All About Jazz

Home » Articoli » Live Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

JazzMI

Paolo Peviani By

Sign in to view read count
JazzMI
Milano
05-06.11.2016

Milano torna ad avere un festival Jazz. E già questa, di per sé, è una buona notizia.

Non abbiamo mai fatto parte della schiera di quelli che "a Milano non succede mai niente", nostalgici di un passato che chissà se era davvero così glorioso e luminoso come ricordiamo e ci raccontiamo. In realtà a Milano ci sono sempre state molte iniziative in ambito jazzistico. Più o meno organiche, più o meno velleitarie, più o meno affidate alla buona volontà dei singoli. Innegabile tuttavia che a Milano mancasse, da tempo, un festival jazz di grande respiro. Una manifestazione in grado di mettere la città in linea, anche da questo punto di vista, con le sue ambizioni di metropoli europea.

Colma ora la lacuna JazzMI, festival dai numeri imponenti, che per dodici giorni mette il jazz al centro della vita cittadina. La formula è quella utilizzata con successo in altre manifestazioni milanesi, a carattere musicale e non (MiTo, BookCity, PianoCity). Far parlare di sé con una massiccia campagna di comunicazione, inondare la città con una quantità impressionante di iniziative (80 concerti e 25 eventi collaterali). In breve, raggiungere, coinvolgere, stimolare la curiosità di un pubblico distratto o non particolarmente vicino al jazz. E coinvolgere quei soggetti -jazz club, rassegne, scuole, associazioni— che invece si occupano di jazz lungo tutti i dodici mesi dell'anno.

Ottima anche l'idea di tenere i concerti maggiori al Teatro dell'Arte, culla e cuore del jazz milanese. Luogo in cui negli anni '50—'60 Arrigo Polillo organizzava concerti con i più grandi musicisti dell'epoca (uno per tutti, John Coltrane). Concerti di cui, chi c'era, racconta ancora con emozione.

Messi in archivio i primi giorni della manifestazione, un primo bilancio parziale non può che essere positivo. I concerti maggiori sono stati premiati dal tutto esaurito ed anche le iniziative collaterali (concerti di minore richiamo, film, mostre, incontri di approfondimento) hanno fatto registrare un'ottima affluenza di pubblico.

Venendo ai concerti cui abbiamo assistito, il quartetto Aziza del contrabbassista Dave Holland (con Chris Potter al sax, Lionel Loueke alla chitarra, Eric Harland alla batteria) ha proposto una musica di impronta vagamente fusion, piuttosto schematica nell'impostazione ed incentrata su lunghi interventi solistici. Uno sfoggio di tecnica mostruoso, che ha entusiasmato i presenti (inclusi molti colleghi giornalisti), ma che ci ha lasciato perplessi e con un po' di amaro in bocca. In questo concerto abbiamo trovato infatti poco del Dave Holland che amiamo. Quello delle armonie articolate ed eleganti, della scomposizione e ricomposizione di tempi complessi (riscontrati solo nel terzo brano, giunto dopo una buona mezz'ora di pedali ai confini della banalità). Abbiamo trovato, invece, una musica priva di personalità, eseguita in modo impeccabile e fin troppo compiaciuta, ma con poco cuore.

Meglio, molto meglio, il quintetto del giovane trombettista Christian Scott (con Lawrence Fields al pianoforte, Logan Richardson al sax, Luques Curtis al contrabbasso, Corey Fonville alla batteria). Look da rapper, ritmiche da periferia metropolitana, contrappunti complessi, un uso sporadico e ben focalizzato dell'elettronica, il nostro ci ha fatto ascoltare una musica che assimila mille influenze per rielaborarle in chiave contemporanea. Purtroppo durante il concerto si sono verificati numerosi problemi tecnici che hanno gravemente penalizzato il suono della band. Ciò che abbiamo colto era comunque molto interessante, speriamo di avere altre occasioni per ascoltare meglio questo gruppo, davvero meritevole di attenzione.

Con i Sons of Kemet di Shabaka Hutchings (Oren Marshall al basso tuba, Sebastian Rochford e Tom Skinner alla batteria) siamo usciti dal jazz per entrare in ambiti a cavallo tra la musica tribale e la dance. Innegabile la forza ritmica di due batterie e di un basso tuba. Impossibile non farsi travolgere da spunti tematici semplici e reiterati. Il gioco, però, ha il fiato corto. Sulla lunga distanza la ripetizione sfocia nella noia. Non siamo puristi e non lo diventeremo certo oggi. Un sax ed un basso tuba non sono tuttavia sufficienti a trasformare in jazz una musica che non lo è. Un concerto che si rivolgeva, più che ai jazzofili, ad un pubblico avvezzo ai DJ set.

Tags

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related Articles

Live Reviews
Charlotte Jazz Festival 2019
By Mark Sullivan
May 16, 2019
Live Reviews
Nubya Garcia at Cathedral Quarter Arts Festival 2019
By Ian Patterson
May 16, 2019
Live Reviews
Electronic Explorations in Afro-Cuban and UK Jazz
By Chris May
May 15, 2019
Live Reviews
Charlotte Jazz Festival 2019
By Perry Tannenbaum
May 13, 2019
Live Reviews
Savannah Music Festival 2019
By Martin Longley
May 12, 2019