All About Jazz

Home » Articoli » Interviews

3

Federica Michisanti: tra ricerca e introspezione

Federica Michisanti: tra ricerca e introspezione
Daniele Vogrig By

Sign in to view read count
Intendo la musica come una ricerca del proprio essere, del proprio stile, un fondersi di elementi che costituiscono un mezzo per cercarsi e trovarsi.
La contrabbassista romana Federica Michisanti si è rapidamente affermata come una delle nuove leve meritevoli di grande attenzione. Grazie ad un equilibrio tra immediatezza ed originalità, tra camerismo ed improvvisazione, i suoi progetti sono pieni di spunti fertili e stimolanti. In questa intervista ci parla del suo lavoro mosso tanto da un'ardimentosa ricerca quanto da un'intima introspezione.

All About Jazz: Quando e come è nata la tua passione per la musica, per il jazz in particolare? Quale è stato il tuo percorso scolastico e formativo?

Federica Michisanti: La passione per la musica c'è sempre stata, sin da bambina quando, alle scuole elementari iniziai a suonare in una banda scolastica messa su dal maestro di musica. Poi, non avendo avuto la possibilità di studiare musica quando ero adolescente, iniziai seriamente intorno ai vent'anni. Prima con la chitarra tra amici, poi con il basso elettrico in un gruppo di ragazzi che erano alla ricerca di un bassista. Erano molto orientati verso il rock progressivo mentre io ero più "rockettara." Al liceo ascoltavo i Led Zeppelin, i Jazz Police, anche i Dream Theater.

Poi mi sono iscritta all'Università della Musica a Roma, che adesso purtroppo non c'è più, ma che all'epoca era una vera istituzione. In quell'ambiente ho scoperto il jazz poiché era un tipo di studio che conduceva naturalmente verso questo genere, anche se non si trattava esclusivamente di jazz; nei laboratori studiavamo anche pop o latin, ad esempio. Così cominciai ad ascoltare Wayne Shorter, John Coltrane e Charlie Parker. I primi dischi jazz che ascoltai, ancor prima di studiare musica, furono il Köln Concert di Keith Jarrett, rimanendo profondamente colpita dal suo pianismo, e poi, sentendone parlare a scuola, Conference of the Birds di Dave Holland da cui rimasi affascinata. Il mio approccio al jazz è stato quindi da un lato graduale, dall'altro decisamente "d'impatto," in particolare con Dave Holland. Successivamente ho scoperto il trio di Bill Evans con Scott LaFaro e Paul Motian, e da lì ho percepito l'esigenza di passare al contrabbasso.

AAJ: Quali sono stati i tuoi maestri e mentori che hanno inciso profondamente nella tua musica?

FM: Sicuramente Gianfranco Gullotto, che all'epoca mi incoraggiava molto e mi spronava ad avere fiducia in me stessa. Poi Luca Pirozzi, che è stato per me un grande insegnante, così come Marco Siniscalco. In seguito, quando sono passata al contrabbasso, significativo è stato Andrea Pighi con il quale ho studiato musica classica e che mi ha dato tantissimo per quel che riguarda l'approccio allo strumento e al suono. La parte che riguarda più da vicino il jazz l'ho curata in modo più autonomo... Attorno al 2004, ho frequentato un seminario invernale con Paolino Dalla Porta, Fabrizio Sferra e Stefano Battaglia, nell'ambito di un corso di specializzazione sulla formazione in trio tenuto a Siena Jazz. Iniziai con il basso elettrico, per poi virare, proprio in quella circostanza, al contrabbasso.

AAJ: Quali sono stati i musicisti in ambito classico e rock che ti hanno ispirata?

FM: In ambito rock sicuramente i Led Zeppelin, sono stati per me un ascolto quotidiano, come anche i Police e Sting. Per quanto riguarda la musica classica, ricordo che ai tempi del liceo trascorrevo ore ad ascoltare Beethoven, i Notturni di Chopin. Più tardi, parallelamente a Bill Evans, ho iniziato ad ascoltare Debussy, Ravel, Rachmaninov. Poi leggendo anche libri come A Kind of Blue di Ashley Kahn o la biografia che Enrico Pieranunzi scrisse su Bill Evans mi annotai titoli e compositori che in quel momento non conoscevo, andando alla loro ricerca. Così, strada facendo, scoprii i Preludi di Debussy o il Concerto per pianoforte per la mano sinistra di Ravel...

AAJ: Hai suonato con Lee Konitz. Cosa puoi raccontarci di quella esperienza?

Tags

Related Video

comments powered by Disqus

Related Articles

Read Dan Monaghan: The Man Behind The Swing Interviews
Dan Monaghan: The Man Behind The Swing
by Victor L. Schermer
Published: February 16, 2018
Read William Parker: Embracing The Unknown Interviews
William Parker: Embracing The Unknown
by Luke Seabright
Published: February 14, 2018
Read Helle Henning: Nordic Sounds Interviews
Helle Henning: Nordic Sounds
by Suzanne Lorge
Published: February 14, 2018
Read Mark Morganelli: Adds Club Owner To His Resume Interviews
Mark Morganelli: Adds Club Owner To His Resume
by R.J. DeLuke
Published: February 12, 2018
Read GoGo Penguin: Just Another Band From The Small Blue Planet Interviews
GoGo Penguin: Just Another Band From The Small Blue Planet
by Ian Patterson
Published: February 9, 2018
Read Thomas Strønen: Sense of Time Interviews
Thomas Strønen: Sense of Time
by Enrico Bettinello
Published: February 6, 2018
Read "Dave Holland: Consummate Bassist" Interviews Dave Holland: Consummate Bassist
by Lazaro Vega
Published: April 21, 2017
Read "Piotr Turkiewicz: Putting Wroclaw On The Jazz Map" Interviews Piotr Turkiewicz: Putting Wroclaw On The Jazz Map
by Ian Patterson
Published: September 18, 2017
Read "Arto Lindsay: Watch Out Madames!" Interviews Arto Lindsay: Watch Out Madames!
by Enrico Bettinello
Published: April 25, 2017
Read "Johnaye Kendrick: In The Deepest Way Possible" Interviews Johnaye Kendrick: In The Deepest Way Possible
by Paul Rauch
Published: March 8, 2017
Read "Thomas Strønen: Sense of Time" Interviews Thomas Strønen: Sense of Time
by Enrico Bettinello
Published: February 6, 2018
Read "Abby Lee: Born to Sing" Interviews Abby Lee: Born to Sing
by Victor L. Schermer
Published: January 28, 2018