All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

0

Jason Stein: In Exchange for a Process

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Non capita tutti i giorni di imbattersi in un'incisione di solo clarinetto basso, strumento che siamo abituati ad acoltare in genere in formazioni più allargate. Sentirlo così, messo a nudo e spogliato del suo contorno, dà una sensazione inconsueta.

Ma il giovane Jason Stein (classe '76) sa già il fatto suo, forte dell'esperienza nell'ambito della nuova scena jazz di Chicago (ha fatto parte dell'ensamble post-free Bridge 61) approccia questo lavoro in solitario con la grinta e la fantasia necessarie per reggere tutta la durata di "In Exchange for a Process".

Il nostro predilige gli angoli appuntiti alle smussature melodiche, le deviazioni improvvise alle curve arrotondate delle assonanze, cosicché ne viene fuori un album ostico, pieno zeppo di situazioni contorte, evidenti già dall'iniziale "For the Sake of Edgar Polard". Per arrivare alla conclusiva "Fiction of C.G" ci vuole una bella dose di determinazione, utile anche per passare indenni le sabbie mobili di "Paint by Number" e una nutrita serie di alternanze tra suono e silenzio che caratterizzano il resto dei brani.

Stein dimostra certamente di avere del coraggio, a chi lo ascolta il compito di capire se la sua musica è semplice autocompiacimento o un qualcosa capace di andare concretamente oltre le consuetudini.

Track Listing: 1. For the Sake of Edgar Polard; 2. For Isham; 3. History Histrionics; 4. Paint By Number; 5. E.P. and Me; 6. Hysterical Eric; 7. Murray Flurry; 8. Temporary Framing of Dr. J; 9. Handmade Chicago; 10. For Peter; 11. Fiction of C.G.

Personnel: Jason Stein (clarinetto basso).

Title: In Exchange for a Process | Year Released: 2009 | Record Label: Leo Records

About Jason Stein
Articles | Calendar | Discography | Photos | More...

Tags

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related