All About Jazz

Home » Articoli » Profiles

7

John Hollenbeck: profilo di artista

Angelo Leonardi By

Sign in to view read count
Che John Hollenbeck sia un artista dagli orizzonti quanto mai ampi lo conferma in modo esemplare Rainbow Jimmies (GPE, 2009), un lavoro che raccoglie composizioni per differenti organici, che spazia dalla dimensione classico- contemporanea a quella etnico-percussiva. L'opera centrale è "The Gray Cottege Studies," scritta per il violinista classico Todd Reynolds e il vibrafonista Matt Moran. In alcuni dei sette movimenti interviene lo stesso Hollenbeck alle percussioni, introducendo alterazioni ritmiche nell'austero e astratto camerismo del duo.

Claudia Quintet: I Nuovi Album

Tra il 2010 e il 2011 John Hollenbeck si dedica principalmente al Claudia Quintet, realizzando due tra i lavori più ricercati della formazione. Registrato nel dicembre 2009, il quinto capitolo del Claudia Quintet s'intitola Royal Toast ed ospita Gary Versace al pianoforte (occasionalmente anche come seconda fisarmonica), partner di lunga data del leader e già presente nel tour di quell'anno. Il percorso musicale si sviluppa presentando dieci brani di media lunghezza con interposti brevi interludi improvvisati, in cui ogni singolo componente dialoga con se stesso in sovraincisione.

"Mi piacciono i brindisi (toast in inglese)—ha ironizzato Hollenbeck spiegando il perché del titolo—e ho hotato che se si pone il termine royal prima di qualcosa, la cosa sembra più nobile." Ovviamente ciò non ha influito sugli ampi consensi critici ottenuti dal disco, consensi che sanciscono la definitiva accettazione del quintetto tra i protagonisti del jazz contemporaneo.

Nate Chinen del New York Times dopo aver ribadito la molteplicità di elementi che coesistono nella formazione ("progressive jazz, classical minimalism and low-glare experimental rock") considera che "da questo momento quell'equilibrio di stili riflette un protocollo stabilito, in modo leggermente insolito rispetto agli inizi. Jazz, new music e post rock, o in qualunque modo vogliamo chiamarlo, si fondono e sovrappongono stabilmente in modo reciproco condividendo molte delle stesse risorse."

Chris Barton del Los Angeles Times considera il Claudia Quintet "una delle formazioni jazz più avventurose operanti oggi," John Fordham del Guardian lo cita tra i più acclamati gruppi jazz dell'area sperimentale.

Riguardo a questo lavoro va sottolineata la presenza contrappuntistica di Versace, che consente a Hollenbeck di muoversi più liberamente sul versante poliritmico, e la marcata identità timbrica del gruppo, risultante dalle relazioni tra clarinetto, vibrafono e fisarmonica. Il primo aspetto è evidente in "Armitage Shanks," nel concitato brano che dà titolo all'album e nel ritmicamente convulso "Keramag"; il secondo nelle seducenti e distese ambientazioni di "Crane Merit" o nei cameristici "Ideal Standard" e "For Frederick Franck."

Il successivo What Is the Beautiful? (Cuneiform, 2011) documenta un progetto commissionato dall'università di Rochester per celebrare i cento anni della nascita dello scrittore e poeta Kenneth Patchen. Questi fu uno dei primi a declamare liriche in un contesto jazzistico e negli anni cinquanta esercitò ampia influenza sui poeti beat.

Per l'occasione Hollenbeck ospita ancora un pianista (Matt Mitchell) e i cantanti Kurt Elling e Theo Bleckmann per recitare le sue poesie. Il risultato del progetto evidenzia la duttilità dell'autore e la plasticità del gruppo che mantengono la propria identità in percorsi dalle dinamiche più uniformi, anche se contraddistinti da continue tensioni interne. Per le ragioni suddette questo disco è il più jazzistico (e se vogliamo il più "tradizionale") della formazione ma le suggestioni non mancano, soprattutto nelle relazioni tra cantanti e collettivo. Mentre la pronuncia luminosa di Bleckmann è congeniale ai brani intimi e riflessivi, la ricchezza timbrica e la versatilità di Elling lo è per quelli ritmicamente articolati in senso boppistico.

Con la recente pubblicazione di September entriamo nel pieno dell'attualità. Il titolo ha un duplice riferimento: da un lato si lega al mese preferito di Hollenbeck che dal 2001 lo dedica alla composizione (e alla meditazione) in luoghi suggestivi come il Blue Mountain Center, nello stato di New York, a Taos in New Mexico e di recente alla Bogliasco Foundation in Liguria dove ha scritto i brani del disco.

Dall'altro è il mese legato alla tragedia dell'11 settembre, una ferita mai rimarginata in molti americani. L'ambivalenza affettiva che sorge in settembre si riflette nel percorso del disco e viene risolta con sentimenti di compassione e partecipazione ("Mi è sorta l'idea—scrive nelle note—di rielaborare e trasformare i residui traumatici con la composizione. Sono specialmente interessato a come—tramite il semplice atto non violento del comporre—possiamo aiutare noi stessi a diventare persone migliori, approfondendo la propria connessione con l'umanità, creando un'opera che può confortare e guarire."

Tags

Listen

Watch

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Album Reviews
Year in Review
Album Reviews
Live Reviews
Album Reviews
Profiles
Interviews
Extended Analysis
Album Reviews
Extended Analysis
Album Reviews
Extended Analysis
Read more articles
Mix of Sun and Clouds

Mix of Sun and Clouds

Yolk Records
2017

buy
Super Petite

Super Petite

Cuneiform Records
2016

buy
J.A.S.S.

J.A.S.S.

Yolk Records
2014

buy
Jass

Jass

Yolk Records
2014

buy
John Hollenbeck: Songs I Like a Lot

John Hollenbeck:...

Sunnyside Records
2013

buy
September

September

Cuneiform Records
2013

buy

Related Articles

Read Jeff Chambers' Chosen Alternative: The Therapies of Tijuana Profiles
Jeff Chambers' Chosen Alternative: The Therapies of Tijuana
By Arthur R George
May 31, 2019
Read Omar Sosa: Building Bridges Not Walls Profiles
Omar Sosa: Building Bridges Not Walls
By Duncan Heining
May 2, 2019
Read Unforgettable: Nat King Cole at 100 Profiles
Unforgettable: Nat King Cole at 100
By Peter Coclanis
March 17, 2019
Read Robert Lewis Heads the Charleston's Jazz Orchestra Profiles
Robert Lewis Heads the Charleston's Jazz Orchestra
By Rob Rosenblum
January 27, 2019
Read The Complete Jan Akkerman: Focusing on a Life's Work Profiles
The Complete Jan Akkerman: Focusing on a Life's Work
By John Kelman
November 24, 2018