All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

Jimmy Scott: I Go Back Home: A Story About Hoping And Dreaming

Angelo Leonardi By

Sign in to view read count
I Go Back Home è l'ultima toccante testimonianza di Jimmy Scott, singolare cantante afro-americano, riscoperto e celebrato in età avanzata all'inizio degli anni Novanta. La produzione di questo album è stata fortemente voluta dal tedesco Ralf Kemper che ha affiancato a Jimmy Scott ospiti del calibro di Kenny Barron, Dee Dee Bridgewater, Till Bronner, Joey DeFrancesco, James Moody, Gregoire Maret, Joe Pesci, Arturo Sandoval e risale al 2009.
Accanto al disco è stato realizzato un documentario del regista Yoon-ha Chang sulla genesi del lavoro e la vita del singolare interprete con altre testimonianze illustri (Quincy Jones, Tommy LiPuma, Madeleine Peyroux).

L'album è ovviamente un tributo e una celebrazione ma è importante sottolineare la sua distanza dalle tante operazioni superficiali e/o spettacolari prodotte su un artista in età avanzata. Anche se in condizioni fisiche precarie, Jimmy ci regala una meravigliosa e straziante testimonianza della sua arte, una soulfulness diventata negli anni disadorna e dolente, ricca di una tensione emotiva che pochi interpreti hanno saputo esprimere.
Per lui ogni song non è mai stato un oggetto da riproporre ma un momento da vivere con struggente partecipazione, interpretandolo con grazia e profondità. "Nel rapporto con una canzone—ha detto in un'intervista—è importante concentrarsi sul colore e sul clima dell'interpretazione, raccontare una storia e darle un significato." In questo disco lo fa in modo magistrale, restando come sempre legato all'identità melodica dei brani.

Quello che accade nel corso della registrazione è commovente. La dimensione disadorna, dolente e la profondità con cui Jimmy disegna alcuni classici della canzone americana fa ricordare Lady in Satin di Billie Holiday: la dolcezza delle orchestrazioni per archi e i limpidi interventi degli ospiti si coniugano alle pieghe abrasive e languide della sua voce, talvolta adagiata sul parlato.
Risulta evidente già dal brano d'apertura, quel "Motherless Child" che è stato uno dei suoi temi favoriti. I partner gli sono vicini con rispetto e partecipazione e i momenti coinvolgenti sono davvero molti. Joey De Francesco suona l'organo con rara grazia; il chitarrista e cantante brasiliano Oscar Castro-Neves (purtroppo scomparso nel 2013) è il partner ideale per una versione di "Love Letters" che si snoda sulle ali della bossa nova; Kenny Barron e Till Brönner offrono pregevoli interventi rispettivamente in "How Deep Is the Ocean" e "If I Ever Lost You." Tra i brani non poteva mancare quel "Everybody's Somebody's Fool" che, nel 1950 con Lionel Hampton, rappresentò il primo e unico successo commerciale di Jimmy Scott. In quest'ultima versione lo affianca James Moody (anche lui scomparso nel 2010).

Una testimonianianza singolare e preziosa. La dolcezza straziata dell'ultimo Jimmy Scott ci accompagnerà a lungo.

Track Listing: Motherless Child; The Nearness of You; Love Letters; Easy Living; Someone to Watch Over Me; How Deep Is the Ocean; If I Ever Lost You; For Once in My Life; I Remember You; Everybody Is Somebody's Fool; Folks Who Live on the Hill; Poor Butterfly.

Personnel: Jimmy Scott: voce; Joey DeFrancesco: organo; Kenny Barron: pianoforte; Martin Gjakonovski: contrabbasso; Hans Dekker: batteria; Joe Pesci: voce; Michael Valerio: contrabbasso; Peter Erskine: batteria; Oscar Castro-Neves: voce, chitarra; Gregoire Maret: armonica; John Pisano: chitarra; Renee Olstead: voce; Till Brönner: tromba; Bob Mintzer: sax (tenore); Monica Mancini: voce; Arturo Sandoval: tromba; James Moody: sax (tenore); HBR Studio Symphony Orchestra.

Title: I Go Back Home: A Story About Hoping And Dreaming | Year Released: 2017 | Record Label: Eden River Records

Tags

Watch

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Album Reviews
Film Reviews
Interviews
Profiles
Album Reviews
Book Reviews
Album Reviews
Read more articles
I Go Back Home: A Story About Hoping And Dreaming

I Go Back Home: A...

Eden River Records
2017

buy
I Go Back Home: A Story About Hoping And Dreaming

I Go Back Home: A...

Eden River Records
2016

buy
Profiles

Profiles

Milestone
2006

buy
Moonglow

Moonglow

Fantasy Jazz
2003

buy
Everybody's Somebody's Fool

Everybody's...

Decca Music Group
2003

buy
Moon Glow

Moon Glow

Fantasy Jazz
2003

buy

Related Articles

Read Higher Album Reviews
Higher
By Tyran Grillo
May 26, 2019
Read The Unlonely Raindancer Album Reviews
The Unlonely Raindancer
By Matt Parker
May 26, 2019
Read Pyramid Scheme Album Reviews
Pyramid Scheme
By Mark Sullivan
May 26, 2019
Read Mosaismic Album Reviews
Mosaismic
By Mike Jurkovic
May 26, 2019
Read Caldera / Sky Islands Album Reviews
Caldera / Sky Islands
By Jakob Baekgaard
May 25, 2019
Read Baby, Please Come Home Album Reviews
Baby, Please Come Home
By Doug Collette
May 25, 2019
Read Reckless Heart Album Reviews
Reckless Heart
By Doug Collette
May 25, 2019