All About Jazz

Home » Articoli » Live Reviews

0

Il novembre di A Jazz Supreme

Neri Pollastri By

Sign in to view read count
A Jazz Supreme—Musicus Concentus
Sala Vanni
Firenze
2, 11, 23 e 30.11.2018

Un novembre con i fiocchi quello della rassegna A Jazz Supreme, organizzata dal Musicus Concentus nella tradizionale sede della Sala Vanni, il cenacolo della Chiesa del Carmine, in Oltrarno a Firenze. La parte conclusiva del programma autunnale ha infatti proposto quattro appuntamenti eccezionali, che hanno alzato l'attesa per il programma primaverile, in fase di definizione.

Il primo dei concerti, il 2 novembre ha visto protagonista quella che è forse la migliore formazione italiana oggi sulla scena, vale a dire Pipe Dream, ensemble per quattro quinti italiano completato dal violoncellista statunitense Hank Roberts. Avevamo visto Pipe Dream all'opera giusto l'anno precedente al Jazz&Wine Of Peace 2017 (clicca qui per leggere la recensione del concerto) e ascoltato l'omonimo disco appena uscito (che è stato presentato al concerto), perciò eravamo perfettamente consapevoli delle qualità della formazione; tuttavia proprio per questo non era scontato che la musica si imponesse nella sua freschezza e originalità all'ennesimo ascolto, cosa che invece è avvenuta. I cinque musicisti hanno proposto il materiale già noto, piuttosto strutturato ancorché non privo di spazi di improvvisazione libera, la composizione dei suoni del quale è però di tale ricchezza da offrire sempre nuove prospettive, ancor più in una situazione live. La caratteristica di questa maiuscola formazione è tutto sommato il fatto di non avere ruoli ben determinati tra i suoi componenti, giacché le due "prime voci"—l'eccellente Filippo Vignato al trombone e Roberts al violoncello o alla voce—in realtà lavorano in piena interazione con il pianoforte e il Fender Rhodes di Giorgio Pacorig, con il vibrafono di Pasquale Mirra e anche con la batteria di Zeno De Rossi, nessuno dei quali si limita alla parte ritmica ma interviene compiutamente nella costruzione armonica e timbrica. Ne scaturisce una musica avvolgente e avvincente, originale ed entusiasmante, spesso dall'incedere radioso e possente, che si gusta fino all'ultima nota. Splendido concerto, assai apprezzato dal pubblico presente.

Il 16 del mese di scena una prima assoluta: Seacup, la nuova e singolare formazione del batterista Stefano Tamborrino, qui soprattutto in veste di compositore. Infatti Seacup è un quartetto d'archi cameristico, completato dal sax tenore di Dan Kinzelman e al quale solo in alcuni brani si aggiunge la batteria dello stesso Tamborrino, per il resto impegnato nella direzione della formazione. I protagonisti principali sono nell'ordine Ilaria Lanzoni al violino, Katia Moling alla viola, Naomi Berrill al violoncello e Gabriele Evangelista al contrabbasso. Il musicista fiorentino è solito stupire e anche in questo caso non ha fatto eccezione: chi si aspettava un utilizzo jazzistico degli archi è infatti stato smentito da un concerto di impianto davvero cameristico, nel quale—a parte alcuni momenti—lo stesso Kinzelman si inseriva in modo coerente, rispettando le serrate partiture scritte da Tamborrino. La particolarità, tuttavia, stava proprio nelle partiture: sonorità contemporanee, certo, ma anche "strane," oblique, dissonanti in modo decisamente originale. Forse non tutte "gradevoli" o pienamente convincenti, ma egualmente sempre sorprendenti e stimolanti, tanto da non mostrare momenti di ridondanza. Eccellenti gli interpreti, in particolare Evangelista—che fungeva un po' da colonna centrale della musica—e la violinista Ilaria Lanzoni, mentre la Berrill interveniva più volte anche alla voce. In alcuni brani, poi, i generi si mescolavano un po,' con il sopraggiungersi di atmosfere vagamente pop, oppure—nel brano più "estremo"—con l'intervento solistico di Kinzelman, che si è protratto in un lungo lavoro in respirazione circolare su pochissime note, ipnotico, prima in solitudine e poi come centro focale attorno al quale ruotava la musica (scritta) degli altri membri della formazione. Particolarmente suggestivo il brano finale, "Almost Jesus," con interventi vocali in talking ritmato prima di Tamborrino, poi corali. Bella musica, originalissima, conferma della genialità di un musicista decisamente fuori dell'ordinario.

Tags

Watch

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related Articles

Live Reviews
Doug Perkins and Jamie Masefield At The Double E Performance Center
By Doug Collette
April 21, 2019
Live Reviews
Carla Bley's Trio at the Jazz Standard
By Akinfe Fatou
April 21, 2019
Live Reviews
Jamey Johnson, with Kelsey Waldon and Chris Hennessee, at The Paramount
By Mike Perciaccante
April 20, 2019
Live Reviews
Pat Metheny at The Space at Westbury
By Mike Perciaccante
April 12, 2019
Live Reviews
Arpeggio Jazz Ensemble "Bebop" Concert at Woodmere Art Museum
By Victor L. Schermer
April 10, 2019
Live Reviews
Montréal Audio Fest 2019
By John Kelman
April 9, 2019