All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

1

Luis Lopes: Humanization 4tet

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Luis Lopes: Humanization 4tet
Una pulsazione ipnotica con la cavata del contrabbasso che aggancia subito l’attenzione dell’orecchio, il ribollio della batteria che swinga libera, ed il groove di fondo è servito. Poi entra il tenore, ruvido quanto basta, note in economia per frasi suggerite, frastagliate, penetranti; infine la chitarra, elettrica ma dolce, avvolgente e naive, fuori da schemi e modelli riconoscibili.

Si presenta così l’Umanization 4tet, senza clamori, senza effetti pirotecnici, ma con un suono ben definito, un approccio compositivo originale, un fare un poco ruspante, le idee chiarissime, da formazione navigata. Ed invece sono all’album di debutto. Il leader portoghese Luis Lopes è ottimo compositore, chitarrista anomalo, gran assemblatore di talenti, solista maggiormente interessato al risultato complessivo piuttosto che a mettere in evidenza le proprie abilità o le singole voci.

In “Paso (for Pier Paolo Pasolini)“ si mette al servizio della lunga improvvisazione del tenorista Rodrigo Amado, creando macchie timbriche minime ma perfette nell’esaltare i delicati equilibri. In “Principio da incerteza (for Stephen Hawking)“ attraversa il brano con linee dall’andamento irregolare, utilizzando una tecnica di tipo puntillistico con reminiscenze di Derek Bailey. Mentre in “Long March (for Frida Kahlo)“ sono le venature country-folk alla Bill Frisell a prendere il sopravvento.

Detto dei fratelli Gonzalez, figli del grande trombettista Dennis, coppia ritmica affiatata, mobilissima, elastica, implacabile, non si può non sottolineare la grande personalità del sassofonista Amado. In possesso di un timbro d’altri tempi, che si lanci in improvvisazioni furiose come nella conclusiva “4 Small Steps“, o che costruisca frasi dall’architettura ineccepibile, Amado conserva una musicalità, un senso melodico, una souplesse esecutiva assai rare nei sassofonisti odierni che operano nei territori del jazz più creativo.

Gruppo da seguire con grande attenzione.

Track Listing

01. Cristadingo; 02. Paso (for Pier Paolo Pasolini); 03. Principio da incerteza (for Sthephen Hawking); 04. Big Love (for Joe Giardulo); 05. Long march (for Frida Kahlo); 06. 4 Small Steps. Tutte le composizioni sono di Luis Lopes.

Personnel

Luis Lopes (chitarra); Rodrigo Amado (sax tenore); Aaron Gonzalez (basso); Stefan Gonzalez (batteria).

Album information

Title: Humanization 4tet | Year Released: 2008 | Record Label: Clean Feed Records

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Read Alex Moxon Quartet
Alex Moxon Quartet
Alex Moxon Quartet
Read I Went This Way
I Went This Way
Rachel Musson
Read HH
HH
Lionel Loueke
Read Dominos
Dominos
Chuck Anderson
Read Secrets & Lies
Secrets & Lies
Jakko M. Jakszyk
Read Ceremonie / Musique
Ceremonie / Musique
What Happens In A Year

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.