Support All About Jazz

All About Jazz needs your help and we have a deal. Pay $20 and we'll hide those six pesky Google ads that appear on every page, plus this box and the slideout box on the right for a full year! You'll also fund website expansion.


I want to help
2

Jon Irabagon Trio: It Takes All Kinds

Enrico Bettinello By

Sign in to view read count
Jon Irabagon Trio: It Takes All Kinds Scegliere come altri vertici di un triangolo due musicisti pieni di storia e esperienza come Mark Helias (contrabbasso) e Barry Altschul (batteria) è una scelta che racconta già da sola molte cose. È la scelta di Jon Irabagon, sassofonista che abbiamo potuto ammirare anche in Italia negli ultimi anni, con i Mostly Other People Do the Killing, nel quintetto di Dave Douglas o in quello di Mary Halvorson.

È una scelta che racconta non soltanto la voglia di dialogare con improvvisatori dotati di una personalità contagiosa e riconoscibile, ma anche quella di soffiare forte sulle braci rossastre della tradizione, una tradizione che, per gradi di separazione che nel jazz sono spesso anche ben meno di sei, porta i segni di Sonny Rollins (il primo disco del trio di Irabagon era tutto giocato intorno al tema di "Doxy"), del trio Air, del Sam Rivers degli anni Settanta, ossia esperienze che sul nucleo fondante del trio senza strumento armonico hanno scolpito progressivamente un lessico di disciplina e libertà, di negoziazione della forma e di indagine dei confini dell'improvvisazione.

Registrato al Festival di Peitz (Germania, ai confini con la Polonia), il trio possiede potenza e fantasia, ritagliandosi momenti di riflessione solitaria in mezzo a rigagnoli spumeggianti di swing ("Cutting Corners") e a piccole aperture lacustri ("Elusive"), oltre che in mezzo alla impattante energia del momento collettivo.

Irabagon sfodera fantasia lungo tutto il concerto, metabolizzando diverse linee stilistiche in un fraseggio nervoso che però non perde mai l'aggancio melodico e ritmico con la terra di cui ama sporcarsi i piedi. È terra fertile, quella della grande tradizione afroamericana. Tesa, contemporanea, un bel concerto che non andrà dimenticato.


Track Listing: Wherewithal; Vestiges; Quintessential Kitten; Elusive; Cutting Corners; Unconditional; Sunrise; Pause and Flip.

Personnel: Jon Irabagon: sax (tenore); Mark Helias: contrabbasso; Barry Altschul: batteria e percussioni.

Year Released: 2014 | Record Label: Jazzwerkstatt Berlin-brandenburg E.v. | Style: Modern Jazz


Related Video

Shop

Multiple Reviews
CD/LP/Track Review
Multiple Reviews
CD/LP/Track Review
Multiple Reviews
Read more articles
Behind The Sky
Behind The Sky
Self Produced
2016
buy
Inaction is An Action
Inaction is An Action
Self Produced
2016
buy
Inaction is An Action
Inaction is An Action
Self Produced
2015
buy
Behind The Sky
Behind The Sky
Self Produced
2015
buy
It Takes All Kinds
It Takes All Kinds
Jazzwerkstatt Berlin-brandenburg E.v.
2014
buy
  Absolute Zero
Absolute Zero
Shanachie
2013
buy
Sonny Rollins Sonny Rollins
saxophone
Ornette Coleman Ornette Coleman
sax, alto
John Zorn John Zorn
sax, alto
Cecil Taylor Cecil Taylor
piano
Albert Ayler Albert Ayler
sax, tenor
Don Cherry Don Cherry
trumpet
Evan Parker Evan Parker
sax, tenor
Satoko Fujii Satoko Fujii
piano
Steve Lacy Steve Lacy
sax, soprano
Pharoah Sanders Pharoah Sanders
saxophone
Henry Grimes Henry Grimes
bass, acoustic
Sonny Sharrock Sonny Sharrock
guitar, electric

Post a comment

comments powered by Disqus

Join the staff. Writers Wanted!

Develop a column, write album reviews, cover live shows, or conduct interviews.