All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

Ilhan Ersahin: Instanbul Sessions

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Ilhan Ersahin: Instanbul Sessions
Ci sono il profumo del Bosforo e l'aria elettrica di New York, la musica della tradizione ottomana e l'underground della grande mela, le sonorità del medio oriente e i ritmi del drum'n'bass. Instanbul Session è questo e molto altro ancora perche Ilhan Ersahin ed Eric Truffaz trovano un'alchimia che funziona alla grande fondendo il background perlomeno originale di Ersahin con le magie elettroniche di Truffaz.

Nato a Stoccolma da genitori svedesi e turchi, cresciuto per lungo tempo in Turchia, trasferitosi prima a Boston e poi a New York, Ersahin è andato ampliando nel corso del tempo i propri orizzonti artistici passando dai primi ardori boppistici, alla musica da ballo e pop, dagli sperimentatori come Zorn agli specialisti dell'elettronica dolce come Truffaz. E soprattutto ideando e animando Nublu, il locale nell'East Village di New York punto di ritrovo di musicisti e gruppi alternativi quali Brazilian Girls, Wax Poetics, Forro in the Dark e la Nublu Orchestra condotta da Butch Morris.

In Instanbul Session le vicende umane e artistiche del sassofonista e compositore turco emergono prepotentemente e con il giusto grado di metabolizzazione. I suoi sassofoni possiedono un anima incendiaria e obliqua, una fiamma rovente che brucia lentamente, ma nel contempo sanno essere morbidi e avvolgenti, sinuosi e ammalianti. Il contrasto con il formidabile tappeto ritmico creato da batteria e percussioni è decisivo nel delineare l'atmosfera generale della registrazione attraversata dai lampi geniali, dai lancinanti richiami della tromba di Truffaz.

Instabul Session è ricco di umori, di odori e di colori proprio come un bazar turco, ma come filtrati da un profondo senso di serenità e di meditazione. Disco senza punti deboli, presenta due potenziali hits: l'iniziale "Freedom," melodia assassina, ritmo implacabile, e "Les Ottomans," cornice pop, arrangiamento impeccabile, traccianti sonori di Truffaz da brivido.

Track Listing

01. Freedom; 02. Bosphorus; 03. Doors to Heaven; 04. Thomas O'Malley; 05. Sam I Am; 06. Downtown Instanbul; 07. Kefal; 08. Les Ottomans; 09. The Dark Tunnel of Europe; 10. Alley Cats; 11. Our Theory. Composizioni di Ilhan Ershain tranne #5,3,7,10,6,9, insieme a Erik Truffaz, Alp Ersonmez, Izzet Kizil, Turgut Alp Bekoglu.

Personnel

Ilhan Ershain (sassofoni); Erik Truffaz ( tromba); Alp Ersonmez (basso); Izzet Kizil (percussioni); Turgut Alp Bekoglu (batteria).

Album information

Title: Instanbul Sessions | Year Released: 2010 | Record Label: BCS Records

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Live in Hawaii
Doug MacDonald
Lost in a Dream
Kristin Callahan
The Painter
Tobias Meinhart
Strollin'
Monaco, Meurkens, Hoyson, Lucas
Aufbruch
J. Peter Schwalm / Markus Reuter
Cool With That
East Axis

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.