All About Jazz

Home » Articoli » Live Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

John Greaves al Fasano Jazz

John Greaves al Fasano Jazz
Claudio Bonomi By

Sign in to view read count
John Greaves
Fasano Jazz
Teatro Sociale
Fasano (BR)
14.05.2016

Come ha scritto una volta Aymeric Leroy, scrittore e profondo conoscitore della scena rock britannica, John Greaves è un musicista che ha trascorso la sua gioventù a suonare le composizioni ultracomplesse di gruppi come Henry Cow e National Health e una volta diventato un apprezzato solista (il primo album completamente a suo nome è Accident del 1982) non ha mai perso la passione per le architetture dalle ritmiche improbabili e per le melodie dall'andamento obliquo.

E a Fasano Jazz, ormai storica rassegna di musiche eterodosse sapientemente diretta da Domenico De Mola e giunta alla XIX edizione, ha messo in mostra proprie quelle abilità assolutamente uniche maturate ai tempi del Rock in Opposition in un recital per voce e pianoforte di rara intensità e bellezza.

A brillare una ventina di brani che hanno pescato in un repertorio quasi sterminato che include vari periodi, formazioni e cicli. Partendo dagli anni Settanta con quel concentrato di stravaganza, eclettismo e maestria compositiva che è Kew.Rhone., album del 1977 cofirmato insieme a Peter Blegvad e Lisa Herman, per arrivare al periodo francese iniziato con La Petite Bouteille de Linge, disco uscito per la piccola etichetta La Lichère nel 1991, e proseguito fino a oggi con il ciclo di lavori dedicati alle poesie di Paul Verlaine. Per non parlare delle connessioni con Robert Wyatt, al quale il concerto fasanese era dedicato (il recital è stato introdotto da una dotta presentazione della recente biografia autorizzata dell'ex Soft Machine, "Different Every Time" di Marcus O' Dair da parte di Alessandro Achilli, che ha curato e tradotto l'edizione italiana, intervistato dal giornalista Donato Zoppo).

Greaves ha, dunque, aperto le danze rispettando in pieno il leit motiv della serata, interpretando "God Song," gemma del repertorio wyattiano, superando a pieni voti la prova del confronto con l'originale. Cosa che, quando si parla di Wyatt, non è del tutto scontata. Tra una struggente "Rose c'est la vie," una raffinata e sempre stupefacente "The Green Fuse" (le liriche sono di Dylan Thomas), una drammatica "The Trouble with Happiness," Wyatt è ricomparso nella parte finale del concerto quando Greaves è stato raggiunto sul palco dalla giovane cantante Annie Barbazza, già partner del musicista gallese in Piacenza, live album uscito qualche mese fa per la Dark Companion.

I due si sono cimentati prima in "Sea Song" (con la cantante che si è alternata al piano), capolavoro da Rock Bottom, e in "The Song," brano della premiata ditta Greaves-Blegvad e cantato da Wyatt nell'album Songs del 1994. La miscela tra la voce ruvida e graffiante da chansonnier di Greaves e quella scintillante e calda della Barbazza ha donato nuova bellezza ai brani, creando un effetto di controcanto assolutamente piacevole ed efficace. Tanto che il duo ha affrontato con sicurezza un pezzo per arditi e acrobati del pentagramma come "Kew.Rhone." Applausi a scena aperta e richiesta di bis con l'esecuzione di "How Beautiful You Are," altra composizione magistrale della discografia di Greaves, sempre scritta insieme all'amico Blegvad e ripresa e riarrangiata più volte e in lavori diversi. Anzi portata al successo, si fa per dire, proprio dall'ex Slapp Happy in The Naked Shakespeare del 1983, Degno finale per un concerto che nonostante l'omaggio a Wyatt, i ricordi e le memorie che qua e là affioravano ogni tanto durante le esecuzioni dei brani, non è mai scivolato nel nostalgico o, peggio, nell'autocelebrazione. Tutti hanno mantenuto la "giusta distanza." Esempio raro di questi tempi.

Foto
Chicco Saponaro

Tags

comments powered by Disqus

Shop

Start your shopping here and you'll support All About Jazz in the process. Learn how.

Related Articles

Live Reviews
Darrell Grant Black Art @ 25 Quartet at Birdland Theater
By Mike Jurkovic
January 18, 2019
Live Reviews
Odean Pope Quartet at the Philadelphia Museum of Art
By Victor L. Schermer
January 15, 2019
Live Reviews
Denise Donatelli at Mezzrow
By Nicholas F. Mondello
January 10, 2019
Live Reviews
The Los Cabos Jazz Experience 2018
By Wendy Ross
January 5, 2019
Live Reviews
Rene Marie With Experiment In Truth At The Jazz Corner
By Martin McFie
January 3, 2019