3

Jason Adasiewicz Sun Rooms Trio alla Sala Vanni, Firenze

Jason Adasiewicz Sun Rooms Trio alla Sala Vanni, Firenze
Neri Pollastri By

Sign in to view read count
"Superjazz," Sala Vanni
Firenze
6.12.2013

In conclusione della nuova rassegna Superjazz (le cui precedenti date erano state Colin Stetson, Tim Berne e Mary Halvorson), sul palco del Musicus Concentus è salito un classico trio jazz, con una ritmica di contrabbasso e batteria, ma con la particolarità di avere il vibrafono per strumento principale. E che vibrafono: quello di Jason Adasiewicz, vero vulcano della strumento, capace di produrre un'ora e mezza di potentissimo flusso sonoro su musiche originali, fortemente ritmate, ma anche eteree ed evocative.

La ricetta del giovane musicista statunitense, apprezzato autore anche di progetti con gruppi più ampli e di elevata complessità, è in questo caso piuttosto semplice: sviluppare la formula del trio, lavorando su musica propria a partire dalla sua personalissima interpretazione dello strumento, che nasce dalla passata esperienza di batterista.

In questa ricerca di innovazione della tradizione Adasiewicz si avvale dell'aiuto senz'altro notevole dei due partner: il batterista Mike Reed, la ben rodata intesa con il quale garantisce un intenso e ben equilibrato lavoro sinergico delle due percussioni, e il contrabbassista Ingebrigt Håker Flaten (che in questo caso sostituiva Nate McBride, presente nei due CD Sun Rooms e Spacer), abituato alle atmosfere dinamicamente intense dalla sua partecipazione al quintetto Atomic e perciò capace di giocare il ruolo di supporto mediano tra i due.

Ma l'indubbia intesa dei tre non significa tuttavia che Sun Rooms sia una formazione paritetica: al suo centro sta infatti il suo leader, vuoi perché le composizioni sono ritagliate sulle sue stesse, strepitose capacità strumentali, vuoi perché Adasiewicz si prende di fatto ampi spazi per liberare e valorizzare la propria strabordante verve improvvisativa—vero catalizzatore di una musica come detto potentemente coinvolgente, caleidoscopica e dal vivo resa ancor più stimolante dal gesto scenico dell'artista, sempre impulsivamente aggressivo sullo strumento.

Un progetto pertanto di estremo interesse, semplice ma originale, di marcato impatto comunicativo.

Foto (di repertorio)
John Sharpe.

Tags

comments powered by Disqus

More Articles

Read Pittsburgh JazzLive International Festival 2017 Live Reviews Pittsburgh JazzLive International Festival 2017
by C. Andrew Hovan
Published: June 24, 2017
Read Mike Zito at the Iridium Live Reviews Mike Zito at the Iridium
by Mike Perciaccante
Published: June 24, 2017
Read Grand Union Orchestra at Wilton's Music Hall Live Reviews Grand Union Orchestra at Wilton's Music Hall
by Duncan Heining
Published: June 20, 2017
Read Burlington Discover Jazz Festival 2017 Live Reviews Burlington Discover Jazz Festival 2017
by Doug Collette
Published: June 18, 2017
Read "Mary Ellen Desmond: Comfort and Joy Concert 2016" Live Reviews Mary Ellen Desmond: Comfort and Joy Concert 2016
by Victor L. Schermer
Published: December 17, 2016
Read "Peacemaker Music & Arts Fest 2016" Live Reviews Peacemaker Music & Arts Fest 2016
by C. Michael Bailey
Published: September 17, 2016
Read "Keith Oxman Quartet at Nocturne" Live Reviews Keith Oxman Quartet at Nocturne
by Douglas Groothuis
Published: March 19, 2017
Read "Internationales Jazz Festival Münster 2017" Live Reviews Internationales Jazz Festival Münster 2017
by Henning Bolte
Published: January 26, 2017
Read "Kim Nalley's Tribute to Nina Simone" Live Reviews Kim Nalley's Tribute to Nina Simone
by Walter Atkins
Published: March 31, 2017

Join the staff. Writers Wanted!

Develop a column, write album reviews, cover live shows, or conduct interviews.