l'album Kalthoum registrato dal trombettista Ibrahim Maalouf, origini libanesi, residenza a Parigi.

Tributo che presenta uno dei più grandi successi della diva, ossia "Le mille e una notte," suite di circa un'ora costruita in origine su ritornelli della durata di tre minuti intervallati da periodi musicali tra i cinque e i venticinque minuti. E tributo che si presenta con tre grandi assenti: voce e testi -così importanti per la cantante, spesso scritti appositamente per lei da grandi poeti -e gli strumenti musicali della tradizione araba -coloriture dominanti e imprescindibili nelle performance sia in studio che dal vivo dell'artista.

Scelta che si rivela quanto mai appropriata perché allontana il rischio di improbabili confronti esaltando, di contro, la creatività dei musicisti e la loro capacità di far rivivere lo spirito di quella musica particolare, così legata alla personalità della sua interprete. Benché quello allestito da Maalouf sia un un quintetto jazz in piena regola -in particolare evidenza il sax di Mark Turner e la tromba del leader -, Kalthoum non è un album jazz con derive etniche o world, né un album di musica popolare in versione jazz.

È semplicemente un lavoro che esalta la bellezza e il messaggio universale della musica attraverso una interpretazione certamente rispettosa dei canoni originali ma espansa con sensibilità verso territori condivisi e condivisibili da più culture e da più mondi musicali. Mai come oggi il mondo ha bisogno di trovare ponti tra culture diverse e di superare sospetti reciproci, problema che Maalouf ha vissuto in prima persona in più occasioni e di recente quando pochi giorni dopo gli attacchi di Parigi ha avuto difficoltà a recarsi a Londra per un concerto a causa di una segnalazione dell'Interpol probabilmente dovuta alle sue origini o ad un caso di omonimia.

Track Listing: Introduction; Overture I; Overture II; Movement I; Movement II; Movement III; Movemenet IV.

Personnel: Frank Woeste: piano; Clarence Penn: batteria; Larry Grenadier: contrabbasso; Mark Turner: sassofono; Ibrahim Maalouf: tromba.

Title: Kalthoum | Year Released: 2015 | Record Label: Impulse!

Tags

Watch

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Album Reviews
Live Reviews
Album Reviews
Read more articles
Kalthoum

Kalthoum

Impulse!
2015

buy
 

Dia

Tiptoe
2013

buy
 

Illusions

Tiptoe
2013

buy
 

Wind

Tiptoe
2012

buy

Related Articles

Read Migrations Album Reviews
Migrations
By Dan McClenaghan
June 25, 2019
Read Samba Azul Album Reviews
Samba Azul
By Mackenzie Horne
June 25, 2019
Read Blue Waltz - Live at Gustavs Album Reviews
Blue Waltz - Live at Gustavs
By Jakob Baekgaard
June 25, 2019
Read Deep In The Mountains Album Reviews
Deep In The Mountains
By Chris Mosey
June 25, 2019
Read Phoenix Rising Album Reviews
Phoenix Rising
By Jack Bowers
June 24, 2019
Read Last Works Album Reviews
Last Works
By Doug Hall
June 24, 2019
Read The Change Album Reviews
The Change
By Roger Farbey
June 24, 2019