All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

0

Theo Bleckmann: I Dwell in Possibility

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Theo ha una missione: raccogliere il Paradiso con le strette mani. Proprio come nella poesia di Emily Dickinson, I Dwell in Possibility (evidentemente questa poetessa statunitense esercita un grande fascino sulla sperimentazione musicale - vedi l'ultimo David Sylvian, ad esempio).

Più che con le mani, però, il cantante vorrebbe stringere e afferrare il Paradiso con la sua voce. Ci riesce anche grazie alle atmosfere celestiali favorite e amplificate dalle perfette condizioni acustiche del monastero di Beinwill (in Svizzera) in cui il disco è stato registrato.

Non ci sono trucchi, espedienti, post produzione: qui tutto è reale. Bleckmann esibisce la sua vocalità e ogni tanto la fa ergere, one-man-band estremo, su suoni suggestivi creati con una bottiglia d'acqua, con un IPhone, una melodica, scatole di giocattoli, vibratone, glass harp e schiccherie varie (la title track).

Il riverbero della sua voce scandaglia dentro la spiritualità senza fondo del silenzio ("Duet for One"); lo rende materia vivida, gli dona vivacità. Spinge oltre i registri della sua espressività vocale come se la stesse immergendo tra gli anfratti e le volte, le statue e gli arredi del monastero alla stessa stregua di un "rumore bianco," quando viene liberato da un ingegnere del suono per ottenerne i necessari feedback ("Static Still").

A tratti ricorda le timbriche dell'ultimo Sting, (nel rifacimento della "Lord Is It Mine" dei Supertramp). Altre volte sembra il suo un gorgoglio vocale africano di richiamo ancestrale (l'eclettica e complicata "Wa-Lie-Oh" di Meredith Monk).

La cover di James Taylor e Don Grolnick ("That Lonesome Road"), Theo la trasforma in un canto depurato dalle inflessioni country. Poi con "So La So Mi" apre i giardini dell'Eden e si spinge oltre ("Ma'at" inaugura un ciclo di tre canzoni tratte da preghiere egiziane e frammenti tratti dall'Euripides di Laurie McCants).

Il jazz e uno dei brani intramontabili vengono rappresentati dalla versione per "rane indonesiane" di "Comes Love".

Un CD che lascia a bocca aperta.

Track Listing: I Dwell In Possibility; I Hear A Rhapsody; Lord Is It Mine; Duet For One; Static Still; Wa-lie-oh; That Lonesome Road; So La So Mi; Ma'at; If Only; Earth And Sky; The Fiddle And The Drum; Kleines Norwegisches Wintergedicht; Comes Love.

Personnel: Theo Bleckmann: voice, autoharp, chime balls, chimes, finger cymbals, flutes, glass harp, hand-held fan, Indonesian frog bugger, iPhone, lyre, melodica, miniature zither, nut shell shakers, rotary pan flute, shruti box, tongue drum, toy amp, toy boxes, toy megaphones, vibratone, water bottle.

Title: I Dwell In Possibility | Year Released: 2010 | Record Label: Winter & Winter

Tags

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related Articles

Read Phalanx Ambassadors Album Reviews
Phalanx Ambassadors
By Troy Dostert
June 26, 2019
Read When Will The Blues Leave Album Reviews
When Will The Blues Leave
By John Ephland
June 26, 2019
Read Nothing Here Belongs Album Reviews
Nothing Here Belongs
By Jerome Wilson
June 26, 2019
Read Gods Of Apollo Album Reviews
Gods Of Apollo
By Roger Farbey
June 26, 2019
Read Migrations Album Reviews
Migrations
By Dan McClenaghan
June 25, 2019
Read Samba Azul Album Reviews
Samba Azul
By Mackenzie Horne
June 25, 2019
Read Blue Waltz - Live at Gustavs Album Reviews
Blue Waltz - Live at Gustavs
By Jakob Baekgaard
June 25, 2019