All About Jazz

Home » Articoli » General Articles

2

I Nuovi Protagonisti dell'Orchestrazione - 1: Darcy James Argue - Ryan Truesdell - Orrin Evans

Angelo Leonardi By

Sign in to view read count
Vista la ricchezza di elementi in gioco quello che poteva diventare un inutile pastiche, diventa nella scrittura di Darcy James Argue un percorso logico che non perde la direzione, dove ogni capitolo è consequenziale al precedente. È impossibile qui darne una raffigurazione anche sommaria e rimandiamo alle specifiche recensioni. Spazia da momenti bandistici (Sousa) ad altri sinfonici, da fragorosi collettivi alla Don Ellis a quadri impressionisti, da riferimenti alle avanguardie jazzistiche degli anni settanta al rock sperimentale attivo nell'odierna New York. Il tutto condito da citazioni di motivi popolari balcanici, valzer, marce e legami con la musica colta statunitense (Leonard Bernstein, Charles Ives e Samuel Barber).
Il passato e il presente si specchiano uno nell'altro, Ottocento, Novecento e Nuovo Millennio convivono in una rappresentazione immaginifica e di largo respiro, in piena dimensione steampunk.

RYAN TRUESDELL

Prima della pubblicazione di Centennial -Newly Discovered Works of Gil Evans (ArtistShare, 2012), Ryan Truesdell era relativamente sconosciuto al di là di una piccola cerchia di addetti ai lavori. Aveva collaborato per anni con Maria Schneider e co-prodotto gli album Concert in the Garden e Sky Blue; poi col suo insegnante Bob Brookmeyer (producendo l'album Bob Brookmeyer with the NDR Big Band); ed ancora con Todd Coolman, componendo un brano per il CD Perfect Strangers.
In veste di orchestratore aveva operato con l'U.S. Air Force Band of the Pacific diretta da Ingrid Jensen; con il pianista Frank Kimbrough e l'University of Minnesota Jazz Ensemble e condotto la New York Youth Symphony's Jazz Band Classic in una sua composizione.

Il disco del suo debutto da leader, nelle celebrazioni del centenario della nascita di Gil Evans, ha rappresentato un evento. In anni di paziente ricerca (anche nell'archivio reso disponibile dalla famiglia), Truesdell ha scoperto molte partiture inedite dell'arrangiatore canadese e ha varato un ambizioso progetto di pubblicazione. Tutto ciò ha comportato la formazione di un'orchestra e un accurato lavoro di rielaborazione ed esecuzione, per rendere la musica il più possibile fedele all'estetica del suo autore.
L'accoglienza della stampa è stata superlativa: Centennial ha suscitato l'interesse delle principali pubblicazioni di jazz e ha ottenuto il Jazz Journalist Association Award e il sesto posto al Critics Poll di Down Beat 2013, nelle categorie miglior album. L'ultimo referendum della critica gli ha conferito il primo posto nelle categorie rising star arranger e big band.

34 anni, nato a Madison (Wisconsin) in una famiglia aperta alla musica, Ryan Truesdell inizia a suonare nell'adolescenza l'oboe e il sassofono, scoprendo progressivamente il jazz e sentendosi attratto dalla dimensione orchestrale. Art Pepper Plus Eleven arrangiato da Marty Paich è stato uno dei primi lavori a colpirlo ma la vera svolta è venuta negli anni delle scuola superiori con l'ascolto di Porgy and Bess di Miles Davis / Gil Evans.
"Le prime note di "The Buzzard Song" -ha ricordato Ryan nella lunga intervista a Victor L. Schermer su questa testata-erano qualcosa che non avevo mai ascoltato prima. Non potevo crederci! Non riuscivo a capire cosa stesse succedendo. Chi, e che tipo di strumenti producevano quei suoni. Era totalmente strabiliante. Il giorno dopo sono uscito a comprare gli altri dischi che Miles aveva realizzato con quell'uomo chiamato Gil Evans. È nata così, negli anni delle scuole superiori, una connessione."

Qualche tempo dopo, conclusi gli studi all'University of Minnesota con un diploma in teoria musicale e arrangiamento, Ryan s'iscrive al New England Conservatory per studiare composizione con Bob Brookmeyer. Nel frattempo conosce Maria Schneider, che lo invita a collaborare al suo lavoro in veste di copista.

Il progetto su Gil Evans si struttura gradualmente in base al suo interesse per la musica dell'arrangiatore scomparso. Truesdell parla con chi gli è stato vicino come la Schneider ed ex musicisti come Howard Johnson e Gil Goldstein e con il figlio Miles Evans. Questi gli fornisce alcune copie della partiture paterne e tra loro inizia quindi una collaborazione per raccogliere in modo organico il lavoro di Evans, ricercando anche le partiture in possesso di altri musicisti o di librerie (come gli arrangiamenti scritti per l'orchestra di Claude Thornill). Ryan si rende conto di avere a disposizione oltre 50 orchestrazioni inedite di Gil Evans e, incoraggiato da Maria Schneider, nasce l'idea di renderle vive con esecuzioni orchestrali.
Il debutto avviene in un concerto nell'inverno del 2011 con l'orchestra dell'Eastman School of Music.

Centennial

Tags

comments powered by Disqus

Shop Music & Tickets

Click any of the store links below and you'll support All About Jazz in the process. Learn how.

Zeno

Zeno

Darcy James Argue
Infernal Machines

Live Reviews
CD/LP/Track Review
General Articles
CD/LP/Track Review
Megaphone
Read more articles
Real Enemies

Real Enemies

New Amsterdam Records
2016

buy
Brooklyn Babylon

Brooklyn Babylon

New Amsterdam Records
2014

buy
Brooklyn Babylon

Brooklyn Babylon

New Amsterdam Records
2013

buy
Infernal Machines

Infernal Machines

New Amsterdam Records
2010

buy
Infernal Machines

Infernal Machines

New Amsterdam Records
2009

buy

Related Articles

Read "Moers Festival 2018" Live Reviews Moers Festival 2018
by Martin Longley
Published: July 27, 2018
Read "Winter 2018" Blues Deluxe Winter 2018
by Doug Collette
Published: March 18, 2018
Read "Dawn Clement: Here In The Moment" Interviews Dawn Clement: Here In The Moment
by Paul Rauch
Published: January 23, 2018
Read "Holiday 2017 II - Classical" Bailey's Bundles Holiday 2017 II - Classical
by C. Michael Bailey
Published: December 3, 2017