All About Jazz

Home » Articoli » CD/LP/Track Review

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

Wes Montgomery: In Paris: The Definitive ORTF Recording

Maurizio Comandini By

Sign in to view read count
27 marzo 1965. Parigi, Teatro dei Champs—Élysées. Il quartetto di Wes Montgomery si esibisce per gli appassionati parigini e conferma di essere uno dei gruppi più interessanti del momento. Il sassofonista Johnny Griffin si aggiunge in tre brani e si alterna al chitarrista per assoli scoppiettanti e carichi di guizzi improvvisi e colpi d'ala maestosi. Il chitarrista di Indianapolis era nel pieno della sua maturità artistica, aveva 42 anni (compiuti ventun giorni prima) e sfortunatamente gli restavano solo tre anni da vivere. Questo tour europeo fu l'unico intrapreso da Wes che aveva paura di volare e quindi si fece convincere a suonare alcune date in Europa, solo dietro la rassicurazione che gli spostamenti europei sarebbero stati in treno o in auto.

Al piano troviamo il bravo Harold Mabern, al basso il solido Arthur Harper e alla batteria l'ineffabile Jimmy Lovelace. Anche se non avevano alle spalle molte serate assieme, la loro intesa con Wes era ottima e per tutto il concerto il quartetto procede con una evidente voglia di suonare assieme. Mabern è anche autore del brano "To Wane" dedicato a Wayne Shorter.

Il repertorio di quella serata è quello tipicamente associato al periodo artisticamente più interessante di Wes Montgomery: brani originali scritti dal chitarrista alternati a standard già presenti nei suoi migliori album dell'epoca. In particolare, si segnalano l'iniziale "Four on Six" davvero molto coesa, la torrenziale "Impressions" mutuata dal book di John Coltrane, e i due blues finali. Senza dimenticare una intensa "'Round Midnight" dove Griffin fa da spalla preziosa al pensoso procedere del chitarrista.

Wes è in ottima forma e i suoi assoli sono sempre degni di grande attenzione anche se il dettaglio tecnico che più lo rese famoso, il procedere con frasi solistiche che lo vedevano suonare la nota fondamentale aggiungendo simultaneamente l'ottava più alta, risulta un po' datato. Era una tecnica che all'epoca sembrava ai limiti del possibile umano e veniva da lui utilizzata tanto nei soli quanto nei temi principali dei pezzi eseguiti. Successivamente venne ripresa da molti chitarristi che si ispiravano a Wes, a cominciare da George Benson.

Non avevano tenuto conto del fatto che i tempi per i grandi cambiamenti erano ormai maturi: il marziano Jimi Hendrix avrebbe reinventato in pochi mesi, fin dal suo arrivo a Londra a fine settembre del 1966, tutto il linguaggio della chitarra elettrica, spingendolo con forza dentro ad un frullatore generazionale che lo avrebbe lanciato in orbita fino a Saturno. Della tecnica ad ottave così cara a Wes Montgomery sarebbe rimasto praticamente nulla. E lo diciamo ben sapendo che lo stesso Hendrix amava Wes Montgomery e, se pure in maniera molto sporadica, aveva inserito qualche diteggiatura con le ottave all'interno del caleidoscopio stilistico che aveva fatto girare vorticosamente davanti ai nostri occhi.

Va detto che la registrazione di questo concerto parigino di Wes Montgomery era disponibile nel giro dei collezionisti da molti decenni in varie edizioni pirata, spesso con una qualità sonora francamente discutibile. Finalmente quell'ottimo concerto viene invece integralmente pubblicato in una eccellente edizione autorizzata dagli eredi di Wes e curata nei minimi dettagli dall'appassionato produttore Zev Feldman, che sta mettendo a segno colpi discografici di grandissimo valore per l'etichetta Resonance. Per questo album Feldman ha avuto accesso ai nastri originali della ORTF francese e li ha trasferiti con la massima qualità possibile. Il produttore ha colto l'occasione per rimettere finalmente a posto anche i titoli dei brani che nei vari bootleg erano stati solo in parte espressi in maniera corretta.

Il booklet allegato al CD si sviluppa elegantemente su 32 pagine con belle foto d'epoca, scattate quel giorno in teatro da Jean-Pierre Leloir. All'interno, oltre ad alcuni articoli tecnici molto ben argomentati, troviamo anche interviste con il pianista Harold Mabern e con il chitarrista Russell Malone. Immancabile per ogni appassionato di chitarra che si rispetti. E non solo per loro.

Track Listing: CD 1:
Four on Six; Impressions; The Girl Next Door; Here's That Rainy Day; Jingles.
CD 2:
To Wane; Full House; 'Round Midnight; Blue 'n Boogie/West Coast Blues; Twisted Blues.

Personnel: Wes Montgomery: guitar; Harold Mabern: piano; Arthur Harper: bass; Jimmy Lovelace: drums; Johnny Griffin: tenor saxophone (2-2, 2-3, 2-4).

Title: In Paris: The Definitive ORTF Recording | Year Released: 2018 | Record Label: Resonance Records

Tags

Related Video

comments powered by Disqus

CD/LP/Track Review
Reassessing
CD/LP/Track Review
Read more articles
In Paris: The Definitive ORTF Recording

In Paris: The...

Resonance Records
2018

buy
One Night in Indy

One Night in Indy

Resonance Records
2018

buy
Wes Montgomery In Paris

Wes Montgomery In...

Resonance Records
2018

buy
Smokin’ in Seattle: Live at the Penthouse (1966)

Smokin’ in Seattle:...

Resonance Records
2017

buy
In the Beginning

In the Beginning

Resonance Records
2016

buy

Related Articles

Read Kinship CD/LP/Track Review
Kinship
by Dan Bilawsky
Published: August 18, 2018
Read Ask For Chaos CD/LP/Track Review
Ask For Chaos
by Gareth Thompson
Published: August 18, 2018
Read Homage to a Dreamer CD/LP/Track Review
Homage to a Dreamer
by Nenad Georgievski
Published: August 18, 2018
Read Live At Cafe Amores CD/LP/Track Review
Live At Cafe Amores
by John Sharpe
Published: August 18, 2018
Read Passion Reverence Transcendence CD/LP/Track Review
Passion Reverence Transcendence
by Mike Jurkovic
Published: August 17, 2018
Read Inner Voice CD/LP/Track Review
Inner Voice
by Don Phipps
Published: August 17, 2018
Read "Explosion" CD/LP/Track Review Explosion
by C. Michael Bailey
Published: July 9, 2018
Read "Magdalena" CD/LP/Track Review Magdalena
by Hrayr Attarian
Published: July 13, 2018
Read "Sextet (Parker) 1993" CD/LP/Track Review Sextet (Parker) 1993
by Mark Corroto
Published: February 19, 2018
Read "Passion Reverence Transcendence" CD/LP/Track Review Passion Reverence Transcendence
by Mike Jurkovic
Published: August 17, 2018
Read "Bad Hombre" CD/LP/Track Review Bad Hombre
by Dan Bilawsky
Published: December 12, 2017
Read "Rhubarb" CD/LP/Track Review Rhubarb
by Karl Ackermann
Published: July 14, 2018