All About Jazz

Home » Articoli » Live Review

Jamie Saft Solo Piano a Firenze

Neri Pollastri By

Sign in to view read count
Jamie Saft Solo Piano
Pinocchio Live Jazz
Firenze
9.2.2019

Perla di un programma ricco di grandi interpreti, il concerto del multistrumentista Jamie Saft lo ha visto sul palcoscenico del Pinocchio Live Jazz di Firenze per una performance solistica nella quale ha presentato un panorama a trecentosessanta gradi della musica statunitense, che riprendeva quello del suo CD Solo a Genova, recentemente uscito per RareNoise.

A dirla tutta, c'è voluto un po' per apprezzare il tipo di proposta, in prima approssimazione apparsa un po' eterogenea e di mero effetto—un effetto, peraltro, più efficace con un pubblico americano che non con quello nostrano. Stevie Wonder e Bill Evans, Bob Dylan e Charles Ives, Thelonious Monk e Jimi Hendrix: il juke box di Saft ha inizialmente spiazzato e lasciato un po' perplessi. Fintanto che la sua modalità interpretativa non è riuscita a emergere, donando un'identità comune a musiche così diverse tra loro.

Il pianista newyorchese ha infatti mostrato un approccio alla tastiera molto eclettico, ma anche ben caratterizzato, nel quale—a seconda delle scelte interpretative—alternava lirismo lieve e raffinato a percussioni più tambureggianti, sperimentazioni con lavoro sulle corde a momenti stride, passaggi blues ad avventurose improvvisazioni. Ciò gli ha permesso di accennare ai retaggi della musica nera, miscelandoli a raffinate leggerezze pop e a sofisticati stilemi colti, tutto inglobato in un poderoso pot-pourri che—piuttosto magicamente—riusciva a non risultare lezioso.

Merito, come detto, di una maestria pianistica—e, più in generale, musicale—davvero ammirevole, ma anche del genuino entusiasmo con cui Saft passava da un brano all'altro, da uno stilema all'altro, senza alcuna forzatura, ma anzi con il diletto di chi sente propria tutta quella pluralità. Dando inoltre indicazioni al pubblico presente, tra un brano e l'altro, e mostrando così anche a parole la sua referenza per il songbook nordamericano, ammirato proprio perché ricco di differenze e, anche per questo, attraversato con una molteplicità di forme espressive.

Una serata che i detrattori forse potrebbero (con qualche fondamento) liquidare come un raffinato one man show pianistico, ma che una più equilibrata valutazione non può non riconoscere come un'appassionata e sontuosa esplorazione personale di Saft di una musica che è parte della sua propria cultura.

Foto: Marco Benvenuti.

Post a comment

Tags

Jazz Near Florence
Events Guide | Venue Guide | Get App | More...

Shop Amazon

More

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.