All About Jazz

Home » Articoli » Live Review

John Scofield alla Casa del Jazz di Roma

Mario Calvitti By

Sign in to view read count
John Scofield
Casa del Jazz
Summertime 2017
Roma
18.07.2017

Per il suo più recente tour europeo, che lo ha portato anche in Italia per tre date (la prima a Roma, dove lo abbiamo ascoltato), il chitarrista John Scofield ha rispolverato un progetto di qualche anno fa, presentandosi con la Überjam Band, un quartetto che aveva pubblicato tre album tra il 2002 e il 2013. Ad accompagnarlo, Avi Bortnick alla chitarra ritmica e live electronics (inclusi loops e campionamenti vari), Andy Hess al basso elettrico e Dennis Chambers alla batteria, unico cambiamento rispetto ai dischi (dove era presente Adam Deitch), ma già al fianco di Scofield in passato. Il gruppo nasce per proporre un jazz-funk che strizza l'occhio al pubblico delle jam band, e il repertorio del concerto pesca a piene mani dai tre album già realizzati. Unica eccezione, la riproposizione di un vecchio brano, "Blue Matter," che dava il titolo al primo album che il chitarrista aveva inciso insieme a Chambers nel 1986.

Il pubblico è accorso numeroso al concerto, a riprova che la scelta di Scofield (e di chi lo ha messo in cartellone nel ricco programma estivo alla Casa del Jazz) si è dimostrata vincente. Il chitarrista è naturalmente il protagonista principale con la sua chitarra, e per tutto il concerto mostra di volersi divertire e coinvolgere il pubblico. Nel tempo, il suo stile solistico si è fatto più fluido e meno spigoloso rispetto al passato, adeguandosi a un tipo di musica che ha meno legami col jazz puro, ma rimane sempre trascinante e creativa negli assoli.

Molti dei brani, come "Boogie Stupid," "Endless Summer" e "Al Green Song" sono presi dal più recente album inciso dal quartetto, Überjam Deux, lasciando maggior spazio alle improvvisazioni dei singoli. La musica del chitarrista è sanguigna, diretta, meno sofisticata che in altre occasioni, ma decisamente efficace nel suo proporsi come puro divertimento strumentale, da gustare così come è, senza troppi fronzoli. E il divertimento non manca, sia per Scofield che per il pubblico, che alla fine delle quasi due ore di concerto se ne va soddisfatto.

Foto (di repertorio): Andrea Rotili

Post a comment

Watch

Tags

View events near Rome
Jazz Near Rome
Events Guide | Venue Guide | Get App | More...

Shop Amazon

More

Interview with Alternative Guitar Summit 2021
Interview with Steve Sandberg Trio at Soapbox Gallery
Interview with Tessa Souter Trio at Soapbox Gallery
Interview with Nicole Glover Trio at Smalls Jazz Club
Interview with Peter Zak Quartet at Smalls Jazz Club
Interview with Norwegian Digital Jazz Festival 2020, Part 3
Interview with The Bad Plus at Bijou Theatre

Popular

Read Tony Bennett: A Hero's Journey in Authenticity
Beauty, Love and Justice: Living A Coltranian Life
Tony Bennett: A Hero's Journey in Authenticity
Read Steve Reich: Humans Love to See Other Humans Play Music
Read Top Jazz-Rock Fusion Recordings
Read Dean Brown: Global Fusion on Acid
Read Instrumental Duos
Building a Jazz Library
Instrumental Duos

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.